E 'possibile vaccinare il DPT e contro la poliomielite contemporaneamente

Sintomi

La maggior parte delle vaccinazioni per i bambini fanno nel primo anno di vita. Ciò è dovuto al fatto che l'immunità a questa età nei bambini è ancora indebolita. I bambini sono più suscettibili alle infezioni e ne soffrono. Alcune vaccinazioni vengono somministrate lo stesso giorno, vale a dire che le vaccinazioni contro la poliomielite e la poliomielite vengono spesso eseguite contemporaneamente.

Il DPT e la polio possono essere vaccinati contemporaneamente e a che età? È facile per i bambini sopportare e quali sono le possibili conseguenze? Abbiamo bisogno di una preparazione speciale per tale vaccinazione e quali misure rendono più facile il suo trasferimento?

Posso fare allo stesso tempo le vaccinazioni

DPT è fatto per proteggere il bambino da difterite, tetano e pertosse. Il rischio di infezione da queste malattie è molto alto e i bambini sono difficili da tollerare tali infezioni pericolose. La poliomielite provoca complicazioni sotto forma di paralisi degli arti. Pertanto, la vaccinazione contro queste malattie è stata introdotta nel programma di vaccinazione nazionale della maggior parte dei paesi del mondo. Nel calendario russo, la tempistica per l'immunizzazione contro difterite, tetano, pertosse e poliomelite è la stessa, quindi le vaccinazioni per queste infezioni vengono spesso somministrate contemporaneamente a diversi vaccini, in modo pianificato.

Il DPT e la polio possono essere vaccinati insieme? - Questa combinazione non rappresenta un pericolo per un bambino sano. Gli effetti collaterali con la somministrazione congiunta di farmaci non aumentano rispetto alla vaccinazione separata. E il rispetto delle regole e la preparazione tempestiva del bambino impediscono lo sviluppo di conseguenze indesiderabili.

Quando e quante volte fanno DPT e la polio

Per la prima volta, la vaccinazione DPT, come la poliomielite, viene posizionata secondo il calendario all'età di tre mesi. Il secondo vaccino DPT, così come contro la polio, viene somministrato in 4,5 mesi. È meglio vaccinare il bambino con lo stesso farmaco della prima volta, ma è possibile sostituirlo con un altro vaccino con lo stesso contenuto di antigene. La terza immunizzazione con vaccini DTP e poliomielite viene effettuata a sei mesi di età. Deve essere effettuato con una pausa obbligatoria di 1-1,5 mesi dopo quella precedente.

Se a questa età la vaccinazione DPT è stata rifiutata per qualche motivo, allora è stata somministrata 3 volte con un intervallo di 1,5 mesi. E la rivaccinazione viene eseguita un anno dopo l'ultima iniezione.

La rivaccinazione pianificata di DTP e poliomielite viene effettuata nelle seguenti date:

  • a 18 mesi - la prima rivaccinazione di DTP e poliomielite;
  • in 20 mesi - la seconda rivaccinazione di poliomielite;
  • a 6-7 anni, la seconda rivaccinazione contro il tetano e la difterite con il vaccino ADS-M (senza la componente della pertosse);
  • all'età di 14 anni, la terza rivaccinazione contro difterite, tetano e poliomielite.

Il farmaco DPT viene utilizzato solo fino all'età di quattro anni, dopo di che iniziano a utilizzare il vaccino importato. Inoltre, ai bambini dai 4 ai 6 anni viene somministrato il vaccino antiretrovirale e, dopo 6 anni, il vaccino ADS-M.

Contemporaneamente al vaccino DTP o al suo analogo importato "Infanrix", viene somministrato un vaccino antipolio inattivato o un OPV orale vivo contro la poliomielite.

Come i bambini tollerano la vaccinazione DPT e la poliomielite

Le vaccinazioni DTP e poliomielite possono causare effetti collaterali più comuni durante i primi tre giorni. I sintomi indesiderati possono causare l'antigene di questi vaccini singolarmente o, possibilmente, i loro effetti combinati. Ma il più reattivo è il componente della pertosse del vaccino DPT - è quello che provoca la più grande reazione nel corpo.

La vaccinazione contro la poliomielite nei bambini a 3 mesi viene effettuata con la preparazione orale dal vivo. È lasciato cadere sulla radice della lingua, dove ci sono molte papille gustative. Sentendosi amareggiato, il bambino può ruttare. Se si verifica un effetto emetico dopo la vaccinazione, il vaccino viene reiniettato. Bambini dopo 12 mesi di droga per la flebo sulle tonsille, dove non ci sono le papille gustative. Pertanto, il riflesso del vomito non si verifica.

Dopo la vaccinazione, la poliomielite e il DTP possono sviluppare una reazione locale e generale.

Al sito di iniezione DTP possibile:

Il gonfiore e la compattazione di più di 5 cm di diametro possono durare 2-3 giorni. A causa del dolore il bambino protegge la gamba. Questa è una reazione normale, passerà tra qualche giorno. Una reazione pronunciata dopo DTP è un rossore con un diametro superiore a 8 cm e può durare 1-2 giorni.

Le reazioni generali alla vaccinazione con DTP e poliomielite a 6 mesi sono le stesse di tre e quattro mesi di età:

  • aumento di temperatura di 38,0-39,0 ° C;
  • ansia;
  • irritabilità;
  • pianto;
  • letargia e sonnolenza;
  • perdita di appetito;
  • in rari casi, vomito e diarrea.

L'effetto collaterale più frequente dopo l'iniezione di DPT è elevata temperatura. Ciò è dovuto alla produzione di anticorpi nel sangue di agenti patogeni. Quanto dura la temperatura dopo la vaccinazione con DTP e poliomielite? - può essere fino a 5 giorni. Più spesso passa in modo indipendente. Se la temperatura non diminuisce dopo 5 giorni, significa un raffreddore o lo sviluppo di un'infezione non correlata alla vaccinazione.

In rari casi, dopo la vaccinazione con DTP e poliomelite, c'è una forte reazione. Si esprime aumentando la temperatura a 40,0 ° C e oltre. Questa reazione è causata dall'elemento di pertosse del vaccino DPT. In questi casi, al bambino può essere somministrato un anestetico "Panadol", "Paracetamolo" e fare riferimento a un pediatra.

Se la prima immunizzazione con il vaccino DTP ha causato una forte reazione del corpo, allora la prossima volta dovrebbe essere sostituito con il farmaco "Infanrix".

Possibili complicazioni

Oltre alla normale reazione, a volte dopo la vaccinazione, si sviluppano complicazioni, ma sono registrate solo in 1 caso ogni 100 mila. I genitori dovrebbero distinguere tra la solita reazione al vaccino, che a sua volta scompare, e le complicanze associate alla malattia dopo la vaccinazione.

In seguito alla vaccinazione con DTP e poliomielite possono avere i seguenti effetti.

  1. Sindrome spasmodica, che può provocare febbre alta. Meno spesso ci sono convulsioni senza febbre, che possono indicare precedenti lesioni del sistema nervoso del bambino.
  2. Allergia di gravità variabile. Più spesso, eruzioni cutanee pruriginose sul corpo. In rari casi si sviluppa una grave reazione allergica sotto forma di edema di Quincke. Ancora meno spesso, per mezz'ora dopo la vaccinazione, può verificarsi una complicazione pericolosa: shock anafilattico.
  3. Encefalopatia: si manifesta con disturbi neurologici causati dalla componente della pertosse del vaccino.

In rari casi, i bambini dopo la vaccinazione con il vaccino vivo OPV sviluppano una complicanza - poliomelite associata al vaccino.

Come prevenire la reazione

La tolleranza della vaccinazione è fortemente influenzata dalla preparazione del bambino, dal rispetto delle regole di vaccinazione e dalle condizioni di conservazione del farmaco.

I genitori dovrebbero seguire le linee guida generali prima e dopo la vaccinazione simultanea di DPT e poliomielite.

  1. Se il bambino è incline alle allergie, il medico consiglierà di assumere antistaminici. In questo caso, dopo la vaccinazione con DTP e contro la polio, non è raccomandato l'uso di Suprastin e Tavegil. A causa del fatto che asciugano le membrane mucose del rinofaringe, c'è il rischio di complicanze delle infezioni respiratorie acute e a temperature elevate. Pertanto, è preferibile dare "Klaritin" allo sciroppo.
  2. Prima della vaccinazione, è necessario consultare un medico, misurare la temperatura. Il bambino il giorno della vaccinazione deve essere sano.
  3. Non vaccinare DTP e poliomielite dal bambino sudato. Devi aspettare di fronte all'ufficio e dare da bere al bambino.
  4. I bambini tollerano più facilmente il vaccino senza sforzi inutili sull'intestino. Pertanto, il giorno prima è necessario ridurre la quantità e la concentrazione di cibo. Non nutrire per un'ora prima e immediatamente dopo la vaccinazione DPT.
  5. Non è auspicabile vaccinare se non ci sono feci nelle ultime 24 ore. È necessario liberare l'intestino con un clistere.
  6. Il giorno dell'iniezione, così come dopo, si consiglia di limitare la comunicazione con le persone al fine di evitare l'infezione.
  7. Gravi effetti collaterali e gravi complicanze nell'80% dei casi si verificano durante la prima ora dopo la vaccinazione. Pertanto, questa volta è necessario rimanere in clinica per monitorare il bambino.

Il rispetto di tali raccomandazioni riduce significativamente il rischio di effetti collaterali e complicanze.

Domande frequenti

  1. Cosa devo fare se mio figlio ha la febbre dopo la vaccinazione con DTP e poliomielite? Se il termometro è inferiore a 38,0 ° C, somministrare un leggero agente antipiretico - "Paracetamolo", "Efferalgan", "Panadol", "Tylenol". Se supera 38.0 ° C, allora Nurofen, Ibuprofen in sciroppo farà. Con l'inefficacia di questi fondi può essere dato "Nimesulide". Inoltre, è necessario fornire soluzioni per reintegrare i liquidi corporei. Per fare questo, sciogliere la polvere "Regidron", "Glukosolan", Humana Elektrolyt o "Gastrolit" in acqua. E anche bere liquidi - succo di frutta, tè al limone o composta.
  2. Quando posso camminare dopo la vaccinazione con DPT e poliomielite? Quando torni a casa dopo la vaccinazione, misura la temperatura e ispeziona il bambino per l'eruzione cutanea e le condizioni generali. Il giorno della procedura è meglio stare a casa per monitorare il bambino. Il giorno dopo, fai una passeggiata, ma non al parco giochi, ma al parco. Una porzione di ossigeno aiuterà a dormire e recuperare. Devi camminare ogni giorno il più possibile.
  3. È possibile bagnare il luogo in cui hai ottenuto il vaccino DPT e la poliomielite? Non bagnare il primo giorno per evitare l'infezione. Il giorno dopo, puoi bagnarlo, ma non strofinarlo.
  4. Posso bagnare il mio bambino dopo la vaccinazione con DTP e poliomielite? Il primo giorno, astenersi dal lavarlo: la ferita deve essere stretta. Il giorno dopo è possibile fare il bagno senza l'uso di un panno, se la temperatura corporea non è superiore a 37,5 ° C. Ad alte temperature, puoi pulire la pelle con un panno umido.
  5. Cosa fare se la gamba di un bambino fa male dopo la vaccinazione con DTP e contro la polio? Secondo la raccomandazione dell'OMS, il bambino viene vaccinato all'anca nel primo anno. L'introduzione del vaccino nel gluteo è considerata una violazione delle regole. Dopo un anno e mezzo, il DTP viene eseguito a spalla. Con l'introduzione del vaccino nella coscia il rischio di complicanze è ridotto, ma in alcuni casi, la gamba del bambino fa male male. Quindi il piede non può essere sfregato, riscaldato o applicato al suo freddo. Il gonfiore doloroso nel sito di iniezione può risolversi per 2 settimane. E questo è normale, perché c'è un processo infiammatorio che diminuisce dopo l'assorbimento del farmaco. Può essere accelerato imponendo il gel "Troxevasin". Di solito si sviluppa un sigillo forte se il vaccino non viene iniettato nel muscolo, ma sotto la pelle, da dove l'assorbimento è rallentato. Ma quando l'iniezione viene effettuata in violazione dell'asepsi, può formarsi una suppurazione, che è accompagnata da un aumento della temperatura. In questo caso, il bambino dovrebbe essere consultato con il chirurgo.

Analoghi DTP importati

Sebbene i vaccini russi siano di alta qualità, le importazioni sono più ipoallergeniche e più sicure. Per ridurre al minimo gli effetti collaterali dell'uso di DTP e poliomielite, è possibile utilizzare i vaccini importati.

  1. Il vaccino francese Pentaxim combina la protezione contro la difterite, la pertosse, il tetano (vale a dire, come il DTP) e anche contro la poliomielite. Oltre al vaccino, un componente antiemofilico viene confezionato separatamente, che viene miscelato con il resto del componente prima dell'uso. Pentaxim consente di ridurre il numero di vaccinazioni. Dopo tutto, con una vaccinazione separata mettete DTP o Infanrix più IPV o OPV contro la polio. Il vaccino "Pentaxim" contiene tutti questi componenti in sé, il che è conveniente poiché non deve ferire il bambino più volte. Inoltre, dopo che non si verifica la polio associata al vaccino, in quanto il farmaco contiene un virus morto.
  2. Più recentemente, è stato utilizzato il vaccino Tetrakok di fabbricazione francese, che ha fornito protezione contro difterite, pertosse, tetano e poliomielite. Ma è già fuori produzione.
  3. Produzione belga "Infanrix". È un analogo di qualità di DPT. L'assenza di mertiolato e l'uso di microbi uccisi pertosse riduce significativamente il rischio di reazioni avverse. Sebbene Infanrix sia un farmaco non combinato, può essere più facilmente tollerato in combinazione con altri vaccini. Un corso completo prevede 3 vaccinazioni e una rivaccinazione. Al fine di proteggere contro la poliomielite, il vaccino IPV viene somministrato contemporaneamente ad Infanrix.
  4. Il vaccino Tetraxim francese è un farmaco combinato. Sostituisce il DTP e il vaccino antipolio. Tetraxim non contiene il mertiolato, quindi è più facile da tollerare. Per il corso completo di immunizzazione, vengono somministrate 3 vaccinazioni.

Tutti i vaccini sono intercambiabili, ma Infanrix è più facilmente tollerabile.

Controindicazioni

La vaccinazione viene ritardata fino al recupero in caso di infezioni respiratorie acute o temperatura elevata. I benefici assoluti per qualsiasi vaccinazione, tra cui DTP e poliomielite, sono i seguenti:

  • intolleranza ai vaccini o ai loro componenti;
  • reazione allergica alla prima iniezione;
  • allergico agli antibiotici se IPV è usato contro la polio

Rinviare temporaneamente la vaccinazione ai bambini con esacerbazione della diatesi.

La vaccinazione congiunta di DPT e contro la polio fin dalla tenera età protegge il bambino da quattro pericolose infezioni contemporaneamente. L'immunizzazione contro queste malattie è inclusa nel programma nazionale di immunizzazione e non è un caso che vengano eseguite contemporaneamente, come con la corretta preparazione del bambino, i possibili effetti collaterali sono ridotti al minimo. Per facilitare ulteriormente la portabilità della procedura, DTP e OPV possono essere sostituiti con una combinazione di vaccini importati.

Reazione a DTP e poliomielite nei bambini a 3 mesi, a 1,5 anni. La reazione al DTP si manifesta dopo che ora, quanto tempo ci vuole?

Attualmente, tutti i genitori del mondo sono divisi in due campi. La ragione di ciò è una domanda importante: il bambino dovrebbe essere vaccinato? Tra questi due gruppi di persone giace un enorme abisso di incomprensioni. Coloro che sono contrari alle vaccinazioni, contrariamente al buon senso, temono gli effetti negativi del vaccino. Avendo letto gli orrori nelle recensioni di alcuni genitori, mamme e papà diventano avversari ardenti del vaccino stesso.

Non dimenticare che la peggiore reazione al vaccino può verificarsi una volta in diversi milioni di casi.
Questa è una grande rarità. Tuttavia, se un bambino non vaccinato o un adulto che non è stato vaccinato in tempo ha un contatto pericoloso con l'agente eziologico di una terribile malattia, allora l'infezione si verificherà istantaneamente. Le conseguenze della malattia possono essere le più gravi, a volte persino letali.

Cos'è il DTP?

Uno dei vaccini più comuni al mondo è il DTP. Come è questa abbreviazione? Questa combinazione di caratteri non è altro che le prime lettere del nome del vaccino: pertosse adsorbita-difterite-tetano. Questo vaccino protegge il corpo umano dalle tre infezioni più pericolose. Per i bambini piccoli, il cui corpo non ha ancora imparato a difendersi completamente contro gravi malattie, queste malattie possono essere fatali. Ecco perché la vaccinazione DPT è prescritta per un bambino in 2-3 mesi.

Nonostante l'ovvia necessità di vaccinare i bambini da malattie terribili, alcuni genitori non vogliono farlo, citando il rifiuto della loro preoccupazione per la salute e la vita della loro prole. Il fatto è che la reazione al DTP nei bambini è abbastanza evidente. Per quanto riguarda il vaccino stesso, è piuttosto difficile da tollerare. Tra le altre vaccinazioni che fanno il bambino secondo il calendario, il DTP, ovviamente, è il più difficile. Ciò è dovuto alla componente anti-pertosse, che è più difficile da percepire per il corpo. E molti genitori temono che, a seguito di complicazioni post-vaccinazione, il bambino diventerà disabile o non sopravviverà affatto. Ma vale la pena rassicurare le mamme premurose e i papà in modo che la probabilità di tali casi sia trascurabile. Per portare ai genitori informazioni sull'importanza di questo vaccino, vale la pena di dire quali conseguenze possono portare le loro paure infondate.

Perché è necessario vaccinarsi?

Pertosse, tetano e difterite sono malattie molto pericolose per i bambini piccoli. La pertosse è terribile per le sue complicanze, tra cui la polmonite e l'encefalopatia. Quando la tosse convulsa caratteristica di questa malattia può smettere di respirare. Dopo che la vaccinazione è stata fatta, gli anticorpi cominciano a essere prodotti nel corpo e si forma una memoria immunitaria. Successivamente, se il bambino incontra l'agente eziologico della pertosse, della difterite o del tetano, le sue difese saranno in grado di dare una risposta adeguata a queste infezioni. L'immunità di un bambino vaccinato funzionerà come un orologio.

Il tetano e la difterite sono pericolosi perché le loro complicanze non sono legate ai microrganismi, ma alle loro tossine. Portano un grande pericolo. Il vaccino DPT è progettato per sviluppare l'immunità antitossica in un corpo in crescita.

È probabile che tali terribili complicazioni si sviluppino nei bambini che hanno sofferto di queste malattie. Pertanto, la risposta al DTP non può essere paragonata al fatto che un bambino non vaccinato può essere sottoposto a tre infezioni terribili.

Programma di vaccinazione

Questo farmaco viene somministrato per iniezione intramuscolare. Questo metodo non fornisce il vaccino immediatamente assorbito nel sangue e fornisce una produzione a lungo termine di anticorpi nell'infanzia e nell'età adulta.

La particolarità del DTP è che viene eseguita secondo uno schema specifico, in conformità con gli intervalli. Ripetere le vaccinazioni a determinati intervalli di tempo è necessario per tutta la vita. Lo schema di vaccinazione è il seguente:

  • per la prima volta - in 2-3 mesi;
  • di nuovo - in 4-5 mesi;
  • la terza volta è a 6 mesi.

Tre di queste vaccinazioni dovrebbero essere fatte con un intervallo obbligatorio di 30 giorni tra ciascuna di esse. Poiché i programmi di vaccinazione per questo farmaco coincidono con il vaccino antipolio, di solito vengono fatti insieme. C'è anche un farmaco speciale che combina tutti e quattro i componenti. Ma il più delle volte il vaccino antipolio sembra una goccia. Stanno gocciolando nella bocca del bambino. In tutta onestà, vale la pena notare che la risposta al DTP e alla polio è diversa l'una dall'altra. L'ultimo vaccino è facilmente tollerabile e di solito non produce effetti collaterali.

La volta successiva, quando il bambino raggiunge i 1,5 anni di età, il vaccino DPT viene ripetuto. Questa vaccinazione in quattro fasi conferisce al bambino completa immunità al tetano, alla difterite e alla pertosse. Ulteriori vaccinazioni sono fatte con la forma acellulare o acellulare della componente della pertosse. Questo vaccino è chiamato ADS ed è molto più facile da tollerare. La vaccinazione produce:

  • in 6-7 anni;
  • all'età di 14 anni e poi ogni 10 anni di vita: a 24, 34, 44, ecc.

Secondo le statistiche, il 75% della popolazione adulta della Federazione Russa non riceve la rivaccinazione dell'ADF e non sospetta nemmeno che ciò dovrebbe essere fatto. Tuttavia, è molto importante. Il tetano nel nostro tempo è una malattia terribile. Questo è particolarmente vero per gli amanti dei viaggi a lunga distanza.

Ma cosa succede se il programma di rivaccinazione è perso? L'Organizzazione mondiale della sanità sostiene che a partire da questo caso l'intero ciclo non ha senso. La cosa principale è ripristinare la fase persa e non ottenere di più dal programma.

Tipi di vaccino DPT

Ad oggi, ci sono diversi vaccini DTP certificati. Tutti sono autorizzati dall'OMS. Accade spesso che la prima vaccinazione sia fatta da un farmaco di un produttore, ripetuto - da un altro. Secondo l'OMS, questo non è un grosso problema, dal momento che tutti questi vaccini si sostituiscono a vicenda.

Per qualità, esistono due tipi di vaccino DPT:

  • Il più comune ed economico. Si chiama classico ed è più popolare nei paesi sottosviluppati con un basso tenore di vita. La composizione di tale vaccino comprende la componente di pertosse non digerita e grezza. È per questo che i bambini hanno una reazione al DPT.
  • Un'altra varietà si chiama AADS. È il più moderno e, ovviamente, costoso analogo del vaccino DPT nella versione classica. In esso, il componente della pertosse viene pulito e suddiviso nelle sue parti componenti. Un grande vantaggio di un tale vaccino è che viene trasferito molto più facilmente e praticamente non provoca reazioni indesiderabili.

Dovrebbe essere chiaramente inteso che la reazione al DTP è temporanea e si svolge senza conseguenze dannose per il corpo. La malattia trasferita può minacciare con orribili complicazioni della salute di un bambino, che può disturbare tutta la sua vita.

Come viene condotta correttamente la vaccinazione?

Questo vaccino viene somministrato per via intramuscolare. Ma non tutte le parti del corpo possono essere idonee alla vaccinazione. L'OMS raccomanda di somministrare il vaccino DPT ai bambini piccoli solo nella coscia. Ciò è giustificato dal fatto che i muscoli in questa parte del corpo si sviluppano meglio in un bambino di due mesi. Ci sono meno vasi sanguigni e grasso sottocutaneo, che non si può dire dei glutei. Questa norma ha una base legislativa ed è stata introdotta nel 2008 in un documento ufficiale dal titolo "Regole sanitarie-epidemiologiche. Garantire la sicurezza dell'immunizzazione. Ha chiaramente prescritto: "Le iniezioni intramuscolari ai bambini dei primi anni di vita avvengono solo nella parte superiore della coscia esterna". Dall'età di 6 anni, i bambini possono essere vaccinati nella zona della spalla.

Qual è la risposta alla vaccinazione DPT?

La risposta al DPT nei bambini potrebbe essere diversa. Nel caso più favorevole, il tuo bambino non mostrerà alcun sintomo allarmante. Ciò significa che dopo l'iniezione, nulla è cambiato nel comportamento e nello stato del bambino.

Ma non sempre tutto è così senza nuvole e spesso i bambini hanno le seguenti manifestazioni dopo la vaccinazione:

  • Perdita di appetito Disturbi digestivi sotto forma di vomito e diarrea.
  • Il sito di iniezione diventa rosso, più denso e c'è gonfiore. Il bambino tocca spesso il punto dolente, lasciando che i genitori sappiano che lo infastidisce.
  • L'umore mutevole e il comportamento insolito del bambino sono anche una sorta di reazione al DPT. La temperatura che è aumentata sullo sfondo della vaccinazione può trasformare un bambino calmo in uno capriccioso e irritabile.
  • Si può anche osservare un'immagine inversa: una mollica allegra e agile diventa pigra e sonnolenta.

Il noto pediatra per bambini EO Komarovsky ha risposto alla domanda: "Quanto dura la reazione al DPT manifestarsi in un bambino?". Risposte a quanto segue: "Tutti i fenomeni negativi di post-vaccinazione in un bambino compaiono il primo giorno dopo l'iniezione. Se il bambino è depresso, ha un naso che cola, diarrea o sonnolenza, e tutto questo è accaduto 2-4 giorni dopo l'iniezione, quindi il DTP non può essere incolpato qui. Tutto questo è più probabilmente le conseguenze di un rotavirus catturato nella clinica di una malattia respiratoria acuta ".

Molti medici sono d'accordo con questa affermazione. Per quanto riguarda la durata della reazione al DPT, i medici dicono: tutti gli effetti collaterali si manifestano nel primo giorno dopo la vaccinazione. I prossimi 2-3 giorni c'è un miglioramento. Non richiede un intervento medico serio.

Tuttavia, se la reazione al DTP in un bambino acquisisce segnali di allarme, è necessario rivolgersi immediatamente a un medico. Mostra preoccupazione se:

  • la temperatura corporea del bambino attraversa la linea a 39 ° C;
  • il sito di iniezione è notevolmente gonfio (più di 8-10 cm di circonferenza);
  • il bambino ha un pianto forte e continuo, che dura più di 3 ore.

In questa situazione c'è il rischio di disidratazione del corpo del bambino.

Cosa fare quando si reagisce a DTP?

Spesso la risposta al DTP in 3 mesi si manifesta in un aumento della temperatura. In genere, i pediatri sconsigliano di somministrare farmaci antipiretici a un tasso inferiore a 38,5 ° C. Tuttavia, questa regola non si applica al periodo post-vaccinazione. Se noti una leggera febbre nel tuo bambino, dagli subito una febrifuga. Stringa e attendi che il punto critico non possa essere. Il suddetto medico Komarovsky afferma che Paracetamolo e Ibufen sotto forma di sciroppo e candele sono le migliori medicine per un bambino ad una temperatura elevata. Se questi farmaci sono inefficaci, dovresti consultare un medico.

Il consolidamento del sito di iniezione, il suo gonfiore ed edema è anche una reazione molto comune al DPT. Le foto di queste conseguenze spaventano di più i genitori. Se l'infermiera ha somministrato correttamente l'iniezione, allora non ci dovrebbero essere manifestazioni visive sotto forma di urti e gonfiore. Tuttavia, ci sono situazioni in cui il farmaco non entra nel muscolo, ma nello strato di grasso sottocutaneo. È in questo caso che il gonfiore, l'ispessimento e il gonfiore si formano più spesso. Se vedi questo effetto nel tuo bambino dopo la vaccinazione, dovresti mostrarlo al medico. Egli prescrive speciali farmaci sicuri per i bambini che aumentano la circolazione sanguigna e alleviano il gonfiore.

Non farti prendere dal panico con un leggero gonfiore nell'area di iniezione. Durante la vaccinazione vengono introdotte cellule indebolite del patogeno e si verifica un regolare processo fisiologico di infiammazione locale. Questa è una reazione locale a DTP. Di solito va via senza intervento medico in 1-2 settimane.

Spesso dopo l'iniezione, vi è arrossamento della pelle e prurito al sito di iniezione. Se il raggio della pelle con un colore modificato non supera i 2-4 cm, allora entra nella norma. Ciò è spiegato da una leggera infiammazione a causa della risposta immunitaria del corpo. Se altri aspetti sono normali, non preoccuparti. L'arrossamento sparirà senza lasciare traccia in 8-10 giorni.

Vale la pena notare che solitamente la risposta al DTP a 1,5 anni è più debole rispetto a dopo le prime vaccinazioni. Il bambino è già forte e la sua immunità facilmente far fronte al vaccino. Tuttavia, non perdere la vigilanza e monitorare attentamente le condizioni del bambino in un periodo critico.

Reazioni pericolose per il corpo al vaccino DPT

Le statistiche mediche hanno dati che 100.000 vaccinati con iniezioni di DTP possono soffrire di uno o due bambini da gravi conseguenze che possono causare cattive condizioni di salute. Questa probabilità è estremamente piccola, ma vale comunque la pena sottolineare tali complicazioni. Questi includono:

  • Grave allergia a uno dei componenti del vaccino oa tutti e tre i suoi componenti. Manifestazioni estreme: shock anafilattico e angioedema.
  • La temperatura non sale, ma il bambino ha i crampi.
  • La temperatura è aumentata e il bambino ha disturbi neurologici. Ciò è dovuto all'effetto della componente della pertosse sul rivestimento del cervello.

Vale la pena ricordare ancora una volta che questa è una reazione molto rara al DTP. Che cosa succede se sospetti uno di questi sintomi dal tuo bambino dopo la vaccinazione? Contattare senza indugio un'ambulanza.

Tuttavia, vale la pena rassicurare i genitori in numeri. Ci sono statistiche di occorrenza nei bambini della reazione al DTP di vari gradi di gravità:

  • aumento della temperatura corporea, arrossamento e gonfiore del sito di iniezione - nel 25% dei bambini;
  • perdita di appetito, sonnolenza e letargia, indigestione e disturbi intestinali - nel 10% dei bambini.

Reazioni moderate:

  • convulsioni - 1 bambino su 14.500;
  • forte pianto per 3 o più ore - 1 su 1.000 bambini;
  • temperatura corporea oltre 39,5 ° C - 1 bambino su 15.000.
  • gravi reazioni allergiche - 1 su un milione di bambini;
  • I disturbi neurologici sono così rari che la medicina moderna non li collega con il vaccino DPT.

La reazione più grave alla DTP si verifica durante i primi 20 minuti dopo la vaccinazione. Questo è il motivo per cui il medico consiglia di attendere questo periodo di tempo e mostrare il sito di iniezione per l'esame e la valutazione della reazione.

L'incidenza di gravi complicanze nei bambini aumenta di 3000 volte, se abbandoni completamente il vaccino e ti ammali con una delle tre gravi malattie.

Come accennato in precedenza, spesso, insieme alla vaccinazione DTP, il bambino riceve anche il vaccino antipolio. Gli orari di queste due vaccinazioni sono gli stessi e i medici sono abituati a combinarli. I genitori confusi a volte non conoscono la differenza tra la risposta al DTP e alla polio, se vengono eseguiti contemporaneamente. Di solito, l'ultimo vaccino è molto ben tollerato e, in casi estremi, può causare una leggera indigestione. Vale anche la pena notare che le sostanze contenute nel farmaco di immunizzazione contro la poliomielite contribuiscono anche ad un aumento della resistenza del corpo alle infezioni intestinali. Se un bambino ha un piccolo disturbo digestivo con vaccinazione articolare, dopo quel tempo, dopo quanto diminuisce la reazione al DTP, cioè dopo alcuni giorni, il tratto gastrointestinale riprende a funzionare.

Controindicazioni per DTP

Ci sono alcune circostanze che rendono impossibile vaccinare contro la pertosse, la difterite e il tetano. In questi casi, la vaccinazione non viene eseguita o viene posticipata per un certo periodo. Queste circostanze includono:

  • esacerbazione di qualsiasi malattia;
  • la presenza di allergie ad almeno uno dei componenti del vaccino;
  • reattività immunologica o immunodeficienza.

Come ridurre la probabilità di una reazione negativa al DTP?

Nonostante il fatto che la vaccinazione DPT sia una delle più difficili da percepire per i bambini, è impossibile rifiutarla. Questo minaccia il bambino con infezioni pericolose e le loro conseguenze. I genitori possono preparare il corpo di un bambino in modo da sopportare il vaccino nel modo più indolore possibile. Per fare ciò, effettuare le seguenti operazioni:

  • 2 giorni prima dell'imminente vaccinazione, se un bambino ha diatesi o allergie, è necessario somministrargli un antistaminico al solito dosaggio. In questo caso, la risposta al DTP in 3 mesi e in qualsiasi altra fascia sarà minima.
  • Direttamente il giorno della vaccinazione, l'evento più importante è la prevenzione dell'iperemia. Per fare questo, il bambino immediatamente dopo la vaccinazione dovrà mettere una candela con un febrifuge, anche se la sua temperatura non è aumentata. Un bambino di età superiore a metà anno può ricevere un farmaco sotto forma di sciroppo. Durante tutta la giornata, è necessario monitorare attentamente la temperatura ed essere sicuri di dare un febrifuge di notte. Il dosaggio dei farmaci deve essere discusso con un pediatra prima della vaccinazione.
  • Il giorno dopo la vaccinazione, è necessario continuare a controllare la temperatura. Con una tendenza ad aumentare dovrebbe essere dato un febrifuge. È necessario fornire al bambino pasti leggeri e un sacco di bevande calde. Nella stanza dei bambini, è necessario mantenere una temperatura ottimale di 21 ° C e umidità del 60-75%.

Farsi vaccinare o ammalarsi? Cosa è meglio per l'immunità?

Alcuni adulti sono dell'opinione che l'immunità acquisita a seguito della malattia sia più efficace di un vaccino. Questa opinione non è corretta. Non è assolutamente applicabile a tali malattie infettive come la pertosse, la difterite e il tetano. Le ultime due malattie dell'immunizzazione non danno al corpo. La pertosse trasferita fornisce una protezione naturale all'organismo per 6-10 anni. Tuttavia, a quale costo costerà questa triste esperienza! Vaccinazione DTP fornisce un'immunità completa da tutte e tre le infezioni per un periodo di 6 a 10 anni senza effetti pericolosi sulla salute. Quindi la vaccinazione è l'unico modo sicuro per proteggere il corpo da malattie pericolose.

Reazione a aksd e poliomielite nei bambini, possibili cause

La vaccinazione aiuta a formare l'immunità naturale di un bambino da molte malattie virali e batteriche. Le malattie mutano con ogni anno che passa ed è sempre più difficile per i medici fare la diagnosi corretta. Dopo la vaccinazione, è meno probabile che si ammali dalle briciole, ei sostenitori delle vaccinazioni raccomandano di eseguire tutte le iniezioni incluse nel calendario di vaccinazione obbligatorio. Ma, gli avversari dicono di ogni sorta di conseguenze che possono danneggiare il bambino, e in alcuni casi finire in fallimento. Ma se prepari adeguatamente il bambino per la vaccinazione e sai quali conseguenze aspettarti, allora i guai non accadrà. La polemica sulla vaccinazione di DTP e Poliomielite è particolarmente calda. Quali conseguenze può causare DPT e la polio in questo articolo?

Caratteristiche di vaccinazione di bambini

Le vaccinazioni contro la poliomielite e la DTP vengono eseguite contemporaneamente a 3 mesi, 4,5 e 6. I sintomi spiacevoli possono essere causati sia da un singolo farmaco per la poliomielite che in combinazione con DTP. I bambini a 3 mesi di polio vengono somministrati per via orale, in goccioline. La mancanza di somministrazione orale è che dopo la vaccinazione, i bambini sono vietati a mangiare e bere per 2,5-3 ore. Se durante questo periodo il bambino è malato, la vaccinazione deve essere ripetuta. Il fatto è che i bambini a 3 mesi, il farmaco è gocciolato alla radice della lingua, e questa zona non ha un'alta assorbibilità, e ci sono molte papille gustative. Baby, sentendo un sapore amaro, può ruttare involontariamente.

Bambini dopo 12 mesi di vaccinazione contro la polio gocciolare sulla tonsilla o fare un'iniezione. Non ci sono papille gustative sulle tonsille. Le sensazioni spiacevoli sono meno e la nausea è rara.

Le vaccinazioni orali contro la poliomielite hanno un'altra proprietà positiva, provocano l'immunità e creano una protezione aggiuntiva contro i virus gastrointestinali. Questo è il terreno ottimale per la vaccinazione DTP, quindi sono combinati.

La vaccinazione DPT viene effettuata con vari farmaci. Dalla loro scelta dipende se hai bisogno di un'iniezione aggiuntiva o gocce dalla polio. Per la co-somministrazione ci sono due farmaci:

  1. Pentaxim - difterite, pertosse, tetano, infezione emofilica e poliomielite vengono contemporaneamente introdotti nel corpo del bambino;
  2. Tetrakok - DTP e poliomielite.

Con l'introduzione di altre droghe, le vaccinazioni DTP della poliomielite vengono somministrate in parallelo (in goccioline o per iniezione). L'amministrazione completa con Pentaxim o Tetracock causa meno effetti.

Controindicazioni per DTP e vaccinazione antipolio

Prima dell'iniezione di poliomielite e DTP deve essere esaminato. Esistono numerose malattie e anomalie in cui le vaccinazioni sono controindicate nei bambini:

  • Disturbi neurologici, anche dopo la prima vaccinazione;
  • immunodeficienza;
  • La formazione di tumori maligni;
  • Qualsiasi esacerbazione della malattia cronica;
  • Terapia immunosoppressiva (il vaccino non deve essere somministrato prima e dopo 6 mesi di trattamento);
  • ORZ o ARVI.

Il pediatra, dopo aver esaminato il bambino, prenderà una decisione per vaccinare o dare un ritiro medico. La durata del ritiro medico dalla vaccinazione dipende dalle condizioni del bambino. Il medico è obbligato ad avvertire i genitori cosa aspettarsi dopo la vaccinazione in modo che siano pronti.

Quali sono le conseguenze dopo una vaccinazione complessa?

Le conseguenze della vaccinazione in ciascun caso sono individuali. Sono associati alle caratteristiche del corpo del bambino e al tipo di droga. Più pulito e migliore è il farmaco, meno effetti provocherà. In un bambino sano, gli effetti sono minori rispetto ai bambini con ridotta immunità e malattie nascoste.

La maggior parte degli effetti collaterali si verificano nei bambini dopo l'introduzione della forma vivente del virus. Dopo il vaccino morto, gli effetti sono minori, ma il sistema immunitario è solo del 65-75%.

Tra le conseguenze della reazione più comune nelle seguenti manifestazioni:

  • Aumento della temperatura a 38,5 gradi. Molto spesso, il sintomo è causato dall'introduzione di DPT. In un bambino sano, ci vogliono 2-3 giorni ed è facilmente deviato da farmaci antipiretici;
  • Eruzione allergica sulla pelle. Rimosso con antistaminici e unguenti. Un leggero arrossamento nel sito di iniezione del DTP è considerato normale e dura 6-7 giorni;
  • Disturbi gastrointestinali, nausea di una volta. Causato da goccioline di poliomelite e passato da soli per 2-3 giorni.

Questa è la reazione abituale del bambino alla vaccinazione antipolio e alla DPT. Puoi risolvere i problemi a casa, con una leggera fasciatura sul sito di iniezione e un unguento Fenistil. Non è necessario lubrificare il luogo dell'iniezione e arrossare in giro.

I farmaci virali che indeboliscono temporaneamente il sistema immunitario causano reazioni minori nel corpo del bambino. Gli agenti patogeni indeboliti provocano linfociti e tutte le forze del corpo del bambino sono finalizzate a combatterli.

È possibile prevenire reazioni indesiderate esaminando attentamente il bambino prima dell'iniezione. Ma l'immagine non è sempre così rosea come vorrebbero i genitori.

Complicazioni acute

Nei bambini con una forma indebolita di immunità o con un'immunodeficienza latente è raro, ma c'è una reazione nella forma acuta. Fondamentalmente, la causa delle complicazioni risiede nella supervisione del pediatra o dei genitori, che hanno taciuto alla reception su uno dei sintomi:

  • il bambino aveva la febbre alla vigilia della vaccinazione;
  • letargia;
  • il bambino rifiutò il solito cibo;
  • diarrea;
  • nausea.

Qualsiasi reazione può segnalare che il bambino è infetto da un virus e l'indebolimento del sistema immunitario provocherà complicazioni.

La seconda causa della complicazione è la malattia di un bambino con un vaccino contro il quale è stata vaccinata. Questo fenomeno si verifica dopo la vaccinazione della polio è estremamente raro e innescato da una bassa immunità. Dopo l'introduzione del virus in forma vivace ma indebolita, la malattia si chiama VAP (Vaccine-Associated Polio). Per l'infezione non è successo, si raccomanda di condurre test per l'immunodeficienza del bambino. Se vengono rilevate piccole deviazioni, si consiglia di utilizzare la forma non vivente del farmaco per la vaccinazione.

Ci sono una serie di sintomi che dovrebbero essere un segnale per i genitori. Con la loro manifestazione, la reazione dei genitori dovrebbe essere un fulmine - dovresti chiamare immediatamente gli esperti:

  • il bambino mostrava insolita letargia e debolezza;
  • la respirazione divenne frequente o intermittente, apparve mancanza di respiro;
  • convulsioni o improvvisa perdita di coscienza;
  • orticaria grave o prurito che non scompare entro 5-7 giorni;
  • gonfiore di arti, faccia, rinofaringe;
  • la temperatura è salita sopra 38,5 e non è legata da farmaci antipiretici;
  • un nodulo formato nel sito di iniezione, che è caldo al tatto e pulsante;
  • un ascesso è apparso sul sito di iniezione, da cui scorre il pus.

Se qualche reazione si manifesta, vale la pena cancellare le passeggiate, fare il bagno e ascoltare le raccomandazioni di un pediatra, per esempio, il dott. Komarovsky sul video:

Una reazione con febbre alta o ipertermia in un bambino dopo la vaccinazione con DTP e poliomelite è normale. Ma se la colonna di mercurio non supera i 38,5 gradi. La temperatura sopra la norma indica l'inizio del processo infiammatorio. Molto probabilmente il bambino era infetto prima della vaccinazione e il vaccino ha causato complicazioni.

In ogni caso, la reazione dopo la vaccinazione è migliore delle complicazioni dopo la malattia. E VAP si trova solo in 1 di 3 mil. casi. Questo suggerisce che la probabilità di essere a rischio è molto piccola, ma un bambino non vaccinato può essere infettato dalla polio e rimanere disabile nel 50% dei casi.

Non dimenticare che un bambino vaccinato con la poliomielite diventa portatore e può infettare altri bambini. Certamente, se adulti e bambini sono vaccinati, non hanno paura della malattia. Ma i bambini con immunodeficienza dovrebbero astenersi dal comunicare con i vaccinati. Altrimenti, un bambino non vaccinato mostrerà segni di VAP. Pertanto, un bambino vaccinato deve essere tenuto per 2-3 giorni nella quarantena di casa.

I fatti che la vaccinazione contro la poliomielite o la DPT possono scatenare paralisi, idropisia o altre malattie non sono noti alla scienza. La reazione è più probabile associata a una malattia già esistente nel bambino. Un esame adeguato e approfondito e specialisti competenti aiuteranno i genitori ei loro figli ad evitare spiacevoli conseguenze dopo la vaccinazione.

Reazione ed effetti della vaccinazione simultanea di DPT con poliomielite ed epatite in 3 mesi

I genitori moderni scelgono se vaccinare i loro figli o meno. Se ci si basa su statistiche ufficiali, il numero di complicanze derivanti dalle vaccinazioni è molto inferiore al numero di decessi infantili e alle gravi conseguenze di malattie pericolose.

Particolarmente accese polemiche si sono accese sulla necessità di vaccinazione con DTP e poliomielite. Queste vaccinazioni spesso causano reazioni avverse sotto forma di febbre e disturbi del sistema nervoso. Tuttavia, qualsiasi medico assicurerà che i bambini debbano essere vaccinati dal primo mese di vita - senza che ciò avvenga, il sistema immunitario è indifeso contro formidabili infezioni virali.

La vaccinazione consente di proteggere il bambino dall'infezione da gravi malattie.

Caratteristiche del vaccino

I vaccini con agenti patogeni provocano un sistema protettivo per la risposta e la formazione di un'immunità resistente ai virus. Qualsiasi farmaco farmaceutico ha un effetto terapeutico positivo (nel caso di un vaccino, questa è la creazione di immunità) e negativo - la comparsa di reazioni avverse e complicazioni. È impossibile creare un vaccino che non abbia un rischio per il bambino. Ecco perché la decisione dei genitori è la scelta del più piccolo male: esporre il bambino alla possibilità di contrarre malattie virali mortali o di creare loro l'immunità, ma di essere pronti per le possibili conseguenze.

Se consideriamo gli effetti collaterali leggeri sotto forma di un leggero aumento di temperatura e di iperemia nel sito di iniezione, passano da soli. Un tale disagio indica che l'immunizzazione ha avuto successo. Tuttavia, l'assenza di una reazione non significa che l'immunità non è stata formata - nella maggior parte dei casi appare e persiste per il periodo di tempo richiesto. Nei vaccini stranieri, la risposta immunitaria è leggermente inferiore, ma viene aggiustata dopo la rivaccinazione.

La peculiarità delle vaccinazioni pianificate è che vengono programmate un certo numero di volte, altrimenti non ci sarà alcun effetto desiderato. Sono fatti fin dall'infanzia, ma piuttosto dalla nascita stessa, e ripetuti durante la vita di una persona.

DTP e suoi analoghi stranieri

DTP (pertosse-pertosse-difterite-tossoide tetanico) è il nome di un vaccino di fabbricazione russa per la prevenzione della pertosse, della difterite e del tetano. Per comodità, tutti gli altri farmaci per la vaccinazione contro queste malattie e il vaccino stesso sono così chiamati.

Perché le vaccinazioni contro queste malattie, che sono pericolose:

  • La difterite è una malattia infettiva acuta che agisce sul tratto respiratorio superiore. Provoca grave intossicazione nel bambino e colpisce altri organi e sistemi (cardiovascolari, nervosi).
  • Il tetano è una malattia irta di paralisi. Può anche causare arresto cardiaco e respirazione, che si conclude con la morte.
  • La pertosse porta a tosse prolungata, polmonite, a volte per smettere di respirare e sindrome convulsiva. Particolarmente pericoloso per i bambini sotto i 2 anni.

La vaccinazione contro queste malattie è molto importante - sono difficili da curare, portano a gravi conseguenze e in alcuni casi fatali. I rifiuti di vaccinazione possono scatenare epidemie di massa e epidemie.

Il vaccino prodotto a livello nazionale da questi virus è a cellule intere. Al contrario, gli analoghi stranieri (Pentaxim e Tetrakok francesi, Infarix e Tritanrix belgi) sono privi di cellule. Ciò significa che non contengono virus indeboliti, ma solo le loro particelle. Sono molto meglio tollerati e hanno meno effetti collaterali. I bambini con disturbi del sistema immunitario ricevono il vaccino Tetrakok, che si distingue per i suoi effetti lievi sul corpo e l'assenza di effetti collaterali.

Recentemente, nelle cliniche invece che in DTP, spesso un altro farmaco è stato prodotto in Russia. Si chiama Bubokok. Questo vaccino più moderno contiene un antigene contro l'epatite B. Il vaccino viene anche inserito nella superficie anteriore della coscia, come il solito DTP.

I vaccini combinati sono più convenienti, poiché proteggono il bambino da più agenti patogeni contemporaneamente:

Il vaccino DPT prodotto in Russia spesso provoca effetti collaterali:
(Maggiori dettagli nell'articolo: effetti collaterali dopo la vaccinazione DTP)

  • aumento della temperatura corporea a 39,5-40 ° C;
  • gonfiore e arrossamento al sito di iniezione;
  • disturbi nervosi sotto forma di pianto ed eccitabilità;
  • diminuzione dell'appetito;
  • malessere generale, letargia, sonnolenza.

La mancanza di risposta non significa che l'immunità alle malattie non si sia formata. Il fatto è che i vaccini belgi e francesi non contengono sostanze nocive - formalina e mertiolato, così come virus a cellule intere. Questi componenti causano solo spiacevoli conseguenze delle vaccinazioni DPT.

Vaccinazione antipolio

La poliomielite è una malattia virale molto pericolosa per i bambini. È trasmesso attraverso la famiglia, attraverso il cibo, l'acqua e le mani non lavate. La polio causa paralisi spinale e disabilità, quindi la vaccinazione dei bambini per questa malattia è molto importante.

Per la vaccinazione vengono utilizzati due tipi di farmaci: vivere per instillare in bocca e inattivati ​​per iniezione sotto la pelle o per via intramuscolare. Nella prima variante, OPV, contiene virus della polio indeboliti, che è più efficace, ma allo stesso tempo e pericoloso. Nel secondo caso, con IPV, i patogeni della poliomielite vengono introdotti nel bambino.

Quali sono gli effetti collaterali di un vaccino antipolio?

  • un leggero aumento della temperatura;
  • lieve arrossamento e gonfiore nel sito di iniezione;
  • debolezza generale.
Dopo la vaccinazione orale del vaccino contro la polio vivi, vi è il rischio di complicanze post-vaccinazione o lo sviluppo della malattia stessa.

Vaccino contro l'epatite B.

Il vaccino contro l'epatite B aiuta a proteggere il fegato e le vie biliari del bambino dalla pericolosa malattia del fegato. La prima vaccinazione viene effettuata nell'ospedale di maternità nei primi giorni dopo la nascita del bambino. Dopo l'introduzione del vaccino tre volte nel primo anno di vita, si forma una forte immunità contro l'epatite B, seguita dalla rivaccinazione.

Per la vaccinazione vengono utilizzati i preparati di Engeriks B ed Euvax, un'iniezione viene effettuata sulla superficie anteriore della coscia. Non hanno effetti collaterali caratteristici e seri, accade molto raramente:

  • reazioni allergiche di varia gravità;
  • disturbi nervosi;
  • paralisi.

Schemi di vaccinazione

In Russia, esiste un programma di vaccinazione approvato a livello statale, in base al quale i bambini vengono vaccinati. Tutte le vaccinazioni vengono effettuate gratuitamente nella clinica del luogo di residenza, secondo le politiche dell'OMS. Poiché i bambini spesso si ammalano, il piano di immunizzazione diventa individuale, perché tutto il tempo si sta spostando, ma i medici sono approssimativamente guidati da questi termini.

La vaccinazione è effettuata 3 volte nei primi mesi di vita secondo lo schema:

Dopo questo, viene eseguita la rivaccinazione:

È consentita la vaccinazione simultanea?

Non c'è differenza significativa dall'amministrazione separata: il numero di reazioni avverse non aumenta e l'immunità si forma allo stesso modo. I vaccini DTP ed epatite B vengono anche somministrati nella stessa siringa.

Un grande vantaggio dei vaccini combinati importati è che sono più facili da trasportare rispetto alle controparti russe, forniti separatamente. Con Pentaxim, il rischio di sviluppare poliomielite associata a vaccino (post-vaccinazione) è più basso.

Quando diversi patogeni sono contemporaneamente contenuti nello stesso vaccino, il bambino deve sopportare un minor numero di colpi. Questo è un fattore importante, perché per un bambino piccolo ogni iniezione è un grande stress.

Tuttavia, c'è uno svantaggio della vaccinazione con analoghi stranieri - essi dovranno essere pagati. È necessario acquistare il vaccino da soli presso una farmacia o collocarlo in un centro medico privato. Il costo dei farmaci è piuttosto alto, quindi la scelta rimane con i genitori. Prima dell'introduzione di qualsiasi vaccino, è imperativo consultare un pediatra e superare un esame. Se il bambino è soggetto a gravi allergie, un bambino allergologo-immunologo è responsabile per la decisione di vaccinazione.

Possibili complicazioni delle combinazioni di vaccini

Le complicazioni che insorgono dopo la vaccinazione con i vaccini combinati sono esattamente le stesse di quelle somministrate separatamente. Dovrebbe essere chiaro che le complicazioni e gli effetti collaterali dei vaccini sono concetti completamente diversi. Gli effetti collaterali scompaiono dopo un po ', il corpo del bambino li affronta da solo.

Uno dei tipi più frequenti di complicazioni dopo la vaccinazione è l'alta temperatura corporea, che dura più di 3 giorni.

Con complicazioni, la droga provoca i seguenti disturbi nei bambini:

  • la malattia del virus vaccinato;
  • shock anafilattico, angioedema;
  • sindrome convulsiva in assenza di ipertermia;
  • disturbi del sistema nervoso;
  • un forte calo di pressione;
  • aumento prolungato della temperatura (oltre 39 ° С).

In caso di DTP, le complicanze si verificano più spesso dopo la seconda e la terza vaccinazione (si consiglia di leggere: come trattare il rossore dopo la vaccinazione DTP in un bambino?). La loro comparsa dopo la vaccinazione del DTP, dalla polio virale, dall'epatite B dipende da molti fattori:

  • le caratteristiche individuali del bambino;
  • tendenza a reazioni allergiche;
  • inosservanza delle regole di vaccinazione e conservazione del farmaco.

Controindicazioni alla vaccinazione completa

Per evitare complicazioni, eventuali vaccinazioni devono essere eseguite in assenza di controindicazioni:

Complicazioni dopo DTP e poliomielite

Sono stati vaccinati con DPT e poliomielite: una reazione

Il programma di vaccinazione per DTP e polio include 4 dosi di vaccinazione:

  • il primo dovrebbe essere fatto all'età di due o tre mesi dopo la nascita del bambino;
  • la seconda e la terza iniezione devono essere somministrate a intervalli di uno o due mesi;
  • La rivaccinazione della DTP dovrebbe essere eseguita un anno dopo l'ultima vaccinazione.

Nella prima e nella seconda somministrazione del farmaco (ad esempio, nel terzo e quinto mese), il vaccino DPT, la poliomielite e l'epatite vengono fatti insieme.

Se la prima vaccinazione è stata effettuata dopo tre mesi, il farmaco con la componente della pertosse deve essere somministrato tre volte con un intervallo di un mese e mezzo e l'ultima dose - 12 mesi dopo l'ultima vaccinazione.

La prossima vaccinazione è fatta per il tetano e la difterite nel settimo anno di vita. Quando un bambino ha quattordici anni, viene somministrato un farmaco antipolio insieme al vaccino per le suddette infezioni.

Per i bambini fino a 12 mesi, è necessario iniettare gocce di poliomielite alla radice della lingua, perché è importante che il vaccino colpisca la superficie dei follicoli linfoidi. I bambini più grandi dovrebbero applicare il vaccino alla tonsilla, perché è lì che inizia la formazione della risposta immunitaria. Ma questo non è l'unico motivo per scegliere queste aree. Come hanno dimostrato studi scientifici, è qui che c'è un accumulo minimo di recettori, quindi il bambino non sarà in grado di assaggiare il gusto del farmaco. Il bambino non vorrà sputare fuori il vaccino o, al contrario, ingoiare presto.

Per l'instillazione hai bisogno di uno speciale contagocce di plastica o di una siringa senza ago. La dose del farmaco può essere diversa - da 2 a 4 gocce.

testimonianza

La poliomielite è una malattia grave che è grave e dà molte complicazioni. Dopo che un midollo spinale è stato danneggiato dal virus, il processo infiammatorio si diffonde ai legami chiave del sistema nervoso centrale. Tutte queste complicazioni possono portare alla paralisi. Sfortunatamente, non tutte le manifestazioni della poliomielite passano senza lasciare traccia, a volte una persona rimane disabile fino alla fine dei suoi giorni. Ma anche questa non è la peggiore complicazione: in caso di danni agli organi dell'apparato respiratorio, si verifica la morte inevitabile.

Il contatto con una persona infetta da un virus è una via diretta verso l'infezione da poliomelite. In questo caso, il virus può essere trasmesso attraverso il contatto o attraverso goccioline trasportate dall'aria. Pertanto, uno dei principali pericoli della malattia è che è insolitamente contagioso. I bambini sotto i 7 anni sono più a rischio di ammalarsi, perché la loro immunità non è ancora sufficientemente formata, quindi non è in grado di combattere il virus. L'unico modo per proteggere un bambino è vaccinarsi.

Quando si utilizza il vaccino antipolio, è importante considerare alcune limitazioni: è vietato mangiare o bere per un'ora dopo la vaccinazione. Se durante questo periodo il bambino ha vomitato, allora il farmaco deve essere iniettato di nuovo. Questo vaccino è dotato di un'altra qualità utile: promuove la formazione nel corpo di alcuni elementi che hanno funzioni protettive. Pertanto, in una forma indiretta, si forma una barriera che è in grado di proteggere l'intestino del bambino da alcune infezioni causate dal virus.

Gli ardenti oppositori dei vaccini DPT, della poliomielite e dell'epatite sottolineano che hanno rifiutato la droga in molti paesi moderni, e questo probabilmente ha le sue ragioni che non possono essere ignorate. Tuttavia, dimenticano di menzionare che le vaccinazioni sono state utilizzate attivamente dalla metà del XX secolo e la loro efficacia è stata confermata da numerose ricerche statistiche e scientifiche. Un dubbio che può uccidere tutti i dubbi sulla possibilità o meno di vaccinare è possibile: la vaccinazione di routine è stata in grado di prevenire frequenti epidemie di poliomielite, epatite, quindi ora la diffusione delle malattie è quasi cessata.

Questa vaccinazione crea una forte immunità non solo dalla poliomielite, ma anche da pertosse, difterite e tetano. Tutte queste malattie sono accompagnate da gravi complicazioni:

  • La pertosse è particolarmente difficile a causa di polmonite e danni al cervello. Con una tosse convulsa, la respirazione può fermarsi del tutto;
  • il tetano e la difterite sono pericolosi non a causa dei germi, ma a causa delle loro tossine, che spesso causano la diarrea in un bambino.

Alcuni sostengono che dal momento che il numero di pazienti affetti da queste malattie è diminuito drasticamente, non si deve correre il rischio e inoculare. Ma, purtroppo, le infezioni non si estinguono completamente. Tutte le misure preventive sono in grado di renderle più rare. I medici stanno ancora registrando casi di infezione con queste malattie e, se non si effettua la vaccinazione, potrebbe verificarsi nuovamente un'epidemia.

Naturalmente, i genitori devono scegliere il minore dei mali, ma il pericolo derivante dal farmaco è molto più basso delle conseguenze della malattia.

Video "Complicazioni dopo la vaccinazione DPT"

Controindicazioni

Per evitare la comparsa di sintomi indesiderati di vaccinazione con DTP, poliomielite ed epatite, devono essere considerate tutte le controindicazioni. Pertanto, i motivi per rifiutare la vaccinazione dovrebbero essere tali fattori:

  • la presenza di un disturbo neurologico dopo una precedente vaccinazione;
  • diagnosi di stato di immunodeficienza primaria
  • tumori con neoplasie maligne;
  • esacerbazione di malattie croniche;
  • terapia immunosoppressiva (il vaccino può essere fatto dopo almeno sei mesi dal completamento);
  • ARD, in cui vi è un aumento della temperatura.

Al momento della vaccinazione, il bambino deve essere in salute. Pertanto, la madre deve osservare il comportamento del bambino diversi giorni prima della vaccinazione. Il bambino è sottopeso porridge preferito, dormito male, capriccioso senza una ragione. Un pediatra dovrebbe sapere tutto questo. Naturalmente, la decisione di fare o non vaccinare è presa individualmente per ogni bambino. I bambini fino a un anno devono ricevere il permesso anche da uno specialista stretto, la cosa principale è da un neuropatologo.

Spesso i medici fanno tutte e tre le vaccinazioni: contro la polio, l'epatite e il DTP in un giorno. È completamente sicuro L'epatite B è facilmente tollerata dal bambino.

Conseguenze e reazioni dopo

La vaccinazione è sempre un grosso peso per il corpo, perché provoca una complessa ristrutturazione del sistema immunitario. Non un singolo scienziato nel mondo o una singola azienda farmaceutica ha ancora sviluppato un prodotto medico che è innocuo per il corpo. Le medicine hanno un effetto positivo, ma c'è sempre un certo rischio di reazioni indesiderate. E cosa possiamo dire delle vaccinazioni contro DTP, poliomielite ed epatite.

Pertanto, se si prendono in considerazione le caratteristiche del vaccino come farmaco medico, non si hanno effetti collaterali gravi - si tratta di una normale reazione al vaccino. Il corpo, per così dire, ci dà un segnale che l'immunità ha cominciato a formarsi. Ovviamente, se la reazione è completamente assente, anche questo non è un motivo di panico, perché il risultato può essere con reazioni avverse minime.

DTP, poliomielite ed epatite sono vaccini severi. I sintomi più comuni che si manifestano entro tre giorni dalla vaccinazione sono il rossore nel sito di iniezione, gonfiore e dolore. A volte la temperatura aumenta. Questo è tutto normale. Naturalmente, nel range di normalità. Dopo tre giorni, tutte queste reazioni avverse passeranno senza assistenza.

I sintomi comuni della vaccinazione dovrebbero includere anche mancanza di appetito, sonnolenza, tosse. Raramente, ma ancora ci sono diarrea e vomito.

La reazione di vaccinazione può essere:

  • debole (la temperatura non supera i 37, 5 gradi, c'è una leggera violazione delle condizioni generali);
  • media (temperatura compresa tra 37,5 e 38,5 gradi);
  • forte (temperatura fino a quaranta e oltre, diarrea, tosse).

L'assenza o la presenza di sintomi avversi non è influenzata da ciò che l'iniezione viene somministrata al bambino. L'eccezione è rappresentata dalle reazioni allergiche (soprattutto locali), che aumentano solo con la frequenza di somministrazione. Il loro aspetto è anche influenzato dall'eredità, così come dalla suscettibilità alle allergie del bambino.

È chiaro che la vaccinazione assolutamente sicura è un mito. Pertanto, in rari casi, sono possibili complicazioni dopo la vaccinazione con DTP e poliomielite. Ma non sono così pericolosi come gli effetti di pertosse, difterite, tetano e poliomielite.

Le complicazioni sono tradizionalmente classificate come locali e generali. Con una reazione locale, gonfiore nel sito di iniezione con un diametro fino a 8 centimetri aumenta. Rossore, i sigilli non possono richiedere diversi giorni.

Le complicanze comuni possono avere più sintomi spiacevoli:

  • grido acuto delle briciole, e il bambino non può tacere per tre o più ore;
  • febbre;
  • comportamento irrequieto;
  • sindrome convulsiva.

Le complicazioni comuni devono passare entro poche ore. Altrimenti, è necessario consultare un medico.

Nei bambini, il tratto gastrointestinale è caratterizzato da particolare sensibilità e instabilità, quindi, indigestione e diarrea non sono infrequenti. Cosa ha causato questo? Innanzitutto, i microbi che compongono il vaccino hanno un effetto negativo sulla mucosa intestinale, che causa la diarrea. E se a questo aggiungete tutti i vari problemi legati alla digestione, non ci si può aspettare nulla di buono. In secondo luogo, la diarrea può apparire dovuta al fatto che la madre ha ben nutrito il bambino, oppure i genitori hanno fatto una vaccinazione a stomaco pieno. Pertanto, la diarrea non sempre non è associata al vaccino, e la colpa per le vaccinazioni in tutti i loro problemi e il loro giudizio retrospettivo non ne vale la pena.

Ma sistemiamolo in ordine. Come sapete, esistono due tipi di vaccino contro la poliomielite: nella forma di goccioline, che consiste in virus indeboliti e inattivati, che consiste in anticorpi morti e viene somministrato per via intramuscolare. E la diarrea si verifica più spesso dopo la vaccinazione orale, che è in contatto con la membrana mucosa del sistema digestivo.

A causa della temperatura troppo alta (più di 38 gradi) possono verificarsi convulsioni febbrili. Si manifestano durante i primi tre giorni dopo la somministrazione del vaccino. Molto meno spesso sono le convulsioni dell'afebre, il cui aspetto non dipende dalla temperatura corporea. Segnalano che presto appariranno sintomi di danno organico al sistema nervoso.

Le allergie comprendono edema, orticaria o addirittura shock anafilattico. Ma una leggera reazione allergica o lieve diarrea dopo la vaccinazione contro la poliomielite e l'epatite non sono dannosi per la salute del bambino.

Video "La vaccinazione contro la polio e le sue conseguenze"

Se non sai quali potrebbero essere le conseguenze di questa vaccinazione, non perdere il prossimo video.

Quali sono le complicazioni dopo le vaccinazioni?

La vaccinazione è un farmaco immunobiologico che viene iniettato nel corpo al fine di formare un'immunità persistente a certe malattie potenzialmente infettive. È a causa delle sue proprietà e scopo, le vaccinazioni possono causare determinate reazioni dal corpo. L'intera serie di tali reazioni è divisa in due categorie: 1. Reazioni post-vaccinazione (TAC). 2. Complicazioni post-vaccinazione (PVO).

Le reazioni al vaccino sono vari cambiamenti nello stato di un bambino che si sviluppano dopo la somministrazione di un vaccino e passano indipendentemente entro un breve periodo di tempo. I cambiamenti nel corpo, che si qualificano come reazioni post-vaccinazione, sono instabili, altamente funzionali, non costituiscono una minaccia e non portano a un'interruzione permanente della salute.

Le complicanze post-vaccinazione sono cambiamenti persistenti nel corpo umano che si sono verificati dopo la somministrazione del vaccino. In questo caso, le violazioni sono di lunga durata, significativamente al di là della norma fisiologica e comportano una varietà di disturbi della salute umana. Consideriamo più in dettaglio le possibili complicazioni delle vaccinazioni.

Le complicanze post-vaccinazione possono essere tossiche (insolitamente forti), allergiche, con sintomi di disturbi del sistema nervoso e forme rare. Una complicazione post-vaccinazione dovrebbe essere distinta da un corso complicato del periodo post-vaccinazione, quando vengono rilevate varie patologie che si verificano contemporaneamente con la vaccinazione, ma non associate ad esso.

Ogni vaccinazione può causare la propria versione della complicazione. Ma ci sono anche complicanze comuni a tutti i vaccini che possono svilupparsi nei bambini. Questi includono i seguenti stati:

  • shock anafilattico che si sviluppa durante il giorno successivo alla somministrazione del vaccino;
  • reazioni allergiche che coinvolgono tutto il corpo - angioedema, sindrome di Stephen-Johnson, sindrome di Layel, ecc.;
  • malattia da siero;
  • encefalite;
  • encefalopatia;
  • la meningite;
  • neurite;
  • polineurite - sindrome di Guillain-Barre;
  • convulsioni che si sviluppano sullo sfondo di bassa temperatura corporea - inferiore a 38,5 ° C, fissata per un anno dopo la vaccinazione;
  • la paralisi;
  • violazione della sensibilità;
  • polio associato ai vaccini;
  • miocardite;
  • porpora trombotica trombocitopenica;
  • anemia ipoplastica;
  • collagene;
  • diminuzione del numero di leucociti nel sangue;
  • un ascesso o un'ulcera nel sito di iniezione;
  • linfoadenite - infiammazione dei dotti linfatici;
  • osteite - infiammazione delle ossa;
  • cicatrice cheloide;
  • pianto del bambino per almeno 3 ore consecutive;
  • morte improvvisa
Queste complicazioni possono svilupparsi dopo varie vaccinazioni. Il loro aspetto, come risultato della vaccinazione, è possibile solo in un periodo di tempo limitato, che viene accuratamente verificato e regolato dall'Organizzazione Mondiale della Sanità. Il verificarsi delle suddette patologie al di fuori del periodo di tempo specificato significa che non hanno nulla a che fare con la vaccinazione. Le complicazioni dopo la vaccinazione possono essere causate da uno dei seguenti motivi:
  • vaccino in presenza di controindicazioni;
  • attuazione impropria della vaccinazione;
  • scarsa qualità della preparazione del vaccino;
  • proprietà individuali e reazioni del corpo umano.
Come si può vedere, i principali fattori che causano la formazione di complicanze post-vaccinazione sono varie violazioni di sicurezza, ignoranza delle regole di somministrazione del farmaco, ignoranza di controindicazioni o insufficiente rilevazione di esse, così come la qualità insoddisfacente dei vaccini. Le singole proprietà umane possono essere solo sovrapposte a questi fattori, contribuendo allo sviluppo di complicanze. Ecco perché la base per la prevenzione delle complicanze del vaccino è l'attenta identificazione delle controindicazioni, l'osservanza della tecnica dei vaccini, il controllo di qualità dei farmaci, l'osservanza delle regole di conservazione, trasporto e trasporto. La scarsa qualità del vaccino non è necessariamente inerente a loro inizialmente. L'impianto farmaceutico potrebbe produrre farmaci normali e di alta qualità. Ma sono stati trasportati, e quindi sono stati archiviati in modo errato, a seguito del quale hanno acquisito proprietà negative.Il passo DPT è fatto per creare immunità alla pertosse, alla difterite e al tetano. Inoltre, K è un componente contro la pertosse, la pressione arteriosa è contro la difterite e AC è contro il tetano. Sono disponibili anche vaccini simili: Tetrakok e Infanrix. Il vaccino viene somministrato ai bambini, vengono iniettate tre dosi e la quarta un anno dopo la terza. Quindi i bambini vengono rivaccinati solo contro la difterite e il tetano all'età di 6-7 anni e a 14 anni con il vaccino ADS-m. Il vaccino DPT provoca la formazione di varie complicanze in 1 bambino per 15.000 - 50.000 vaccinati. E il vaccino Infanrix ha un rischio significativamente più basso di complicazioni - solo in 1 bambino ogni 100.000 - 2500.000 vaccinati. Il vaccino ADS-m non porta quasi mai a complicazioni, poiché manca la componente di pertosse più reattiva. Tutte le complicanze del vaccino DTP possono essere suddivise in locale e sistemico. La tabella mostra tutte le possibili complicanze di DTP e DTP-m e il tempo del loro sviluppo dopo la vaccinazione: