E 'possibile vaccinare il DPT e contro la poliomielite contemporaneamente

Virus

La maggior parte delle vaccinazioni per i bambini fanno nel primo anno di vita. Ciò è dovuto al fatto che l'immunità a questa età nei bambini è ancora indebolita. I bambini sono più suscettibili alle infezioni e ne soffrono. Alcune vaccinazioni vengono somministrate lo stesso giorno, vale a dire che le vaccinazioni contro la poliomielite e la poliomielite vengono spesso eseguite contemporaneamente.

Il DPT e la polio possono essere vaccinati contemporaneamente e a che età? È facile per i bambini sopportare e quali sono le possibili conseguenze? Abbiamo bisogno di una preparazione speciale per tale vaccinazione e quali misure rendono più facile il suo trasferimento?

Posso fare allo stesso tempo le vaccinazioni

DPT è fatto per proteggere il bambino da difterite, tetano e pertosse. Il rischio di infezione da queste malattie è molto alto e i bambini sono difficili da tollerare tali infezioni pericolose. La poliomielite provoca complicazioni sotto forma di paralisi degli arti. Pertanto, la vaccinazione contro queste malattie è stata introdotta nel programma di vaccinazione nazionale della maggior parte dei paesi del mondo. Nel calendario russo, la tempistica per l'immunizzazione contro difterite, tetano, pertosse e poliomelite è la stessa, quindi le vaccinazioni per queste infezioni vengono spesso somministrate contemporaneamente a diversi vaccini, in modo pianificato.

Il DPT e la polio possono essere vaccinati insieme? - Questa combinazione non rappresenta un pericolo per un bambino sano. Gli effetti collaterali con la somministrazione congiunta di farmaci non aumentano rispetto alla vaccinazione separata. E il rispetto delle regole e la preparazione tempestiva del bambino impediscono lo sviluppo di conseguenze indesiderabili.

Quando e quante volte fanno DPT e la polio

Per la prima volta, la vaccinazione DPT, come la poliomielite, viene posizionata secondo il calendario all'età di tre mesi. Il secondo vaccino DPT, così come contro la polio, viene somministrato in 4,5 mesi. È meglio vaccinare il bambino con lo stesso farmaco della prima volta, ma è possibile sostituirlo con un altro vaccino con lo stesso contenuto di antigene. La terza immunizzazione con vaccini DTP e poliomielite viene effettuata a sei mesi di età. Deve essere effettuato con una pausa obbligatoria di 1-1,5 mesi dopo quella precedente.

Se a questa età la vaccinazione DPT è stata rifiutata per qualche motivo, allora è stata somministrata 3 volte con un intervallo di 1,5 mesi. E la rivaccinazione viene eseguita un anno dopo l'ultima iniezione.

La rivaccinazione pianificata di DTP e poliomielite viene effettuata nelle seguenti date:

  • a 18 mesi - la prima rivaccinazione di DTP e poliomielite;
  • in 20 mesi - la seconda rivaccinazione di poliomielite;
  • a 6-7 anni, la seconda rivaccinazione contro il tetano e la difterite con il vaccino ADS-M (senza la componente della pertosse);
  • all'età di 14 anni, la terza rivaccinazione contro difterite, tetano e poliomielite.

Il farmaco DPT viene utilizzato solo fino all'età di quattro anni, dopo di che iniziano a utilizzare il vaccino importato. Inoltre, ai bambini dai 4 ai 6 anni viene somministrato il vaccino antiretrovirale e, dopo 6 anni, il vaccino ADS-M.

Contemporaneamente al vaccino DTP o al suo analogo importato "Infanrix", viene somministrato un vaccino antipolio inattivato o un OPV orale vivo contro la poliomielite.

Come i bambini tollerano la vaccinazione DPT e la poliomielite

Le vaccinazioni DTP e poliomielite possono causare effetti collaterali più comuni durante i primi tre giorni. I sintomi indesiderati possono causare l'antigene di questi vaccini singolarmente o, possibilmente, i loro effetti combinati. Ma il più reattivo è il componente della pertosse del vaccino DPT - è quello che provoca la più grande reazione nel corpo.

La vaccinazione contro la poliomielite nei bambini a 3 mesi viene effettuata con la preparazione orale dal vivo. È lasciato cadere sulla radice della lingua, dove ci sono molte papille gustative. Sentendosi amareggiato, il bambino può ruttare. Se si verifica un effetto emetico dopo la vaccinazione, il vaccino viene reiniettato. Bambini dopo 12 mesi di droga per la flebo sulle tonsille, dove non ci sono le papille gustative. Pertanto, il riflesso del vomito non si verifica.

Dopo la vaccinazione, la poliomielite e il DTP possono sviluppare una reazione locale e generale.

Al sito di iniezione DTP possibile:

Il gonfiore e la compattazione di più di 5 cm di diametro possono durare 2-3 giorni. A causa del dolore il bambino protegge la gamba. Questa è una reazione normale, passerà tra qualche giorno. Una reazione pronunciata dopo DTP è un rossore con un diametro superiore a 8 cm e può durare 1-2 giorni.

Le reazioni generali alla vaccinazione con DTP e poliomielite a 6 mesi sono le stesse di tre e quattro mesi di età:

  • aumento di temperatura di 38,0-39,0 ° C;
  • ansia;
  • irritabilità;
  • pianto;
  • letargia e sonnolenza;
  • perdita di appetito;
  • in rari casi, vomito e diarrea.

L'effetto collaterale più frequente dopo l'iniezione di DPT è elevata temperatura. Ciò è dovuto alla produzione di anticorpi nel sangue di agenti patogeni. Quanto dura la temperatura dopo la vaccinazione con DTP e poliomielite? - può essere fino a 5 giorni. Più spesso passa in modo indipendente. Se la temperatura non diminuisce dopo 5 giorni, significa un raffreddore o lo sviluppo di un'infezione non correlata alla vaccinazione.

In rari casi, dopo la vaccinazione con DTP e poliomelite, c'è una forte reazione. Si esprime aumentando la temperatura a 40,0 ° C e oltre. Questa reazione è causata dall'elemento di pertosse del vaccino DPT. In questi casi, al bambino può essere somministrato un anestetico "Panadol", "Paracetamolo" e fare riferimento a un pediatra.

Se la prima immunizzazione con il vaccino DTP ha causato una forte reazione del corpo, allora la prossima volta dovrebbe essere sostituito con il farmaco "Infanrix".

Possibili complicazioni

Oltre alla normale reazione, a volte dopo la vaccinazione, si sviluppano complicazioni, ma sono registrate solo in 1 caso ogni 100 mila. I genitori dovrebbero distinguere tra la solita reazione al vaccino, che a sua volta scompare, e le complicanze associate alla malattia dopo la vaccinazione.

In seguito alla vaccinazione con DTP e poliomielite possono avere i seguenti effetti.

  1. Sindrome spasmodica, che può provocare febbre alta. Meno spesso ci sono convulsioni senza febbre, che possono indicare precedenti lesioni del sistema nervoso del bambino.
  2. Allergia di gravità variabile. Più spesso, eruzioni cutanee pruriginose sul corpo. In rari casi si sviluppa una grave reazione allergica sotto forma di edema di Quincke. Ancora meno spesso, per mezz'ora dopo la vaccinazione, può verificarsi una complicazione pericolosa: shock anafilattico.
  3. Encefalopatia: si manifesta con disturbi neurologici causati dalla componente della pertosse del vaccino.

In rari casi, i bambini dopo la vaccinazione con il vaccino vivo OPV sviluppano una complicanza - poliomelite associata al vaccino.

Come prevenire la reazione

La tolleranza della vaccinazione è fortemente influenzata dalla preparazione del bambino, dal rispetto delle regole di vaccinazione e dalle condizioni di conservazione del farmaco.

I genitori dovrebbero seguire le linee guida generali prima e dopo la vaccinazione simultanea di DPT e poliomielite.

  1. Se il bambino è incline alle allergie, il medico consiglierà di assumere antistaminici. In questo caso, dopo la vaccinazione con DTP e contro la polio, non è raccomandato l'uso di Suprastin e Tavegil. A causa del fatto che asciugano le membrane mucose del rinofaringe, c'è il rischio di complicanze delle infezioni respiratorie acute e a temperature elevate. Pertanto, è preferibile dare "Klaritin" allo sciroppo.
  2. Prima della vaccinazione, è necessario consultare un medico, misurare la temperatura. Il bambino il giorno della vaccinazione deve essere sano.
  3. Non vaccinare DTP e poliomielite dal bambino sudato. Devi aspettare di fronte all'ufficio e dare da bere al bambino.
  4. I bambini tollerano più facilmente il vaccino senza sforzi inutili sull'intestino. Pertanto, il giorno prima è necessario ridurre la quantità e la concentrazione di cibo. Non nutrire per un'ora prima e immediatamente dopo la vaccinazione DPT.
  5. Non è auspicabile vaccinare se non ci sono feci nelle ultime 24 ore. È necessario liberare l'intestino con un clistere.
  6. Il giorno dell'iniezione, così come dopo, si consiglia di limitare la comunicazione con le persone al fine di evitare l'infezione.
  7. Gravi effetti collaterali e gravi complicanze nell'80% dei casi si verificano durante la prima ora dopo la vaccinazione. Pertanto, questa volta è necessario rimanere in clinica per monitorare il bambino.

Il rispetto di tali raccomandazioni riduce significativamente il rischio di effetti collaterali e complicanze.

Domande frequenti

  1. Cosa devo fare se mio figlio ha la febbre dopo la vaccinazione con DTP e poliomielite? Se il termometro è inferiore a 38,0 ° C, somministrare un leggero agente antipiretico - "Paracetamolo", "Efferalgan", "Panadol", "Tylenol". Se supera 38.0 ° C, allora Nurofen, Ibuprofen in sciroppo farà. Con l'inefficacia di questi fondi può essere dato "Nimesulide". Inoltre, è necessario fornire soluzioni per reintegrare i liquidi corporei. Per fare questo, sciogliere la polvere "Regidron", "Glukosolan", Humana Elektrolyt o "Gastrolit" in acqua. E anche bere liquidi - succo di frutta, tè al limone o composta.
  2. Quando posso camminare dopo la vaccinazione con DPT e poliomielite? Quando torni a casa dopo la vaccinazione, misura la temperatura e ispeziona il bambino per l'eruzione cutanea e le condizioni generali. Il giorno della procedura è meglio stare a casa per monitorare il bambino. Il giorno dopo, fai una passeggiata, ma non al parco giochi, ma al parco. Una porzione di ossigeno aiuterà a dormire e recuperare. Devi camminare ogni giorno il più possibile.
  3. È possibile bagnare il luogo in cui hai ottenuto il vaccino DPT e la poliomielite? Non bagnare il primo giorno per evitare l'infezione. Il giorno dopo, puoi bagnarlo, ma non strofinarlo.
  4. Posso bagnare il mio bambino dopo la vaccinazione con DTP e poliomielite? Il primo giorno, astenersi dal lavarlo: la ferita deve essere stretta. Il giorno dopo è possibile fare il bagno senza l'uso di un panno, se la temperatura corporea non è superiore a 37,5 ° C. Ad alte temperature, puoi pulire la pelle con un panno umido.
  5. Cosa fare se la gamba di un bambino fa male dopo la vaccinazione con DTP e contro la polio? Secondo la raccomandazione dell'OMS, il bambino viene vaccinato all'anca nel primo anno. L'introduzione del vaccino nel gluteo è considerata una violazione delle regole. Dopo un anno e mezzo, il DTP viene eseguito a spalla. Con l'introduzione del vaccino nella coscia il rischio di complicanze è ridotto, ma in alcuni casi, la gamba del bambino fa male male. Quindi il piede non può essere sfregato, riscaldato o applicato al suo freddo. Il gonfiore doloroso nel sito di iniezione può risolversi per 2 settimane. E questo è normale, perché c'è un processo infiammatorio che diminuisce dopo l'assorbimento del farmaco. Può essere accelerato imponendo il gel "Troxevasin". Di solito si sviluppa un sigillo forte se il vaccino non viene iniettato nel muscolo, ma sotto la pelle, da dove l'assorbimento è rallentato. Ma quando l'iniezione viene effettuata in violazione dell'asepsi, può formarsi una suppurazione, che è accompagnata da un aumento della temperatura. In questo caso, il bambino dovrebbe essere consultato con il chirurgo.

Analoghi DTP importati

Sebbene i vaccini russi siano di alta qualità, le importazioni sono più ipoallergeniche e più sicure. Per ridurre al minimo gli effetti collaterali dell'uso di DTP e poliomielite, è possibile utilizzare i vaccini importati.

  1. Il vaccino francese Pentaxim combina la protezione contro la difterite, la pertosse, il tetano (vale a dire, come il DTP) e anche contro la poliomielite. Oltre al vaccino, un componente antiemofilico viene confezionato separatamente, che viene miscelato con il resto del componente prima dell'uso. Pentaxim consente di ridurre il numero di vaccinazioni. Dopo tutto, con una vaccinazione separata mettete DTP o Infanrix più IPV o OPV contro la polio. Il vaccino "Pentaxim" contiene tutti questi componenti in sé, il che è conveniente poiché non deve ferire il bambino più volte. Inoltre, dopo che non si verifica la polio associata al vaccino, in quanto il farmaco contiene un virus morto.
  2. Più recentemente, è stato utilizzato il vaccino Tetrakok di fabbricazione francese, che ha fornito protezione contro difterite, pertosse, tetano e poliomielite. Ma è già fuori produzione.
  3. Produzione belga "Infanrix". È un analogo di qualità di DPT. L'assenza di mertiolato e l'uso di microbi uccisi pertosse riduce significativamente il rischio di reazioni avverse. Sebbene Infanrix sia un farmaco non combinato, può essere più facilmente tollerato in combinazione con altri vaccini. Un corso completo prevede 3 vaccinazioni e una rivaccinazione. Al fine di proteggere contro la poliomielite, il vaccino IPV viene somministrato contemporaneamente ad Infanrix.
  4. Il vaccino Tetraxim francese è un farmaco combinato. Sostituisce il DTP e il vaccino antipolio. Tetraxim non contiene il mertiolato, quindi è più facile da tollerare. Per il corso completo di immunizzazione, vengono somministrate 3 vaccinazioni.

Tutti i vaccini sono intercambiabili, ma Infanrix è più facilmente tollerabile.

Controindicazioni

La vaccinazione viene ritardata fino al recupero in caso di infezioni respiratorie acute o temperatura elevata. I benefici assoluti per qualsiasi vaccinazione, tra cui DTP e poliomielite, sono i seguenti:

  • intolleranza ai vaccini o ai loro componenti;
  • reazione allergica alla prima iniezione;
  • allergico agli antibiotici se IPV è usato contro la polio

Rinviare temporaneamente la vaccinazione ai bambini con esacerbazione della diatesi.

La vaccinazione congiunta di DPT e contro la polio fin dalla tenera età protegge il bambino da quattro pericolose infezioni contemporaneamente. L'immunizzazione contro queste malattie è inclusa nel programma nazionale di immunizzazione e non è un caso che vengano eseguite contemporaneamente, come con la corretta preparazione del bambino, i possibili effetti collaterali sono ridotti al minimo. Per facilitare ulteriormente la portabilità della procedura, DTP e OPV possono essere sostituiti con una combinazione di vaccini importati.

Il DPT e la polio possono essere vaccinati allo stesso tempo?

Dai primi giorni di vita, il bambino ha bisogno di essere vaccinato, che dovrebbe essere somministrato a un certo intervallo. Ma le cliniche moderne non sono equipaggiate con alcuni vaccini per uso futuro. Pertanto, il programma delle vaccinazioni nel bambino può muoversi. Molte giovani madri sono preoccupate per questo. Dopotutto, l'introduzione di vaccinazioni multiple allo stesso tempo può portare a conseguenze spiacevoli. Possono essere somministrati contemporaneamente vaccini importanti come DTP e poliomielite? Saranno in grado di proteggere il bambino da una serie di gravi malattie, ma è pericoloso combinarle?

DTP e poliomielite contemporaneamente

Puoi fare sia DPT che polio? Questa combinazione dell'introduzione di vaccini per il bambino è considerata accettabile. Anche alcuni esperti raccomandano di fare queste vaccinazioni insieme. Dopo tutto, la reazione al corpo del bambino sarà la stessa di quando si eseguono queste procedure separatamente. Il bambino può sperimentare tali disturbi:

  • reazioni allergiche;
  • la debolezza;
  • sonnolenza.

Il primo giorno, il bambino diventa inattivo, la temperatura corporea può aumentare. Se la temperatura supera i 38 C, allora è meglio dare al bambino una medicina antipiretica.

Complicazioni dopo la vaccinazione

Affinché un bambino non abbia conseguenze dopo la vaccinazione con questi farmaci, è necessario sottoporsi a un esame approfondito da un pediatra, un neuropatologo e un allergologo. Se questi specialisti non hanno riscontrato anomalie, allora possiamo tranquillamente eseguire la procedura di vaccinazione. In altri casi, le vaccinazioni possono portare a conseguenze spiacevoli:

  • un significativo aumento del gonfiore nel sito di iniezione, può raggiungere oltre 10 cm di diametro;
  • i bambini hanno eccessiva capricciosità, possono urlare per 3 ore;
  • convulsioni con un significativo aumento della temperatura corporea, che può indicare un danno al sistema nervoso centrale.

È importante ricordare! Se un bambino ha questi sintomi, dovresti chiamare immediatamente un medico! Non aspettare che passino da soli. Dopo tutto, questa è una reazione atipica dopo la vaccinazione con DTP e poliomielite.

Seconda vaccinazione DPT e poliomielite

Come tutti sanno, DPT è fatto al bambino 3 volte in 3 mesi. La polio è richiesta anche in questo periodo. Come vengono immunizzati il ​​DPT e la polio nei bambini? Per fare questo, dovresti fare un'ispezione approfondita del bambino, sulla base del quale prendere una decisione. Dopo tutto, la regola principale della vaccinazione - il bambino deve essere completamente sano.

Conosciuto tra mamme e papà moderni, il dott. Yevgeny Komarovsky ritiene inaccettabile fare queste vaccinazioni contemporaneamente in questi casi:

  • il periodo di esacerbazione di malattie croniche in un bambino;
  • malattie infettive recentemente trasferite, in questi casi, la vaccinazione deve essere posticipata per 1 mese;
  • reazione atipica a DTP la volta precedente;
  • interruzione del sistema nervoso centrale;
  • gravi reazioni allergiche al vaccino somministrate l'ultima volta;
  • disordini genetici del sistema immunitario;
  • se il bambino ha già sofferto il vaccino.

È importante ricordare! 3 la vaccinazione è controindicata se 2 precedenti vaccinazioni sono state superate con gravi conseguenze!

DTP, poliomielite ed epatite allo stesso tempo

In alcune istituzioni mediche, queste vaccinazioni sono miscelate in una siringa, rispettivamente, e iniettate simultaneamente. Non c'è nulla di terribile in esso, solo se il bambino è completamente sano e il giorno prima non ha avuto alcun raffreddore o malattie infettive. Il bambino tollera abbastanza bene tale vaccinazione. Alcuni bambini possono sperimentare sonnolenza e un leggero aumento della temperatura corporea.

Molti genitori sono interessati alla domanda: quanto tiene la temperatura dopo questa procedura? Questo sintomo può durare fino a 3 giorni. Se è trascorso più del periodo di tempo appropriato, è necessario contattare il pediatra.

È importante ricordare! Se un bambino ha avuto convulsioni dopo le vaccinazioni, è meglio astenersi dall'utilizzare vaccini allo stesso tempo!

Come aiutare il bambino dopo la vaccinazione

Cosa dovrebbero fare i genitori dopo la vaccinazione per alleviare la condizione del bambino? Per alleviare sintomi spiacevoli, i genitori devono seguire le seguenti procedure:

  • fare un leggero massaggio;
  • mettere un impacco sul sito di iniezione;
  • spalmare una zona crema speciale della pelle dopo la vaccinazione.

Ciò contribuirà a evitare lo sviluppo di un ascesso dopo la vaccinazione.

È possibile bagnare il vaccino? Il primo giorno dopo l'introduzione del vaccino è necessario evitare il contatto del sito di iniezione con acqua. Dopo questo periodo di tempo, il bambino può essere bagnato.

Vaccino effetti collaterali

Ci sono un certo numero di segni che possono verificarsi in un bambino dopo la vaccinazione. Al momento della loro apparizione, i genitori non devono preoccuparsi. Questi sono:

  • il bambino cominciò a zoppicare sulla gamba in cui era stata fatta l'iniezione;
  • lieve gonfiore nel sito di vaccinazione;
  • gonfiore degli arti inferiori;
  • il verificarsi di raffreddori;
  • tosse;
  • vomito;
  • naso che cola dopo la vaccinazione;
  • diarrea.

Questi sintomi passano abbastanza rapidamente. È molto importante durante questo periodo monitorare attentamente il comportamento del bambino e segnalare al medico eventuali cambiamenti in peggio.

Programma di vaccinazione per bambini di età inferiore a 1 anno

Affinché il bambino si senta il più a suo agio possibile, i genitori dovrebbero seguire il programma corretto delle vaccinazioni. Sembra questo:

  • 1 giorno dopo la nascita - epatite virale B;
  • 3 giorni di vita - BCG;
  • 1 mese - di nuovo l'epatite virale B;
  • 2 mesi - Prevenar;
  • 3 mesi - DTP e poliomielite;
  • 4 mesi - DTP, poliomielite, Prevenar;
  • 6 mesi - DTP, poliomielite, epatite virale B;
  • 12 mesi - vaccinazione contro il morbillo, la rosolia, la parotite.

Se ti attieni a questo programma, non ci saranno problemi per iscriversi in un'istituzione prescolare. Dopo tutto, i genitori che, fin dai primi giorni della vita di un bambino, rifiutano la vaccinazione, in seguito iniziano a farsi prendere dal panico tutte le vaccinazioni contemporaneamente. In effetti, senza la loro presenza nella scuola materna non prendere.

Nomi di vaccinazione DTP

Esistono diversi vaccini che non differiscono nei loro effetti sul corpo. Ciò che li distingue sono solo il nome e il produttore:

  1. DTP - fluido adsorbito dal tetano. Consiste di microbi morti pertosse, tetano e tossoide difterico. Controindicazioni da usare sono le malattie del sistema nervoso, così come le convulsioni a temperatura corporea elevata.
  2. Infanrix. La composizione è simile a DTP. Per astenersi dall'utilizzare questo vaccino è necessario per i bambini che hanno una maggiore sensibilità ai suoi componenti. Dopo tutto, la loro concentrazione è più forte che in DTP. Dopo la vaccinazione, il bambino può manifestare un lieve gonfiore alle gambe, malumore, il bambino piange costantemente, il suo appetito si riduce.
  3. Infanrix Hex. È un vaccino combinato importato. Controindicazioni ed effetti collaterali sono simili a Infanrix.
  4. Pentaxim®. Non deve essere usato per convulsioni, reazioni allergiche a un precedente vaccino, per esacerbazioni di malattie croniche.

Indipendentemente dal nome del vaccino e dal produttore, è necessario controllare la data di scadenza. Non dimenticare che sono gratuiti in tutte le istituzioni mediche.

La capacità di combinare vaccinazioni DTP e poliomielite contemporaneamente

Molti giovani genitori sono preoccupati per la possibilità di vaccinare il DPT e la poliomielite contemporaneamente. Questo valore è dato alle vaccinazioni nei bambini, poiché alla loro età il sistema immunitario è debole ed estremamente vulnerabile a varie malattie infettive. Di conseguenza, vengono trasferiti molto duramente.

Per questo motivo, è meglio prevenire l'insorgenza di tali malattie mediante vaccinazione. Infatti, in questo caso, anche quando si verificano, tutte le violazioni saranno osservate solo in una forma lieve, che non rappresenta un serio pericolo per la vita del bambino. Lo stesso si può dire per gli adulti. In effetti, senza un vaccino contro la difterite o altre malattie pericolose, una malattia può avere complicazioni estremamente gravi anche con una terapia tempestiva.

Quando queste vaccinazioni sono fatte allo stesso tempo

Vaccini come il DTP e un vaccino antipolio possono essere somministrati nella maggior parte dei casi contemporaneamente, il che preoccupa molti genitori, dal momento che a loro parere ciò crea un enorme carico sul corpo e può causare gravi conseguenze. In effetti, è possibile combinare tali vaccinazioni, e in alcune situazioni, e non stiamo parlando di altre vaccinazioni. Ad esempio, DTP, poliomielite ed epatite non possono essere messi simultaneamente. Diamo uno sguardo più da vicino al problema relativo alle vaccinazioni citate in precedenza e analizziamo tutte le possibili complicanze.

In primo luogo, considera ciò che questi vaccini sono progettati per proteggere contro. Il DPT è un vaccino in grado di proteggere le persone da malattie come il tetano, la difterite e la pertosse. Questo vaccino è importante perché il rischio di infezione di questo tipo è estremamente alto e queste infezioni possono essere riscontrate spesso in bambini non vaccinati. Per quanto riguarda la polio, dalla quale protegge lo stesso vaccino, la malattia può causare la paralisi degli arti. Fortunatamente, questo disturbo è stato quasi completamente sconfitto, perché la vaccinazione contro di esso è stata effettuata nella maggior parte dei paesi del mondo.

Come è facile intuire, stiamo parlando di vaccinazioni simultanee per il motivo che sono impostate per le stesse date, in base all'ordine pianificato. Gli esperti dicono che la combinazione di vaccinazioni contro la poliomielite e il DTP non pone alcun pericolo per la salute del bambino. Pertanto, gli esperti sono così attenti al controllo preliminare della salute e non li mettono senza prima consultare un pediatra. Stiamo parlando del fatto che con una vaccinazione separata la possibilità di sviluppare varie complicazioni sarà esattamente la stessa, quindi, possono essere messe in un giorno.

Programma di vaccinazione

È anche necessario considerare il programma di queste vaccinazioni, cioè l'età alla quale dovrebbero essere consegnate. La prima volta che un bambino riceve queste vaccinazioni quando ha 3 mesi e il secondo è quando ha 4,5 mesi. Gli esperti consigliano di prestare attenzione al fatto che la vaccinazione è stata effettuata utilizzando lo stesso farmaco. Ciò minimizza il rischio di complicanze durante la vaccinazione secondaria. Quando lo si sostituisce con un altro per qualsiasi motivo, è necessario prestare attenzione al numero di antigeni in esso contenuti, poiché questo numero dovrebbe essere esattamente lo stesso.

La prossima immunizzazione dovrebbe essere eseguita in 6 mesi, ed è importante osservare un certo periodo di tempo (un mese e mezzo) tra le vaccinazioni. Cioè, se stai con una vaccinazione di 4,5 mesi, allora è importante osservare un ritardo immediato anche questa volta.

Fai attenzione! Gli esperti raccomandano vivamente di non trascurare questo programma di vaccinazione DTP e vaccinazione antipolio, ma in alcune situazioni non è possibile consegnarli in questo modo. In tali situazioni, esiste anche un metodo speciale di immunizzazione: il paziente viene vaccinato 3 volte e tra ciascuno di essi si osserva lo stesso intervallo di 1,5 mesi.

Le vaccinazioni considerate sono date in età avanzata, l'unica eccezione è la sostituzione del vaccino DTP con ADS (quando il bambino ha 4-6 anni) e con ADS-M (quando il bambino ha 6 anni o più). Ecco l'età in cui vengono eseguite le seguenti revaccinazioni:

  • 1,5 anni;
  • 20 mesi;
  • 6 anni;
  • 14 anni.

Possibili complicazioni

Complicazioni dopo DTP e polio si verificano ancora, e quasi sempre sono di natura individuale a causa di alcune peculiarità dell'organismo o problemi di salute esistenti. Inoltre, gli effetti dipendono quasi sempre dal tipo di farmaco usato. È necessario utilizzare solo un vaccino pulito e di alta qualità, perché in altre situazioni le conseguenze possono essere pericolose e la reazione di vaccinazione DTP e poliomelite sarà imprevedibile.

La stragrande maggioranza degli effetti collaterali compare quando viene iniettato un virus vivo, ma questo non significa che sia meglio usare un vaccino morto. Il fatto è che un'infezione viva ti permette di sviluppare una buona immunità, mentre il morto ha solo il 60-70% di questo effetto. Ecco gli effetti collaterali più comuni che possono verificarsi nei bambini:

  • Aumento significativo della temperatura corporea La temperatura dopo la vaccinazione di DTP e polio sale raramente a più di 38,5 gradi, ma anche un così piccolo cambiamento di condizione può avere gravi conseguenze. Si noti che il più delle volte la temperatura aumenta a causa del DTP, e passa in 2 giorni o anche più velocemente se il bambino è sano. Anche i farmaci antipiretici abbassano facilmente un simile aumento di temperatura.
  • La comparsa di eruzioni allergiche sulla pelle. L'allergia è molto meno comune, può essere facilmente rimossa usando antistaminici e unguenti speciali prescritti da un medico. Per quanto riguarda il rossore nel mese in cui è stata effettuata l'iniezione, questo sgradevole effetto collaterale di solito passa in meno di una settimana, e questo periodo dipende completamente dalle caratteristiche dell'organismo.
  • Disturbi associati al tratto gastrointestinale. Se la poliomielite non è stata somministrata come iniezione e sono state preferite delle gocce speciali, i disturbi di questo tipo molto probabilmente non saranno in grado di fuoriuscire, di solito si verifica la nausea di una sola volta.

Fai attenzione! Tutti gli effetti collaterali menzionati non sono pericolosi per il corpo e sono considerati una reazione standard al vaccino. Quando si verificano in alcuni casi, non è nemmeno possibile consultare un medico, in quanto la temperatura scende facilmente e il rossore sulla pelle passa molto rapidamente. In caso di violazioni più gravi, dovresti informare immediatamente il medico. Prenderà le misure necessarie per normalizzare lo stato del bambino, ricorda che è pericoloso portarlo con sé.

Ancora una volta ricordiamo che prima della vaccinazione, è importante esaminare attentamente il bambino per la presenza di eventuali infezioni virali o altri tipi di problemi di salute. Il fatto è che in presenza delle stesse complicanze da immunodeficienza possono comparire in forma acuta, che è particolarmente pericolosa. Gli esperti dicono che proprio in tali situazioni, le vaccinazioni possono essere un pericolo per la salute o anche per la vita del bambino.

Di particolare pericolo sono le situazioni associate alla malattia di un bambino polio da un'infezione viva, che è stata solo indebolita per la vaccinazione. Fortunatamente, questi casi sono estremamente rari, e anche allora solo con immunodeficienza. Una violazione di questo tipo è chiamata poliomielite associata al vaccino, che può essere evitata solo se il bambino viene esaminato prima della vaccinazione stessa. È importante, anche in presenza di piccole deviazioni, abbandonare un'infezione viva, preferendo la sua varietà inanimata.

Possibili complicazioni dopo queste vaccinazioni

Ecco un elenco di sintomi caratteristici delle complicanze più pericolose dei vaccini in questione:

  • eccessiva letargia o persino adynamia, che non è mai stata caratteristica di un particolare bambino;
  • l'emergere di problemi associati alla respirazione, vale a dire, la sua maggiore frequenza e l'acquisizione di natura intermittente;
  • la comparsa di attacchi senza causa di mancanza di respiro;
  • l'apparizione di convulsioni o perdita di coscienza;
  • prurito disturbante o addirittura orticaria, specialmente se queste manifestazioni disturbano il bambino per 5 giorni o anche più a lungo;
  • gonfiore associato alla persona o agli arti;
  • un aumento della temperatura corporea a più di 38 gradi e l'incapacità di abbatterlo anche con l'uso di farmaci antipiretici;
  • la formazione di una massa di dimensioni considerevoli nell'area del sito di iniezione, che è più calda rispetto al resto del corpo e ha una certa manifestazione pulsante;
  • la formazione di un certo punto d'ebollizione, da cui appare il pus.

È importante! Un aumento della temperatura corporea, come già accennato, può essere incluso nella lista dei normali effetti collaterali dei vaccini in questione, ma questo si può dire solo nei casi in cui questo indicatore non superi i 38,5 gradi. Dovrebbe essere compreso che una temperatura più alta, specialmente se non va fuori strada con l'uso di farmaci antipiretici, indica violazioni più gravi che richiedono assistenza medica.

Potresti sentirla da qualche parte che i vaccini in questione possono persino in bambini sani in determinate situazioni provocare lo sviluppo di paralisi, idropisia o altre malattie pericolose. In realtà, questa informazione è falsa e non si sa nulla di questi casi. Sì, queste malattie possono comparire dopo la vaccinazione, ma non sarà la causa del loro sviluppo, l'essenza del problema risiede in altre malattie che esistono nel bambino, che possono essere complicate dalle vaccinazioni.

Fai attenzione! Con la vaccinazione antipolio, o meglio con le gocce che vengono utilizzate in questo caso, non è così semplice, perché un bambino che ha subito una tale procedura può essere pericoloso per gli altri. Immediatamente, notiamo che non esiste alcun pericolo per le persone che hanno questo tipo di immunità, ma in presenza di immunodeficienza o anche in assenza di vaccinazione, è meglio temere le persone vaccinate negli ultimi giorni.

Prevenzione delle complicanze

Ma cosa fare per minimizzare i possibili effetti negativi delle vaccinazioni. Ecco le principali misure preventive che sono importanti da ricordare:

  • In nessun caso, non mettere le vaccinazioni quando il bambino è malato o ha avuto la malattia meno di 14 giorni fa.
  • È imperativo donare l'urina e il sangue nella vostra clinica o in qualsiasi laboratorio in anticipo, perché alcune malattie possono svilupparsi di nascosto e rappresentare un serio pericolo. Se gli specialisti sospettano lo sviluppo del processo infiammatorio, sarà importante posticipare la vaccinazione e recuperare.
  • Prima della vaccinazione stessa, è importante venire per una visita al pediatra, studierà i risultati dei test del bambino. Inoltre, esaminerà la sua pelle, controllerà gli organi ENT e ascolterà anche il respiro e il battito del cuore. Diciamo che sono i genitori a essere responsabili della salute del bambino, quindi in nessun caso dovresti nasconderti dal pediatra in questa fase che il bambino ha problemi di salute, questo può finire molto male. Dovresti informare uno specialista anche di problemi minori. Dopotutto, la tua situazione è importante per prevenire lo sviluppo di gravi complicanze e non mettere il vaccino nello stesso giorno.
  • Per prevenire l'insorgenza di reazioni allergiche di qualsiasi tipo con la testimonianza di un medico dovrebbe usare antistaminici. La cosa più importante è non cambiare la dieta del bambino, evitando i prodotti con possibili effetti allergenici.
  • Se possibile, rinunciare a procedure complete di acqua per 2-3 giorni, anche in questo periodo è meglio non camminare e non entrare in contatto con un numero elevato di bambini, cioè lasciare il bambino a casa (non portarlo all'asilo, a scuola o altrove). più).

Vaccini simili

Molti genitori non si fidano dei vaccini russi, preferiscono opzioni straniere per i propri figli e la maggior parte di loro non ha nemmeno un'idea delle differenze tra questi vaccini. È importante che un vaccino simile venga selezionato da un tecnico qualificato. Inoltre, quando si applicano opzioni straniere, è necessario compilare un programma individuale di vaccinazione, poiché la loro azione è diversa dall'effetto dei vaccini russi. Il più comunemente usato è Infanrix, che aiuta a proteggere dagli stessi problemi di DTP e poliomielite, ma non contiene cellule intere di pertosse. Viene anche usato Pentaxim, che protegge inoltre contro l'infezione emofilica.

Reazione ed effetti della vaccinazione simultanea di DPT con poliomielite ed epatite in 3 mesi

I genitori moderni scelgono se vaccinare i loro figli o meno. Se ci si basa su statistiche ufficiali, il numero di complicanze derivanti dalle vaccinazioni è molto inferiore al numero di decessi infantili e alle gravi conseguenze di malattie pericolose.

Particolarmente accese polemiche si sono accese sulla necessità di vaccinazione con DTP e poliomielite. Queste vaccinazioni spesso causano reazioni avverse sotto forma di febbre e disturbi del sistema nervoso. Tuttavia, qualsiasi medico assicurerà che i bambini debbano essere vaccinati dal primo mese di vita - senza che ciò avvenga, il sistema immunitario è indifeso contro formidabili infezioni virali.

La vaccinazione consente di proteggere il bambino dall'infezione da gravi malattie.

Caratteristiche del vaccino

I vaccini con agenti patogeni provocano un sistema protettivo per la risposta e la formazione di un'immunità resistente ai virus. Qualsiasi farmaco farmaceutico ha un effetto terapeutico positivo (nel caso di un vaccino, questa è la creazione di immunità) e negativo - la comparsa di reazioni avverse e complicazioni. È impossibile creare un vaccino che non abbia un rischio per il bambino. Ecco perché la decisione dei genitori è la scelta del più piccolo male: esporre il bambino alla possibilità di contrarre malattie virali mortali o di creare loro l'immunità, ma di essere pronti per le possibili conseguenze.

Se consideriamo gli effetti collaterali leggeri sotto forma di un leggero aumento di temperatura e di iperemia nel sito di iniezione, passano da soli. Un tale disagio indica che l'immunizzazione ha avuto successo. Tuttavia, l'assenza di una reazione non significa che l'immunità non è stata formata - nella maggior parte dei casi appare e persiste per il periodo di tempo richiesto. Nei vaccini stranieri, la risposta immunitaria è leggermente inferiore, ma viene aggiustata dopo la rivaccinazione.

La peculiarità delle vaccinazioni pianificate è che vengono programmate un certo numero di volte, altrimenti non ci sarà alcun effetto desiderato. Sono fatti fin dall'infanzia, ma piuttosto dalla nascita stessa, e ripetuti durante la vita di una persona.

DTP e suoi analoghi stranieri

DTP (pertosse-pertosse-difterite-tossoide tetanico) è il nome di un vaccino di fabbricazione russa per la prevenzione della pertosse, della difterite e del tetano. Per comodità, tutti gli altri farmaci per la vaccinazione contro queste malattie e il vaccino stesso sono così chiamati.

Perché le vaccinazioni contro queste malattie, che sono pericolose:

  • La difterite è una malattia infettiva acuta che agisce sul tratto respiratorio superiore. Provoca grave intossicazione nel bambino e colpisce altri organi e sistemi (cardiovascolari, nervosi).
  • Il tetano è una malattia irta di paralisi. Può anche causare arresto cardiaco e respirazione, che si conclude con la morte.
  • La pertosse porta a tosse prolungata, polmonite, a volte per smettere di respirare e sindrome convulsiva. Particolarmente pericoloso per i bambini sotto i 2 anni.

La vaccinazione contro queste malattie è molto importante - sono difficili da curare, portano a gravi conseguenze e in alcuni casi fatali. I rifiuti di vaccinazione possono scatenare epidemie di massa e epidemie.

Il vaccino prodotto a livello nazionale da questi virus è a cellule intere. Al contrario, gli analoghi stranieri (Pentaxim e Tetrakok francesi, Infarix e Tritanrix belgi) sono privi di cellule. Ciò significa che non contengono virus indeboliti, ma solo le loro particelle. Sono molto meglio tollerati e hanno meno effetti collaterali. I bambini con disturbi del sistema immunitario ricevono il vaccino Tetrakok, che si distingue per i suoi effetti lievi sul corpo e l'assenza di effetti collaterali.

Recentemente, nelle cliniche invece che in DTP, spesso un altro farmaco è stato prodotto in Russia. Si chiama Bubokok. Questo vaccino più moderno contiene un antigene contro l'epatite B. Il vaccino viene anche inserito nella superficie anteriore della coscia, come il solito DTP.

I vaccini combinati sono più convenienti, poiché proteggono il bambino da più agenti patogeni contemporaneamente:

Il vaccino DPT prodotto in Russia spesso provoca effetti collaterali:
(Maggiori dettagli nell'articolo: effetti collaterali dopo la vaccinazione DTP)

  • aumento della temperatura corporea a 39,5-40 ° C;
  • gonfiore e arrossamento al sito di iniezione;
  • disturbi nervosi sotto forma di pianto ed eccitabilità;
  • diminuzione dell'appetito;
  • malessere generale, letargia, sonnolenza.

La mancanza di risposta non significa che l'immunità alle malattie non si sia formata. Il fatto è che i vaccini belgi e francesi non contengono sostanze nocive - formalina e mertiolato, così come virus a cellule intere. Questi componenti causano solo spiacevoli conseguenze delle vaccinazioni DPT.

Vaccinazione antipolio

La poliomielite è una malattia virale molto pericolosa per i bambini. È trasmesso attraverso la famiglia, attraverso il cibo, l'acqua e le mani non lavate. La polio causa paralisi spinale e disabilità, quindi la vaccinazione dei bambini per questa malattia è molto importante.

Per la vaccinazione vengono utilizzati due tipi di farmaci: vivere per instillare in bocca e inattivati ​​per iniezione sotto la pelle o per via intramuscolare. Nella prima variante, OPV, contiene virus della polio indeboliti, che è più efficace, ma allo stesso tempo e pericoloso. Nel secondo caso, con IPV, i patogeni della poliomielite vengono introdotti nel bambino.

Quali sono gli effetti collaterali di un vaccino antipolio?

  • un leggero aumento della temperatura;
  • lieve arrossamento e gonfiore nel sito di iniezione;
  • debolezza generale.
Dopo la vaccinazione orale del vaccino contro la polio vivi, vi è il rischio di complicanze post-vaccinazione o lo sviluppo della malattia stessa.

Vaccino contro l'epatite B.

Il vaccino contro l'epatite B aiuta a proteggere il fegato e le vie biliari del bambino dalla pericolosa malattia del fegato. La prima vaccinazione viene effettuata nell'ospedale di maternità nei primi giorni dopo la nascita del bambino. Dopo l'introduzione del vaccino tre volte nel primo anno di vita, si forma una forte immunità contro l'epatite B, seguita dalla rivaccinazione.

Per la vaccinazione vengono utilizzati i preparati di Engeriks B ed Euvax, un'iniezione viene effettuata sulla superficie anteriore della coscia. Non hanno effetti collaterali caratteristici e seri, accade molto raramente:

  • reazioni allergiche di varia gravità;
  • disturbi nervosi;
  • paralisi.

Schemi di vaccinazione

In Russia, esiste un programma di vaccinazione approvato a livello statale, in base al quale i bambini vengono vaccinati. Tutte le vaccinazioni vengono effettuate gratuitamente nella clinica del luogo di residenza, secondo le politiche dell'OMS. Poiché i bambini spesso si ammalano, il piano di immunizzazione diventa individuale, perché tutto il tempo si sta spostando, ma i medici sono approssimativamente guidati da questi termini.

La vaccinazione è effettuata 3 volte nei primi mesi di vita secondo lo schema:

Dopo questo, viene eseguita la rivaccinazione:

È consentita la vaccinazione simultanea?

Non c'è differenza significativa dall'amministrazione separata: il numero di reazioni avverse non aumenta e l'immunità si forma allo stesso modo. I vaccini DTP ed epatite B vengono anche somministrati nella stessa siringa.

Un grande vantaggio dei vaccini combinati importati è che sono più facili da trasportare rispetto alle controparti russe, forniti separatamente. Con Pentaxim, il rischio di sviluppare poliomielite associata a vaccino (post-vaccinazione) è più basso.

Quando diversi patogeni sono contemporaneamente contenuti nello stesso vaccino, il bambino deve sopportare un minor numero di colpi. Questo è un fattore importante, perché per un bambino piccolo ogni iniezione è un grande stress.

Tuttavia, c'è uno svantaggio della vaccinazione con analoghi stranieri - essi dovranno essere pagati. È necessario acquistare il vaccino da soli presso una farmacia o collocarlo in un centro medico privato. Il costo dei farmaci è piuttosto alto, quindi la scelta rimane con i genitori. Prima dell'introduzione di qualsiasi vaccino, è imperativo consultare un pediatra e superare un esame. Se il bambino è soggetto a gravi allergie, un bambino allergologo-immunologo è responsabile per la decisione di vaccinazione.

Possibili complicazioni delle combinazioni di vaccini

Le complicazioni che insorgono dopo la vaccinazione con i vaccini combinati sono esattamente le stesse di quelle somministrate separatamente. Dovrebbe essere chiaro che le complicazioni e gli effetti collaterali dei vaccini sono concetti completamente diversi. Gli effetti collaterali scompaiono dopo un po ', il corpo del bambino li affronta da solo.

Uno dei tipi più frequenti di complicazioni dopo la vaccinazione è l'alta temperatura corporea, che dura più di 3 giorni.

Con complicazioni, la droga provoca i seguenti disturbi nei bambini:

  • la malattia del virus vaccinato;
  • shock anafilattico, angioedema;
  • sindrome convulsiva in assenza di ipertermia;
  • disturbi del sistema nervoso;
  • un forte calo di pressione;
  • aumento prolungato della temperatura (oltre 39 ° С).

In caso di DTP, le complicanze si verificano più spesso dopo la seconda e la terza vaccinazione (si consiglia di leggere: come trattare il rossore dopo la vaccinazione DTP in un bambino?). La loro comparsa dopo la vaccinazione del DTP, dalla polio virale, dall'epatite B dipende da molti fattori:

  • le caratteristiche individuali del bambino;
  • tendenza a reazioni allergiche;
  • inosservanza delle regole di vaccinazione e conservazione del farmaco.

Controindicazioni alla vaccinazione completa

Per evitare complicazioni, eventuali vaccinazioni devono essere eseguite in assenza di controindicazioni:

Aksd polio gratuito

La poliomielite, o paralisi cerebrospinale infantile, è una malattia infettiva acuta altamente contagiosa, basata sul danno alla sostanza grigia del midollo spinale. Molto spesso la patologia procede senza alcun sintomo o in forma cancellata. Ad oggi, l'unica protezione contro questa infezione è la vaccinazione con gocce o soluzione iniettabile iniettabile. Tuttavia, qualsiasi reazione all'iniezione o alle gocce si verifica raramente.

Lo studio di questa malattia risale alla fine del 1890. A metà del secolo scorso, la polio è diventata un vero disastro per molti paesi in Europa e nel Nord America. Tuttavia, l'introduzione del vaccino ha portato al fatto che il tasso di incidenza ha cominciato a diminuire gradualmente, e quindi in molte aree questa patologia è stata completamente eliminata.

classificazione

La poliomielite nei bambini è una malattia che ha una sua chiara classificazione in base a diversi parametri contemporaneamente. Ad esempio, il tipo di malattia distingue tra casi tipici e atipici. I tipici, con danni al sistema nervoso centrale includono:

  1. Forma non-paralitica, che è anche chiamata meningea o abortiva.
  2. Paralitico, che è anche chiamato spinale o bulbare.

Ma le forme atipiche sono solo la malattia con sintomi cancellati, o anche senza la manifestazione di alcun sintomo.

La classificazione per gravità divide la malattia in:

I parametri per questa definizione sono la gravità dell'intossicazione e la presenza o l'assenza di disturbi del movimento.

E infine, la malattia può procedere in modo fluido e con la presenza di alcune complicazioni. Le complicanze includono infezione secondaria o esacerbazione di malattie croniche esistenti.

eziologia

Il virus della polio è chiamato poliovirus hominis e appartiene al gruppo degli enterovirus, cioè intestinale. Esistono 3 tipi indipendenti noti come I, II e III. Il più comune è il primo.

Tutti sono molto stabili e possono durare fino a 100 giorni in acqua, con le feci fino a sei mesi, sono ben tollerati dal congelamento, non vengono distrutti dai succhi intestinali, ma rapidamente distrutti dall'ebollizione e dall'esposizione alle radiazioni ultraviolette. Il virus non è assolutamente sensibile agli antibiotici.

La fonte dell'infezione è una persona malata. Quando un virus della polio entra nel corpo, infetta le cellule del sistema linfatico, l'intestino, entra nel flusso sanguigno e nel sangue nel sistema nervoso centrale.

Quadro clinico

I sintomi dipenderanno dal livello di danno al sistema nervoso centrale. Ad esempio, nella forma spinale, la colonna cervicale, toracica e lombare è interessata. Quando si verifica una lesione bulbare nel nucleo dei nervi cranici. Quando la forma paralitica colpisce il nucleo del nervo facciale. E quando combinato, la patologia si sviluppa non solo nel midollo spinale, ma anche nei nervi cranici.

I sintomi nei bambini possono essere numerosi, motivo per cui è abbastanza difficile fare una diagnosi, quindi nella maggior parte dei casi vengono eseguiti test di laboratorio per identificare questo virus. I sintomi principali includono:

  1. Febbre.
  2. Fenomeni catarrali.
  3. Sgabello sconvolto.
  4. Disturbo urinario.
  5. Dolore muscolare
  6. Sensibilità compromessa.
  7. Fluttuazioni INFERNO.
  8. Paresi.
  9. Paralisi.
  10. Disturbi della deglutizione
  11. Paralisi dei muscoli facciali.
  12. Sindrome meningea.

Come viene trasmessa la polio? Questo virus viene trasmesso da una persona malata a una via fecale-orale o aerea sana. Allo stesso tempo, si osserva un danno al sistema nervoso solo nell'1% di tutti i casi diagnosticati. In tutti gli altri, si sviluppa il vettore del virus o la forma non paralitica.

Dopo l'infezione, i casi ripetuti non sono registrati a causa dello sviluppo di una forte immunità. La suscettibilità a questa malattia è incredibilmente alta, ma il più delle volte viene diagnosticata nei bambini sotto i 7 anni, tuttavia anche i bambini fino a 3-4 mesi con questa infezione non si ammalano.

Diagnostica differenziale

I sintomi della poliomielite nei bambini devono essere differenziati da malattie simili come la sindrome di Guillain-Barré, la neurite traumatica e la mielite trasversa. Tutte queste malattie vengono confrontate l'una con l'altra in molti modi, ad esempio, in presenza di paralisi progressiva, in presenza di febbre all'inizio della malattia, nella violazione del tono muscolare e in molti altri criteri. Ma, naturalmente, il criterio diagnostico principale per la diagnosi è il rilevamento del virus nelle feci.

trattamento

Molte persone credono che il vaccino antipolio aiuti a sbarazzarsi della malattia, ma questa opinione è sbagliata. In effetti, la vaccinazione è necessaria per prevenire la malattia, cioè è fatta allo scopo di prevenire, ma l'infezione è trattata con altri metodi.

Al primo segno di polio, il paziente viene ricoverato in ospedale nel reparto di malattie infettive. Il trattamento principale è il riposo a letto, l'uso di antidolorifici e sedativi. Con lo sviluppo della paralisi, e ciò avviene dopo 4-6 settimane, vengono prescritti trattamenti farmacologici, fisioterapici e ortopedici. Quindi assicurati di ricorrere al trattamento.

La disinfezione è necessariamente effettuata al centro dell'infezione.

Misure preventive

La prevenzione della poliomielite comprende attività come un'ampia copertura vaccinale, l'immunizzazione obbligatoria dei bambini sotto i 5 anni di età e il vaccino antipolio deve essere introdotto non solo per i bambini che frequentano le scuole prescolari e scolastiche, ma anche per coloro che sono considerati disorganizzati e istruiti a casa o formazione.

Tuttavia, l'unico metodo corretto per non infettarsi è vaccinare con un vaccino vivo o virus inattivati ​​in modo tempestivo. Il vaccino antipolio è incluso nel programma nazionale di immunizzazione e può essere eseguito contemporaneamente al DTP.

E 'possibile vaccinare DTP e poliomielite contemporaneamente

Negli ultimi anni sono apparsi sui media materiali contraddittori: i pro ei contro delle vaccinazioni profilattiche per i bambini. Hanno causato un sacco di domande da parte dei genitori circa la possibilità di sviluppare reazioni avverse e gli effetti delle vaccinazioni nei bambini. Di particolare preoccupazione è la situazione in cui un bambino viene vaccinato contemporaneamente da diverse infezioni contemporaneamente.

Quali infezioni proteggeranno contro i vaccini contro la poliomielite e il DPT

L'immunizzazione contro la poliomielite e il DTP proteggerà il bambino da infezioni gravi che mettono a rischio la vita:

La poliomielite è una grave neuroinfezione virale in cui il SNC è interessato e si sviluppano paralisi persistente, deformità spinale, curvatura degli arti, atrofia muscolare. Una persona dopo la polio rimane permanentemente disabilitata. La fonte dell'infezione è il paziente o il vettore del virus. L'infezione si verifica spesso attraverso il tratto digestivo con acqua e cibo.

La difterite è una grave infezione batterica che colpisce il tratto respiratorio, gli occhi, la ferita. L'infezione si verifica attraverso vie aeree, a contatto con la famiglia dal paziente o bacillicarrier. La malattia è caratterizzata da grave intossicazione e grave danno al sistema cardiovascolare e nervoso. Nei casi più gravi, la malattia può terminare con la morte.

Pertosse - infezione aerea batterica, la cui principale manifestazione è la tosse parossistica spastica. È particolarmente pericoloso per i bambini fino a 2 anni a causa della possibilità di apnea (smettere di respirare durante un attacco) o di polmonite..

Il tetano è un'infezione batterica con contatto da infezione attraverso la pelle o le mucose quando sono danneggiati. La fonte di infezione sono gli animali che espellono i batteri con le feci. Formando spore, i batteri persistono nel terreno per lungo tempo. La manifestazione della malattia è convulsioni generalizzate, spasmo dei muscoli respiratori, una violazione della deglutizione, insufficienza cardiaca e respiratoria, o addirittura la morte.

Programma di vaccinazione DTP e poliomielite

In Russia, tali periodi per la vaccinazione contro la poliomielite sono regolati:

  • vaccinazione da 3 mesi. età, 3 volte, con un intervallo di 1,5 mesi;
  • 1a rivaccinazione - a 18 mesi;
  • 2a rivaccinazione - a 20 mesi;
  • 3a rivaccinazione - a 14 anni.

I tempi della vaccinazione DPT:

  • La vaccinazione DPT viene effettuata da 3 mesi., 3 volte con un intervallo di 1-2 mesi.
  • la rivaccinazione del DTP viene eseguita 1 anno dopo la 3a vaccinazione;
  • La 2a rivaccinazione contro difterite e tetano viene effettuata a 7 anni;
  • La 3a rivaccinazione da difterite e tetano viene eseguita all'età di 14 anni.

Le vaccinazioni con DPT e poliomielite possono essere eseguite contemporaneamente, poiché i tempi dell'introduzione di questi vaccini secondo il programma di vaccinazione sono gli stessi.

Quali vaccini vengono usati

Per le vaccinazioni dei bambini possono essere utilizzati diversi vaccini importati e produzione nazionale. I vaccini completi sono sviluppati e applicati. Il vantaggio di tali vaccini (Pentaxim, Tetrakok) è che al bambino viene somministrata un'iniezione invece di 2.

I vaccini con ACLS, poliomielite ed epatite B possono essere somministrati a neonati a 3 mesi con il vaccino Pentaxim, che sostituisce DTP e poliomielite, e vaccina contro l'infezione emofilica. Vaccino d'importazione Tetrakok - vaccino complesso (per 1 iniezione) contro la poliomielite, la difterite. pertosse, tetano. Il vaccino francese Inovaks è simile al tossoide ADS russo.

Il vaccino antipolio può essere somministrato in vivo (OPV) o vaccino antipolio inattivato (IPV). Differiscono in composizione (uccisi o vivono, ma i virus di poliomielite considerevolmente indeboliti) e metodo di applicazione. L'ILV viene somministrata per via sottocutanea o intramuscolare e vive sotto forma di gocce attraverso la bocca. Gli esperti ritengono che l'immunità dopo un vaccino inattivato sia meno forte che dal vivo.

Una caratteristica dell'uso del vaccino contro la polio vivi è anche il fatto che il bambino vaccinato deve essere isolato dai bambini non vaccinati contro la poliomielite per un periodo di 2 mesi. al fine di evitare la loro infezione. Il vaccino vivo (2 o 4 gocce) sulla radice della lingua viene somministrato usando uno speciale contagocce o siringa senza ago.

Complicazioni ed effetti collaterali delle vaccinazioni contro la polio e DPT

Non ci sono preparazioni mediche assolutamente innocue per il corpo. Il vaccino è anche un farmaco che provoca una complessa ristrutturazione nel sistema immunitario. Pertanto, non è considerata una complicazione se un bambino ha una reazione grave al vaccino. Le reazioni al DPT e alla vaccinazione antipolio possono essere generali e locali.

La reazione locale è arrossamento, gonfiore spessa (fino a diversi centimetri di diametro) nel sito di iniezione. Possono resistere per diversi giorni. Questi fenomeni passano da soli, non richiedono un trattamento.

La reazione generale potrebbe essere:

  • debole: lieve interruzione del benessere sotto forma di sonnolenza, perdita di appetito, febbre fino a 37,50 ° C;
  • media: la temperatura non è superiore a 38,5 ° C e gli stessi sintomi provengono dallo stato generale;
  • forte: febbre fino a 400 ° C e oltre, tosse, diarrea, convulsioni febbrili, vomito.

Lo sviluppo o l'assenza di queste manifestazioni non influisce sul modo in cui conta: il terzo o il primo. Ciò è significativo con lo sviluppo dell'allergia alla vaccinazione, che aumenta con la frequenza di somministrazione del vaccino. In questo caso, la predisposizione ereditaria alle allergie, un umore allergico in un bambino prima dell'immunizzazione gioca un ruolo.

Se si sviluppano allergie, il medico prescriverà farmaci antiallergici (Sovrastin, Tavegil, Cetrin, Claritin, ecc.). In alcuni casi, la suprastina o un altro farmaco sono prescritti dal pediatra in preparazione alla vaccinazione.

Quando un'eruzione cutanea sotto forma di orticaria, difficoltà di respirazione, gonfiore del viso dopo la vaccinazione dovrebbe essere chiamata un'ambulanza. Una tosse può comparire dopo la vaccinazione con DTP e poliomielite (dovuta alla componente di pertosse del vaccino), che passa da sola. È anche possibile la comparsa di diarrea fino a 2 giorni, che non richiede trattamento.

Una rara complicanza dopo la vaccinazione (in media 1 caso per 1 milione di vaccinati) contro la poliomielite è la poliomielite associata al vaccino (VAP) dopo aver usato il vaccino contro la polio vivi.

La causa di questa complicanza è un sistema immunitario significativamente indebolito. Per escludere la probabilità del suo sviluppo, è necessario controllare lo stato immunitario del bambino prima dell'immunizzazione. Quando si rilevano i disordini immunitari, i vaccini vivi non vengono utilizzati. Un altro motivo per lo sviluppo di VAP può essere pronunciato dysbiosis in un bambino, problemi con il tratto gastrointestinale.

La vaccinazione con DTP e, possibilmente, la poliomielite, può causare la febbre dal primo giorno in poi. La febbre può durare fino a 3 giorni e può durare fino a 2 settimane. Se il benessere del bambino non soffre, e la temperatura è di 38,5 C, allora non può essere abbattuto. sebbene l'uso di farmaci antipiretici non sia controindicato.

Riprendi per i genitori

I genitori hanno il diritto di decidere - vaccinare un bambino o rifiutare la vaccinazione. In ogni caso, confermano la loro decisione per iscritto. Ma, prima di rifiutare le vaccinazioni, dovresti guardare un video su Internet sulle conseguenze della poliomielite, del tetano e della difterite nei bambini. Inoltre, va notato che il rischio di complicazioni dopo le vaccinazioni è molte volte meno probabile di causare la malattia in un bambino non vaccinato. I bambini della prima infanzia sono particolarmente sensibili a queste malattie.