E 'possibile vaccinare il DPT e contro la poliomielite contemporaneamente

Nei bambini

La maggior parte delle vaccinazioni per i bambini fanno nel primo anno di vita. Ciò è dovuto al fatto che l'immunità a questa età nei bambini è ancora indebolita. I bambini sono più suscettibili alle infezioni e ne soffrono. Alcune vaccinazioni vengono somministrate lo stesso giorno, vale a dire che le vaccinazioni contro la poliomielite e la poliomielite vengono spesso eseguite contemporaneamente.

Il DPT e la polio possono essere vaccinati contemporaneamente e a che età? È facile per i bambini sopportare e quali sono le possibili conseguenze? Abbiamo bisogno di una preparazione speciale per tale vaccinazione e quali misure rendono più facile il suo trasferimento?

Posso fare allo stesso tempo le vaccinazioni

DPT è fatto per proteggere il bambino da difterite, tetano e pertosse. Il rischio di infezione da queste malattie è molto alto e i bambini sono difficili da tollerare tali infezioni pericolose. La poliomielite provoca complicazioni sotto forma di paralisi degli arti. Pertanto, la vaccinazione contro queste malattie è stata introdotta nel programma di vaccinazione nazionale della maggior parte dei paesi del mondo. Nel calendario russo, la tempistica per l'immunizzazione contro difterite, tetano, pertosse e poliomelite è la stessa, quindi le vaccinazioni per queste infezioni vengono spesso somministrate contemporaneamente a diversi vaccini, in modo pianificato.

Il DPT e la polio possono essere vaccinati insieme? - Questa combinazione non rappresenta un pericolo per un bambino sano. Gli effetti collaterali con la somministrazione congiunta di farmaci non aumentano rispetto alla vaccinazione separata. E il rispetto delle regole e la preparazione tempestiva del bambino impediscono lo sviluppo di conseguenze indesiderabili.

Quando e quante volte fanno DPT e la polio

Per la prima volta, la vaccinazione DPT, come la poliomielite, viene posizionata secondo il calendario all'età di tre mesi. Il secondo vaccino DPT, così come contro la polio, viene somministrato in 4,5 mesi. È meglio vaccinare il bambino con lo stesso farmaco della prima volta, ma è possibile sostituirlo con un altro vaccino con lo stesso contenuto di antigene. La terza immunizzazione con vaccini DTP e poliomielite viene effettuata a sei mesi di età. Deve essere effettuato con una pausa obbligatoria di 1-1,5 mesi dopo quella precedente.

Se a questa età la vaccinazione DPT è stata rifiutata per qualche motivo, allora è stata somministrata 3 volte con un intervallo di 1,5 mesi. E la rivaccinazione viene eseguita un anno dopo l'ultima iniezione.

La rivaccinazione pianificata di DTP e poliomielite viene effettuata nelle seguenti date:

  • a 18 mesi - la prima rivaccinazione di DTP e poliomielite;
  • in 20 mesi - la seconda rivaccinazione di poliomielite;
  • a 6-7 anni, la seconda rivaccinazione contro il tetano e la difterite con il vaccino ADS-M (senza la componente della pertosse);
  • all'età di 14 anni, la terza rivaccinazione contro difterite, tetano e poliomielite.

Il farmaco DPT viene utilizzato solo fino all'età di quattro anni, dopo di che iniziano a utilizzare il vaccino importato. Inoltre, ai bambini dai 4 ai 6 anni viene somministrato il vaccino antiretrovirale e, dopo 6 anni, il vaccino ADS-M.

Contemporaneamente al vaccino DTP o al suo analogo importato "Infanrix", viene somministrato un vaccino antipolio inattivato o un OPV orale vivo contro la poliomielite.

Come i bambini tollerano la vaccinazione DPT e la poliomielite

Le vaccinazioni DTP e poliomielite possono causare effetti collaterali più comuni durante i primi tre giorni. I sintomi indesiderati possono causare l'antigene di questi vaccini singolarmente o, possibilmente, i loro effetti combinati. Ma il più reattivo è il componente della pertosse del vaccino DPT - è quello che provoca la più grande reazione nel corpo.

La vaccinazione contro la poliomielite nei bambini a 3 mesi viene effettuata con la preparazione orale dal vivo. È lasciato cadere sulla radice della lingua, dove ci sono molte papille gustative. Sentendosi amareggiato, il bambino può ruttare. Se si verifica un effetto emetico dopo la vaccinazione, il vaccino viene reiniettato. Bambini dopo 12 mesi di droga per la flebo sulle tonsille, dove non ci sono le papille gustative. Pertanto, il riflesso del vomito non si verifica.

Dopo la vaccinazione, la poliomielite e il DTP possono sviluppare una reazione locale e generale.

Al sito di iniezione DTP possibile:

Il gonfiore e la compattazione di più di 5 cm di diametro possono durare 2-3 giorni. A causa del dolore il bambino protegge la gamba. Questa è una reazione normale, passerà tra qualche giorno. Una reazione pronunciata dopo DTP è un rossore con un diametro superiore a 8 cm e può durare 1-2 giorni.

Le reazioni generali alla vaccinazione con DTP e poliomielite a 6 mesi sono le stesse di tre e quattro mesi di età:

  • aumento di temperatura di 38,0-39,0 ° C;
  • ansia;
  • irritabilità;
  • pianto;
  • letargia e sonnolenza;
  • perdita di appetito;
  • in rari casi, vomito e diarrea.

L'effetto collaterale più frequente dopo l'iniezione di DPT è elevata temperatura. Ciò è dovuto alla produzione di anticorpi nel sangue di agenti patogeni. Quanto dura la temperatura dopo la vaccinazione con DTP e poliomielite? - può essere fino a 5 giorni. Più spesso passa in modo indipendente. Se la temperatura non diminuisce dopo 5 giorni, significa un raffreddore o lo sviluppo di un'infezione non correlata alla vaccinazione.

In rari casi, dopo la vaccinazione con DTP e poliomelite, c'è una forte reazione. Si esprime aumentando la temperatura a 40,0 ° C e oltre. Questa reazione è causata dall'elemento di pertosse del vaccino DPT. In questi casi, al bambino può essere somministrato un anestetico "Panadol", "Paracetamolo" e fare riferimento a un pediatra.

Se la prima immunizzazione con il vaccino DTP ha causato una forte reazione del corpo, allora la prossima volta dovrebbe essere sostituito con il farmaco "Infanrix".

Possibili complicazioni

Oltre alla normale reazione, a volte dopo la vaccinazione, si sviluppano complicazioni, ma sono registrate solo in 1 caso ogni 100 mila. I genitori dovrebbero distinguere tra la solita reazione al vaccino, che a sua volta scompare, e le complicanze associate alla malattia dopo la vaccinazione.

In seguito alla vaccinazione con DTP e poliomielite possono avere i seguenti effetti.

  1. Sindrome spasmodica, che può provocare febbre alta. Meno spesso ci sono convulsioni senza febbre, che possono indicare precedenti lesioni del sistema nervoso del bambino.
  2. Allergia di gravità variabile. Più spesso, eruzioni cutanee pruriginose sul corpo. In rari casi si sviluppa una grave reazione allergica sotto forma di edema di Quincke. Ancora meno spesso, per mezz'ora dopo la vaccinazione, può verificarsi una complicazione pericolosa: shock anafilattico.
  3. Encefalopatia: si manifesta con disturbi neurologici causati dalla componente della pertosse del vaccino.

In rari casi, i bambini dopo la vaccinazione con il vaccino vivo OPV sviluppano una complicanza - poliomelite associata al vaccino.

Come prevenire la reazione

La tolleranza della vaccinazione è fortemente influenzata dalla preparazione del bambino, dal rispetto delle regole di vaccinazione e dalle condizioni di conservazione del farmaco.

I genitori dovrebbero seguire le linee guida generali prima e dopo la vaccinazione simultanea di DPT e poliomielite.

  1. Se il bambino è incline alle allergie, il medico consiglierà di assumere antistaminici. In questo caso, dopo la vaccinazione con DTP e contro la polio, non è raccomandato l'uso di Suprastin e Tavegil. A causa del fatto che asciugano le membrane mucose del rinofaringe, c'è il rischio di complicanze delle infezioni respiratorie acute e a temperature elevate. Pertanto, è preferibile dare "Klaritin" allo sciroppo.
  2. Prima della vaccinazione, è necessario consultare un medico, misurare la temperatura. Il bambino il giorno della vaccinazione deve essere sano.
  3. Non vaccinare DTP e poliomielite dal bambino sudato. Devi aspettare di fronte all'ufficio e dare da bere al bambino.
  4. I bambini tollerano più facilmente il vaccino senza sforzi inutili sull'intestino. Pertanto, il giorno prima è necessario ridurre la quantità e la concentrazione di cibo. Non nutrire per un'ora prima e immediatamente dopo la vaccinazione DPT.
  5. Non è auspicabile vaccinare se non ci sono feci nelle ultime 24 ore. È necessario liberare l'intestino con un clistere.
  6. Il giorno dell'iniezione, così come dopo, si consiglia di limitare la comunicazione con le persone al fine di evitare l'infezione.
  7. Gravi effetti collaterali e gravi complicanze nell'80% dei casi si verificano durante la prima ora dopo la vaccinazione. Pertanto, questa volta è necessario rimanere in clinica per monitorare il bambino.

Il rispetto di tali raccomandazioni riduce significativamente il rischio di effetti collaterali e complicanze.

Domande frequenti

  1. Cosa devo fare se mio figlio ha la febbre dopo la vaccinazione con DTP e poliomielite? Se il termometro è inferiore a 38,0 ° C, somministrare un leggero agente antipiretico - "Paracetamolo", "Efferalgan", "Panadol", "Tylenol". Se supera 38.0 ° C, allora Nurofen, Ibuprofen in sciroppo farà. Con l'inefficacia di questi fondi può essere dato "Nimesulide". Inoltre, è necessario fornire soluzioni per reintegrare i liquidi corporei. Per fare questo, sciogliere la polvere "Regidron", "Glukosolan", Humana Elektrolyt o "Gastrolit" in acqua. E anche bere liquidi - succo di frutta, tè al limone o composta.
  2. Quando posso camminare dopo la vaccinazione con DPT e poliomielite? Quando torni a casa dopo la vaccinazione, misura la temperatura e ispeziona il bambino per l'eruzione cutanea e le condizioni generali. Il giorno della procedura è meglio stare a casa per monitorare il bambino. Il giorno dopo, fai una passeggiata, ma non al parco giochi, ma al parco. Una porzione di ossigeno aiuterà a dormire e recuperare. Devi camminare ogni giorno il più possibile.
  3. È possibile bagnare il luogo in cui hai ottenuto il vaccino DPT e la poliomielite? Non bagnare il primo giorno per evitare l'infezione. Il giorno dopo, puoi bagnarlo, ma non strofinarlo.
  4. Posso bagnare il mio bambino dopo la vaccinazione con DTP e poliomielite? Il primo giorno, astenersi dal lavarlo: la ferita deve essere stretta. Il giorno dopo è possibile fare il bagno senza l'uso di un panno, se la temperatura corporea non è superiore a 37,5 ° C. Ad alte temperature, puoi pulire la pelle con un panno umido.
  5. Cosa fare se la gamba di un bambino fa male dopo la vaccinazione con DTP e contro la polio? Secondo la raccomandazione dell'OMS, il bambino viene vaccinato all'anca nel primo anno. L'introduzione del vaccino nel gluteo è considerata una violazione delle regole. Dopo un anno e mezzo, il DTP viene eseguito a spalla. Con l'introduzione del vaccino nella coscia il rischio di complicanze è ridotto, ma in alcuni casi, la gamba del bambino fa male male. Quindi il piede non può essere sfregato, riscaldato o applicato al suo freddo. Il gonfiore doloroso nel sito di iniezione può risolversi per 2 settimane. E questo è normale, perché c'è un processo infiammatorio che diminuisce dopo l'assorbimento del farmaco. Può essere accelerato imponendo il gel "Troxevasin". Di solito si sviluppa un sigillo forte se il vaccino non viene iniettato nel muscolo, ma sotto la pelle, da dove l'assorbimento è rallentato. Ma quando l'iniezione viene effettuata in violazione dell'asepsi, può formarsi una suppurazione, che è accompagnata da un aumento della temperatura. In questo caso, il bambino dovrebbe essere consultato con il chirurgo.

Analoghi DTP importati

Sebbene i vaccini russi siano di alta qualità, le importazioni sono più ipoallergeniche e più sicure. Per ridurre al minimo gli effetti collaterali dell'uso di DTP e poliomielite, è possibile utilizzare i vaccini importati.

  1. Il vaccino francese Pentaxim combina la protezione contro la difterite, la pertosse, il tetano (vale a dire, come il DTP) e anche contro la poliomielite. Oltre al vaccino, un componente antiemofilico viene confezionato separatamente, che viene miscelato con il resto del componente prima dell'uso. Pentaxim consente di ridurre il numero di vaccinazioni. Dopo tutto, con una vaccinazione separata mettete DTP o Infanrix più IPV o OPV contro la polio. Il vaccino "Pentaxim" contiene tutti questi componenti in sé, il che è conveniente poiché non deve ferire il bambino più volte. Inoltre, dopo che non si verifica la polio associata al vaccino, in quanto il farmaco contiene un virus morto.
  2. Più recentemente, è stato utilizzato il vaccino Tetrakok di fabbricazione francese, che ha fornito protezione contro difterite, pertosse, tetano e poliomielite. Ma è già fuori produzione.
  3. Produzione belga "Infanrix". È un analogo di qualità di DPT. L'assenza di mertiolato e l'uso di microbi uccisi pertosse riduce significativamente il rischio di reazioni avverse. Sebbene Infanrix sia un farmaco non combinato, può essere più facilmente tollerato in combinazione con altri vaccini. Un corso completo prevede 3 vaccinazioni e una rivaccinazione. Al fine di proteggere contro la poliomielite, il vaccino IPV viene somministrato contemporaneamente ad Infanrix.
  4. Il vaccino Tetraxim francese è un farmaco combinato. Sostituisce il DTP e il vaccino antipolio. Tetraxim non contiene il mertiolato, quindi è più facile da tollerare. Per il corso completo di immunizzazione, vengono somministrate 3 vaccinazioni.

Tutti i vaccini sono intercambiabili, ma Infanrix è più facilmente tollerabile.

Controindicazioni

La vaccinazione viene ritardata fino al recupero in caso di infezioni respiratorie acute o temperatura elevata. I benefici assoluti per qualsiasi vaccinazione, tra cui DTP e poliomielite, sono i seguenti:

  • intolleranza ai vaccini o ai loro componenti;
  • reazione allergica alla prima iniezione;
  • allergico agli antibiotici se IPV è usato contro la polio

Rinviare temporaneamente la vaccinazione ai bambini con esacerbazione della diatesi.

La vaccinazione congiunta di DPT e contro la polio fin dalla tenera età protegge il bambino da quattro pericolose infezioni contemporaneamente. L'immunizzazione contro queste malattie è inclusa nel programma nazionale di immunizzazione e non è un caso che vengano eseguite contemporaneamente, come con la corretta preparazione del bambino, i possibili effetti collaterali sono ridotti al minimo. Per facilitare ulteriormente la portabilità della procedura, DTP e OPV possono essere sostituiti con una combinazione di vaccini importati.

DTP e poliomielite: posso essere vaccinato allo stesso tempo?

Alcune delle più importanti vaccinazioni infantili - DTP e poliomielite - causano ai genitori le maggiori paure, perché sono irte di eventi avversi. Pertanto, la questione se il DPT e la poliomielite possano essere fatti allo stesso tempo solleva molte polemiche.

Nonostante molte opinioni contrastanti sui vaccini, sono ancora considerate il mezzo più affidabile contro molte gravi malattie. Questo è particolarmente vero nel nostro tempo, a causa della mutazione dei virus che può dare un quadro clinico poco chiaro e rendere difficile la diagnosi.

Vaccinazione DTP

Abbreviazione: vaccino adsorbito pertosse-difterite-tetano. La vaccinazione viene eseguita tre volte:

  • a 3 mesi,
  • in sei mesi
  • in un anno e mezzo.

A 7 e 14 anni, vaccinano solo contro difterite e tetano.

In caso di ritiro dalle vaccinazioni per motivi medici, il divario tra le prime due vaccinazioni è di 1,5 mesi e la rivaccinazione viene effettuata un anno dopo la prima vaccinazione.

Il vaccino DPT viene somministrato per via intramuscolare: fino a un anno e mezzo nella coscia, dopo - nella spalla.

complicazioni

Effetti ritardati pericolosi del DTP: ritardi nello sviluppo, esaurimenti nervosi. Con la manifestazione di tali reazioni patologiche come il fallimento delle braccia, delle gambe, del dolore agli arti, devi chiamare immediatamente un medico!

Controindicazioni

La vaccinazione viene effettuata esclusivamente sullo sfondo della salute completa. Introduzione ai bambini con disturbi neurologici, malattie del cuore, reni e altri organi interni, con malattie infettive.

Vaccino contro la poliomielite

Ci sono due tipi:

  • inattivato (per somministrazione sottocutanea),
  • orale (sepolto nella bocca del bambino).

La vaccinazione è somministrata ai bambini di 3; 4 e mezzo e 6 mesi. La prima rivaccinazione è a 18 mesi, la seconda a 20, la terza a 14 anni.

complicazioni

Nel caso della somministrazione sottocutanea - una reazione locale sotto forma di rossore e gonfiore. Dura non più di 48 ore

  1. Linfonodi ingrossati.
  2. Prurito, orticaria.
  3. Shock anafilattico.
  4. Quincke gonfiore.
  5. Dolore nei muscoli.
  6. Ansia, a volte dura un paio di settimane dopo la vaccinazione.
  7. La temperatura aumenta. Normalmente, non deve superare 38,5 e non dura più di un giorno. Per alleviare la condizione del bambino, puoi dargli Nurofen o Panadol, se il termometro mostra sopra 38. Prima di quello, nella condizione di salute normale, non puoi bussare.

Controindicazioni

  • malattia infettiva acuta o recente;
  • qualsiasi processo infiammatorio nel corpo;
  • disordini immunitari;
  • dentizione;
  • logoramento.

È possibile fare sia DPT che polio?

Secondo il programma di vaccinazione, i medici suggeriscono di fare DTP e poliomielite contemporaneamente. Familiare da tutte le mamme moderne, il pediatra E. Komarovsky sottolinea sempre l'importanza della vaccinazione. Considera obbligatorie le vaccinazioni indicate: sono in grado di salvare il bambino dalla morte o dalla disabilità. Il DTP stimola la produzione di anticorpi contro pertosse, difterite e tetano nei corpi dei bambini. L'immunità sarà già familiare con loro e quando entreranno nel corpo li riconoscerà rapidamente e distruggerà.

Se i vaccini domestici causano preoccupazione per qualche motivo, puoi fare riferimento alle loro controparti straniere.

Importa analoghi

I genitori che hanno deciso di abbandonare i vaccini domestici sono interessati a: "Qual è il nome del vaccino DPT importato?". Pentaxime e prevenar sono più comunemente confusi (per infezioni da pneumococco). I seguenti sono analoghi dei vaccini domestici.

Foto: vaccino Pentaxim

Un prerequisito è che i vaccini siano scelti dal medico individualmente quando i genitori decidono di dare la preferenza agli analoghi stranieri, o che il bambino abbia avuto un'amministrazione medica per un anno, e ora è stato redatto un programma individuale di vaccinazioni per lui.

In quest'ultimo caso, sarà saggio utilizzare tali vaccini per "recuperare" con il programma di vaccinazione di bambini sani in 2 anni.

  • Infanrix - per la prevenzione della pertosse, della difterite, del tetano. Differisce dal DTP in quanto non contiene cellule intere dell'agente eziologico della pertosse.
  • Infanrix Hexa è un vaccino multicomponente contro la pertosse, la difterite, il tetano, la polio, l'infezione da emofilo e l'epatite B.
  • Pentaxim è un vaccino contro la pertosse, il tetano, la difterite, la poliomielite e l'infezione emofilica.

Come prevenire le complicazioni

Queste regole di preparazione si applicano non solo ai vaccini in questione, ma in generale, a qualsiasi vaccinazione.

  1. Se un bambino si è ammalato di recente, devono trascorrere almeno due settimane prima della vaccinazione.
  2. Per assicurarsi che tutto sia buono, il bambino deve donare sangue e urina nella clinica del luogo di residenza o in un laboratorio privato, a discrezione dei genitori. Se c'è qualche sospetto di un processo infiammatorio nel corpo, la vaccinazione dovrebbe essere rimandata ed esaminata.
  3. Immediatamente prima della vaccinazione, il pediatra dovrebbe esaminare il bambino. Il medico controlla la gola, ascolta il cuore, i polmoni, esamina la pelle e chiede ai genitori il benessere del bambino.

Quando qualsiasi cambiamento nella salute e nel comportamento del bambino è meglio essere al sicuro e chiamare un medico.

Come sono fatti DTP e polio allo stesso tempo

Secondo il programma nazionale di immunizzazione, la vaccinazione contro DPT e la poliomielite viene somministrata contemporaneamente dal terzo mese di vita di un bambino.

Prima della vaccinazione, i bambini sono sottoposti a un esame completo. È necessario ottenere l'approvazione da un immunologo, pediatra e neurologo. Al fine di evitare l'infezione del bambino attraverso il vaccino, vengono vaccinati solo i bambini sani.

Caratteristiche generali del vaccino DPT

Il DPT è una delle prime vaccinazioni ricevute da un bambino. Il vaccino contiene componenti che aiutano il corpo del bambino a sviluppare l'immunità contro la pertosse, la difterite e il tetano. Queste sono malattie molto gravi, le cui conseguenze possono essere fatali. Inoltre, la forma grave di queste malattie può causare danni irreparabili alla salute e causare disabilità al bambino.

La difterite è un'infezione che causa lesioni del tratto respiratorio superiore. Questa infezione provoca un avvelenamento generale del corpo, che porta alla distruzione del sistema nervoso centrale, del sistema circolatorio e del cuore. L'infezione è diffusa da goccioline trasportate dall'aria. Se il bambino ha la febbre, le tonsille hanno film bianchi serrati, e la gola non fa male, allora questi sono i primi segni di difterite. In caso di una lesione tossica, il viso e la laringe si gonfiano, i reni vengono distrutti.

Il tetano è un'infezione che distrugge il sistema nervoso, che porta alla comparsa di crisi gravi. Possono essere così forti che sotto la loro influenza spezza le ossa, le lacrime del tessuto muscolare, nei casi critici - il cuore smette di respirare. L'infezione si diffonde entrando nella pelle danneggiata meccanicamente, quindi è più pronunciata nei siti di calamità naturali, a causa delle quali le vittime ricevono molte ferite.

Poiché l'agente causale del tetano si trova nel terreno, nella sabbia e nella sporcizia, i bambini piccoli sono particolarmente sensibili ai suoi effetti, poiché corrono e cadono molto, e quindi ricevono molti lividi e tagli.

Con la pertosse, si verifica una tosse grave e di lunga durata, simile a quella della bronchite. A differenza della bronchite, la temperatura corporea del bambino praticamente non aumenta e la tosse non si ferma, nonostante il trattamento. Spesso, specialmente di notte, il bambino ha attacchi di tosse che terminano nel respiro sibilante mentre inspirano. Sono particolarmente pericolosi per i bambini di età inferiore ai due anni, in quanto possono scatenare un'insufficienza respiratoria. Possibili complicanze dopo la malattia sotto forma di polmonite. La malattia stessa dura a lungo, fino a un mese e mezzo. Allo stesso tempo, manifestazioni episodiche di attacchi sono possibili dopo questo periodo.

Nei bambini che hanno avuto la pertosse e il ricovero, la malattia passa in una forma più lieve. Dopo l'introduzione del vaccino, l'immunità del bambino ha circa cinque anni.

Ora c'è un'enorme selezione di vaccini di produzione nazionale ed estera. Il vaccino domestico ha ricevuto il nome DPT, import-Infanrix. Uso diffuso di farmaci in cui diversi vaccini vengono combinati contemporaneamente, il che consente loro di essere somministrati contemporaneamente, con una sola iniezione, invece di diversi. Negli ultimi anni, l'epatite è diventata diffusa. La vaccinazione contro l'epatite è ora parte di molti vaccini combinati.

I più comuni sono:

  1. Pentaxim®. Questo vaccino contiene DPT, poliomielite e infezioni emofiliche.
  2. Bubo-M. Contiene componenti che aiutano a sviluppare l'immunità alla difterite, al tetano e all'epatite B.
  3. Tetrakon. Questo farmaco contiene il vaccino antipolio e il DTP,
  4. Tritantrix - HB. I componenti del vaccino producono immunità all'epatite B, pertosse, difterite, tetano.

Controindicazioni alla vaccinazione

A causa del fatto che il vaccino DTP include ingredienti attivi, è considerato il più difficile per il corpo dei bambini. Alcuni paesi hanno sostituito il DTP con una versione più leggera, senza la componente pertussis. Negli ultimi cinque anni, il numero di pazienti con pertosse è aumentato in tali paesi, e quindi molti di questi paesi stanno riconsiderando la loro decisione. La forma leggera del vaccino ADS viene somministrata se il bambino ha controindicazioni all'uso di DPT. Poiché il componente della pertosse dà il carico principale sul sistema nervoso, le controindicazioni in questo caso sono:

  • la nascita del bambino è prematura, poiché questi bambini non hanno avuto abbastanza tempo per formare il sistema nervoso centrale;
  • lesioni del sistema nervoso centrale;
  • malattie acute;
  • immunodeficienza grave;
  • grave allergia ai componenti del farmaco.

Tali effetti collaterali dopo DTP si manifestano più spesso:

  • aumento della temperatura;
  • compattazione e arrossamento della pelle nel sito di vaccinazione;
  • prurito, che accompagna varie eruzioni cutanee;
  • stanchezza;
  • allergia.

Molto raramente, il bambino può sperimentare shock anafilattico, arresto respiratorio e convulsioni. Lo shock anafilattico si manifesta nella prima mezz'ora dopo la vaccinazione, e quindi i medici consigliano di non lasciare la clinica durante questo periodo.

Le cause più comuni di effetti collaterali sono le seguenti: vaccinazione con un vaccino di scarsa qualità, genitori che non seguono le raccomandazioni del medico e somministrazione inappropriata del farmaco.

Prima della vaccinazione, è necessario consultare il medico e preparare il bambino per evitare complicazioni. Tre giorni prima dell'introduzione del vaccino e per tre giorni dopo, ai bambini vengono somministrati farmaci anti-allergia e antipiretici durante la notte.

Il giorno della vaccinazione, i farmaci antipiretici vengono somministrati tre volte al giorno. Tre giorni dopo la vaccinazione DTP, la temperatura corporea del bambino dovrebbe tornare alla normalità.

Vaccinazione antipolio

La polio è un'infezione virale che distrugge le cellule del midollo spinale, che può portare a paralisi. Il virus viene trasmesso attraverso i frutti non lavati, le mani, cioè quando l'igiene personale non viene seguita. Penetrando nel tratto gastrointestinale, il virus si moltiplica, viene trasferito al sistema circolatorio e attraverso di esso entra tutti gli organi umani. Solo 1 / 5-1 / 3 di quelli infetti può essere completamente recuperato dopo questa malattia, 1/10 - muore, e il resto rimane per tutta la vita zoppi. Gli effetti della malattia influenzano le condizioni del cervello, delle ossa, della colonna vertebrale e dei muscoli.

I vaccini antipolio sono di due tipi: inattivati ​​(IPV) e orali (OPV).

Oral è una goccia, sepolta nella bocca del bambino. È attivo perché contiene virus vivi e attenuati, che aiutano il corpo a sviluppare l'immunità contro di loro. Utilizzato principalmente nei paesi in via di sviluppo in cui la polio non è stata ancora debellata.

Il vaccino inattivato è inattivo, è costituito da virus morti e iniettato in un muscolo o sotto la pelle.

Le vaccinazioni vengono introdotte sui bambini a partire dal terzo mese di vita, quindi a 4,5 mesi e sei mesi. La prima rivaccinazione è fatta in un anno e mezzo, la seconda - quando il bambino ha 14 anni.

Dopo la vaccinazione di OPV al bambino per un'ora non puoi né mangiare né bere. Se il vomito si verifica immediatamente dopo l'assunzione del vaccino, la vaccinazione viene ripetuta. Se, tuttavia, quando il bambino viene ri-somministrato, il bambino vomita, quindi la terza volta la vaccinazione viene eseguita in un mese e mezzo. Ri-vaccinare anche se il bambino mangia qualcosa o ha bevuto prima di un'ora dopo la vaccinazione.

Per i bambini di età inferiore a un anno, il vaccino attivo viene rilasciato sulla radice della lingua, poiché è in questa parte che si trovano i follicoli linfoidi. I bambini più grandi OPV gocciolano nel cielo, perché è in questo luogo che inizia la reazione, che dà origine allo sviluppo di anticorpi contro il virus. Inoltre, ci sono poche papille gustative nelle aree in cui il farmaco viene gocciolato. Pertanto, ci sono meno possibilità che dopo aver assaporato il sapore sgradevole della medicina, il bambino lo sputa o lo ingoia prima del tempo. Il farmaco è sepolto nella quantità di 2-4 gocce.

Un bambino vaccinato con un vaccino attivo non può essere contattato con bambini non vaccinati per due settimane al fine di evitare la loro infezione. Le vaccinazioni con vaccino inattivato sono effettuate in due, e se un bambino ha un'immunità molto debole, quindi in tre fasi, con un intervallo di uno e mezzo a due mesi tra di loro. La prima rivaccinazione viene effettuata un anno dopo l'assunzione dell'ultimo vaccino, una seconda dopo cinque anni.

La poliomielite può essere causata da tre tipi di virus. Nei pazienti con questa malattia, l'immunità è prodotta solo per uno di loro: quello che ha causato la malattia. Pertanto, anche se una persona ha già sofferto di poliomelite, la vaccinazione deve essere eseguita.

Controindicazioni per la somministrazione di vaccini

La vaccinazione contro la polio non viene eseguita per i seguenti motivi:

  1. L'OPV non viene somministrato se il bambino ha un'immunità debole o se il bambino ha un contatto costante con una persona con immunodeficienza. In questo caso, al fine di evitare di infettare il bambino o la persona con cui il bambino ha un contatto costante, viene somministrato un vaccino inattivo. Inoltre, l'OPV non viene somministrato ai bambini con complicanze neurologiche, gravi reazioni allergiche derivanti dall'introduzione del precedente vaccino OPV.
  2. L'IPV non viene somministrato in caso di reazioni allergiche gravi agli antibiotici neomicina, streptomicina, polimixina B o in caso di allergia a un precedente vaccino.
  1. L'OPV può causare diarrea a breve termine e una reazione allergica.
  2. Quando si inserisce IPV, è possibile la febbre, lieve indisposizione, reazione allergica al sito di iniezione, perdita di appetito e debolezza generale.

Fare o non vaccinare un bambino è una questione personale di ciascun genitore, ma quando si prende una decisione, è necessario tener conto del fatto che l'insorgenza di reazioni avverse dal vaccino si verifica meno frequentemente ed è più facilmente tollerabile dal bambino rispetto alle complicazioni dopo una grave malattia.

E 'possibile vaccinare il DPT e contro la poliomielite contemporaneamente

I bambini hanno un'immunità debole e quindi costantemente a rischio di subire l'aggressività degli agenti infettivi. L'unico modo per formare nel corpo dei giovani pazienti una protezione affidabile contro gli agenti causali dei disturbi è la vaccinazione pianificata, che aiuta a prevenire le malattie più pericolose e persino mortali.

Infatti, la maggior parte delle vaccinazioni viene fatta nei primi mesi di vita di un bambino, introducendone alcune contemporaneamente. Tali vaccini includono DTP scandaloso e poliomielite. Una tale misura è abbastanza sicura? In che modo il bambino tollera l'immunizzazione complessa e quali potrebbero essere le conseguenze di tale procedura?

Vaccinazione simultanea di DTP e poliomielite - c'è un pericolo?

La difterite, il tetano e la pertosse sono estremamente pericolosi per le malattie infettive di salute del bambino che sono difficili da sopportare, possono portare alle conseguenze più spiacevoli e sono caratterizzati da un alto grado di mortalità. Questo è il motivo per cui il calendario vaccinale nazionale prevede il DTP come un modo efficace per prevenire queste malattie. Insieme a lei, si raccomanda di somministrare ai bambini un vaccino antipolico, che permetta di proteggere la malattia, che si manifesta con la febbre, la paralisi degli arti e il loro accorciamento in futuro.

Queste due vaccinazioni possono essere somministrate tutte insieme? Molti genitori premurosi sono interessati a una simile domanda, perché anche la più semplice monovaccina può provocare le complicazioni più difficili in un bambino. I medici hanno rassicurato su questo. Secondo gli studi, gli effetti collaterali della somministrazione concomitante di vaccini non aumentano rispetto ai casi in cui al paziente è stata somministrata un'immunizzazione separata. Il rispetto di tutte le regole di vaccinazione, un esame approfondito del bambino il giorno della vaccinazione e una preparazione adeguata per la procedura aiutano a ridurre la probabilità di reazioni indesiderate.

Date di vaccinazione

Il primo vaccino DPT viene somministrato a bambini di appena tre mesi. Secondo il piano, è combinato con l'introduzione di un vaccino antipolio inattivato. In totale, durante la prima metà dell'anno, il bambino riceve questa vaccinazione tre volte (3, 4,5, 6 mesi). L'intervallo tra le iniezioni deve essere di almeno 1-1,5 mesi.

Una parte importante della formazione della risposta immunitaria è la rivaccinazione tempestiva. Secondo il piano, inizia 12 mesi dopo la terza vaccinazione di DPT con poliomielite e, in conformità con esso, ha il seguente aspetto:

  • 18 mesi - la prima rivaccinazione (sospensione pertosse-difterite-tetano adsorbita);
  • 20 mesi - l'introduzione di una sospensione di poliomielite;
  • 6 anni - la seconda rivaccinazione per tetano e difterite con una soluzione di ADS-M (la componente della pertosse è esclusa);
  • 14 anni - 2a rivaccinazione, che consente di creare protezione contro l'infezione da polio.

Come vengono trasportati i vaccini dal corpo del bambino

I pediatri avvertono che dopo la vaccinazione con DTP e poliomielite, la comparsa di reazioni avverse del corpo che si verificano durante i primi due giorni dopo l'iniezione (temperatura, dolore nel sito di esposizione, malessere) è abbastanza spesso osservata. I più reattivi a questo riguardo sono gli antigeni della pertosse, pertanto, essi sono spesso raccomandati per essere esclusi dalla composizione delle sospensioni immunitarie.

Dopo la vaccinazione con il vaccino DTP insieme a una sospensione orale anti-polio, un bambino può manifestare una serie di reazioni patologiche locali, in particolare:

  • arrossamento;
  • un aumento della temperatura locale della pelle;
  • gonfiore dei tessuti molli;
  • la formazione di compattazione dolorosa, che normalmente passa dopo 3-4 giorni.

Dopo l'immunizzazione generale, le seguenti reazioni si distinguono dal corpo:

  • temperatura corporea aumentata fino a 38-39 0 С (meno spesso, l'aumento di temperatura fino a 40 0 ​​С e più spesso è riparato);
  • perdita di appetito e rifiuto di mangiare;
  • lo stato di sonnolenza del bambino, letargia, mancanza di interesse per ciò che sta accadendo intorno a lui;
  • vomito occasionale e feci anormali;
  • ansia e irritabilità eccessiva.

La febbre è il sintomo patologico più comune dopo la vaccinazione nei bambini piccoli. È una reazione del corpo all'introduzione di un gran numero di antigeni in esso ed è associato con l'inizio della produzione di anticorpi specifici nel sangue alle infezioni. Di norma, la temperatura elevata non rimane più di cinque giorni e dopo che è trascorso un determinato periodo di tempo, si normalizzerà. Se la temperatura non ritorna alla normalità, ma, al contrario, continua a salire, il bambino deve immediatamente essere mostrato al medico e scoprire le ragioni per lo sviluppo di tali disturbi.

Complicazioni dopo la vaccinazione

Oltre agli effetti collaterali che vanno via da soli, dopo la vaccinazione, possono essere diagnosticate complicazioni che richiedono un intervento immediato da parte di specialisti qualificati. Tali reazioni - un'incredibile rarità, ma sono ancora presenti nella pratica pediatrica.

Quindi, dopo la vaccinazione con DTP, realizzata in collaborazione con OPV, ci possono essere una serie di conseguenze indesiderabili, tra cui:

  • sindrome da crisi epilettiche, che spesso si verificano sullo sfondo di temperatura aumentata, ma possono essere una manifestazione di danno al sistema nervoso centrale;
  • reazioni allergiche a DTP e poliomielite, manifestate da prurito cutaneo ed eruzioni cutanee, nonché varianti sistemiche di ipersensibilità, in particolare angioedema e anafilassi;
  • l'encefalopatia è una grave disfunzione della sezione della testa del sistema nervoso centrale e molteplici cambiamenti nel normale sviluppo di un bambino.

È possibile prevenire le esacerbazioni in un bambino?

I cambiamenti nella salute generale dopo la vaccinazione possono essere prevenuti se vengono seguite tutte le raccomandazioni mediche e si rispettano le regole prescritte per la cura di un bambino vaccinato. Pertanto, prima della vaccinazione, è imperativo sottoporsi a un esame dettagliato, misurare la temperatura corporea, escludere la presenza di fenomeni catarrale in un bambino e simili.

Se il paziente è incline a sviluppare allergie, molto probabilmente il pediatra consiglierà di somministrare un antistaminico dopo l'iniezione. Il più efficace in questo caso è la Claritina allo sciroppo, poiché non secca le mucose e non provoca l'aggiunta di flora patogena ad alte temperature. È altamente indesiderabile somministrare a un bambino allergico farmaci come Suprastin e Tavegil.

A volte nei primi giorni dopo l'immunizzazione, la temperatura può salire a 40 0 ​​С e più in alto. Questa condizione patologica richiede una correzione medica. Se la temperatura aumenta e il bambino inizia a sentirsi male, allora gli deve essere dato un febrifuge, cioè Paracetamolo o Nurofen.

Per non affrontare complicazioni, i medici ti consigliano di seguire le seguenti linee guida:

  • non vaccinare un bambino che suda;
  • prima della procedura, al paziente deve essere offerto di bere acqua;
  • Non deve essere somministrata un'iniezione se il bambino non ha avuto una sedia il giorno prima;
  • un'ora prima della vaccinazione è necessario abbandonare l'alimentazione;
  • Per evitare l'infezione da infezioni virali il giorno della vaccinazione, si consiglia di non visitare luoghi pubblici con il bambino.

Se tutto è fatto correttamente, allora c'è una reale opportunità per prevenire le reazioni post-vaccinazione ed evitare lo sviluppo di stati patologici complessi.

Quali domande i genitori spesso chiedono

Cosa succede se la temperatura in un bambino dopo i vaccini DPT e OPV inizia a salire?

Se la temperatura non supera i 38 ° C, al bambino deve essere somministrato Paracetamolo in candele o sciroppo di Panadol. Alle alte temperature, si raccomanda al paziente di assumere Nurofen o Ibuprofen. Se questi fondi non mostrano una sufficiente efficacia, è consigliabile utilizzare in relazione alla temperatura Nimesulide.

È possibile bagnare il sito di iniezione?

Il sito di iniezione non deve essere immerso solo il primo giorno dopo la manipolazione. Questo è necessario per prevenire la penetrazione dell'infezione nella ferita. A partire dal secondo giorno dopo l'immunizzazione, il bambino può lavarsi le mani, fare il bagno e altre procedure idriche.

Quando dopo la vaccinazione puoi uscire?

Le vaccinazioni non sono un'indicazione per il rifiuto di camminare all'aperto. Dovresti evitare di visitare la strada solo se le briciole hanno la febbre, sembra pigra o mostra irritabilità.

Quali dovrebbero essere le azioni se dopo la vaccinazione si osserva una reazione dolorosa nell'area della gamba con gonfiore?

Tali cambiamenti sono una normale reazione al vaccino DPT. Scompaiono senza lasciare traccia dopo 1-2 settimane dopo la loro comparsa e non hanno bisogno di essere prescritti farmaci. In rari casi, una flora batterica si unisce al sito di edema e si sviluppa un ascesso purulento. Se si verificano questi sintomi, così come l'aumento della temperatura associato, il bambino deve essere mostrato ai chirurghi.

Importa analoghi

Nonostante tutte le qualità positive delle droghe domestiche, le loro controparti straniere sono più sicure e ipoallergeniche. Tra i vaccini importati, i più popolari sono:

  • Droga francese "Pentaxim", che consente di ridurre significativamente il numero di vaccinazioni, in quanto contiene vaccini contro le principali infezioni (morbillo, tetano, poliomielite, bacillo di hemophilus, difterite);
  • La droga "Infanrix" di origine belga è un analogo di alta qualità del DTP, che non contiene il mertiolato, che è facilmente tollerabile dall'organismo;
  • Il farmaco combinato della Francia, Tetraxim, è un'ottima alternativa al vaccino adsorbito e all'OPV.

Ci sono controindicazioni

Se al pediatra viene diagnosticata una temperatura, esacerbazione di diatesi e disturbi catarrali, lo specialista decide di posticipare l'immunizzazione fino al recupero del paziente. Tra le controindicazioni assolute all'uso di farmaci immunitari emettono:

  • allergia ai farmaci antibatterici;
  • la comparsa di reazioni avverse dopo la prima iniezione;
  • la presenza di intolleranza individuale ai componenti dei farmaci dal gruppo di vaccini;

La presenza di controindicazioni deve essere presa in considerazione prima di somministrare il vaccino. Ciò consentirà di evitare di aumentare la probabilità che si verifichino reazioni patologiche e di prevenire lo sviluppo di complicazioni pericolose per la sua normale attività vitale.

DTP e poliomielite contemporaneamente: si può fare?

I vaccini DPT e poliomielite possono essere somministrati contemporaneamente? Le moderne tecniche di vaccinazione consentono la combinazione di alcuni vaccini insieme. Le vaccinazioni compatibili non causano conseguenze e complicanze aggiuntive in un bambino. Ad esempio, i vaccini DTP e dell'epatite B possono essere somministrati direttamente con una singola siringa. Le preoccupazioni delle mamme sul sovraccarico del corpo delle briciole sono infondate: se si osservano le regole della vaccinazione, l'immunizzazione avviene in modalità sicura.

Benefici per la vaccinazione

Il primo anno di briciole di vita segnato da un gran numero di procedure e attività per rafforzare il sistema immunitario. Queste misure necessarie sono causate dall'imperfezione delle forze protettive del sistema immunitario nei confronti di microbi pericolosi. Immunizzazione - la creazione di una specifica barriera protettiva contro determinati tipi di virus che attaccano attivamente un bambino dopo la nascita.

I vaccini sono dannosi per la salute di un neonato? Il rischio di complicanze della vaccinazione è molto più debole del rischio di contrarre una malattia virale mortale. Ci sono casi di complicazioni gravi dopo la vaccinazione? Ci sono, ma complicanze di questo tipo sono estremamente rare nella pratica medica. Spesso le voci sui pericoli della vaccinazione sono fortemente abbellite e non combinate con il quadro clinico reale.

È importante! L'aderenza sequenziale alle condizioni di vaccinazione riduce al minimo il rischio di complicanze derivanti dalla vaccinazione.

Affinché la vaccinazione vada bene, dovresti preparare il bambino e la madre dovrebbe essere coinvolta in questo. Per questo è necessario:

  • condurre un esame al pediatra;
  • segnalare l'ultima malattia sofferta;
  • seguire tutte le raccomandazioni del pediatra;
  • ridurre il rischio di comunicare con persone malate;
  • non somministrare prima della vaccinazione e dopo il nuovo mangime;
  • non bagnare il tempo assegnato;
  • prima della vaccinazione, non essere pigro per superare i test.

Queste semplici precauzioni aiuteranno il tuo bambino ad affrontare l'immunizzazione e sviluppare antigeni per i microbi che causano malattie. È impossibile fare il bagno al piccolo, in modo da non introdurre un'infezione nella ferita perforata, è anche vietato fare il bagno al piccolo a causa del rischio di prendere il raffreddore.

Schema di vaccinazione

La prima vaccinazione di DPT con poliomielite viene somministrata a un bambino nello stesso momento all'età di tre mesi. Il Ministero della Sanità della Federazione Russa ha approvato il seguente programma di vaccinazione congiunta di DPT con la polio:

A 4,5 mesi, una vaccinazione contro l'epatite viene aggiunta ai farmaci elencati.

  1. 1,5 anni - DTP;
  2. 1,8 anni - polio;
  3. 7 anni - ADS-M;
  4. 14 anni - ADS-M e polio.

È importante! Gli adulti possono fare rivaccinazione con ADS-M ogni dieci anni.

Risposta al vaccino

Cosa si dovrebbe fare dopo la vaccinazione? La mamma dovrebbe essere attenta ai minimi cambiamenti nella salute e nel comportamento del bambino. È importante prestare attenzione a tali segni:

  • ipertermia;
  • debolezza e apatia;
  • letargia e sonnolenza.

Questi sintomi sono normali dopo la vaccinazione. Tuttavia, se il primo vaccino ha avuto successo, il secondo può dare complicazioni significative. Pertanto, non dovresti rilassarti.

È anche importante rendersi conto che le complicazioni dopo la vaccinazione non sono una malattia, ma la produzione di anticorpi da parte del corpo contro i virus. Spesso l'assenza di qualsiasi reazione da vaccinazione indica una violazione della produzione di antigeni per il vaccino e non una buona immunità naturale.

Disturbi più gravi da DTP possono essere espressi in:

  • nausea e vomito;
  • disturbo del tratto gastrointestinale;
  • comportamento irrequieto;
  • rifiuto di mangiare

Anche una reazione al vaccino può essere un'eruzione allergica sotto forma di orticaria o addirittura edema. Dipende dalla tolleranza individuale dei componenti del farmaco, dalla reazione alla presenza di sostanze di zavorra nel vaccino.

La risposta all'immunizzazione contro la poliomielite è simile alla risposta al DPT - disturbi delle feci, conati di vomito, debolezza. Contro la poliomielite, esistono due tipi di farmaci: il vaccino è vivo e semplicemente inattivato. Quale farmaco da somministrare decide il pediatra.

Controindicazioni

È possibile fare vaccinazioni infantili per tutti i bambini? Ci sono diversi segni restrittivi che proibiscono temporaneamente l'immunizzazione. Questi includono:

  • il periodo di freddo acuto nel bambino;
  • periodo di riabilitazione in un bambino dopo una malattia.

In caso di intolleranza ai componenti del farmaco, il vaccino viene sostituito dalla sua formula analogica o leggera. Ad esempio, il componente della pertosse viene rimosso dal DTP e il vaccino antipolio attivo viene sostituito con uno inattivato.

Per controindicazioni assolute includono:

  • immunodeficienza in una forma complicata;
  • gravi malattie neurologiche;
  • complicanze da precedente immunizzazione;
  • gravi reazioni allergiche al farmaco.

Cosa dovrebbe fare un pediatra per controllare la vigilia dell'immunizzazione? il bambino viene esaminato nella seguente direzione:

  1. misurazione della temperatura;
  2. esame della gola;
  3. esame della pelle;
  4. esame dei linfonodi;
  5. ascoltando i polmoni;
  6. familiarizzazione con i risultati delle analisi;
  7. familiarizzazione con la raccomandazione di un neurologo.

Solo dopo un esame dettagliato, il pediatra dà le indicazioni per l'immunizzazione del bambino.

Periodo di post-vaccinazione

Cosa dovrebbe fare a casa? La mamma dovrebbe dedicare diversi giorni al monitoraggio del bambino:

  • 5 giorni per misurare la temperatura;
  • un paio di giorni per dare farmaci anti-allergia;
  • Non fare il bagno al bambino per un paio di giorni a causa di possibili complicazioni.

Perché non fare il bagno a un bambino? Perché diversi virus possono "attaccare" un corpo indebolito dalla vaccinazione. È impossibile fare il bagno a causa del rischio di un bambino troppo freddo durante le procedure d'acqua. È possibile camminare con il bambino nel periodo post-vaccinazione? Non è consigliabile effettuare passeggiate e fare il bagno al bambino: è possibile provocare complicazioni sotto forma di ARVI o di raffreddore.

È anche auspicabile eliminare il contatto del bambino con le persone: tra queste potrebbe esserci un vettore di qualsiasi virus in forma latente. Puoi fare una passeggiata con il tuo bambino, se il tempo non è ventoso, e non c'è alcun rischio di incontrare numerosi conoscenti con i bambini.

Come affrontare la temperatura nel periodo post-vaccinazione? Anche quando la temperatura sale a 37 ° C, non puoi bagnare il bambino. Puoi pulire il corpo con un panno umido in alcune parti. Temperature superiori a 37,5 ° C Molti pediatri sono invitati a ridurre l'uso di antipiretici. L'ipertermia è difficile da tollerare, non è necessario sopportare!

Se l'aumento della temperatura non ha raggiunto il livello di 38 ° C, è meglio mettere le candele con il paracetamolo. A partire da 38C è necessario somministrare uno sciroppo con paracetamolo o ibuprofene. È importante dare al bambino molta bibita: questo riempirà il corpo con l'umidità necessaria. Se non riesci a fare il bagno, devi asciugare le zone riscaldate del corpo con salviettine umidificate, specialmente nelle pieghe del corpo. Cambia gli abiti più spesso se si bagna.

Durante l'ipertermia, il bambino perde una grande quantità di umidità, quindi è necessario fornire soluzioni di reidratazione - Elettrolita, Regidron-bio. Insieme all'umidità, la mollica perde i suoi benefici sali minerali, che verranno ripristinati con i preparati di reidratazione.

Il DPT e la polio possono essere vaccinati allo stesso tempo?

Dai primi giorni di vita, il bambino ha bisogno di essere vaccinato, che dovrebbe essere somministrato a un certo intervallo. Ma le cliniche moderne non sono equipaggiate con alcuni vaccini per uso futuro. Pertanto, il programma delle vaccinazioni nel bambino può muoversi. Molte giovani madri sono preoccupate per questo. Dopotutto, l'introduzione di vaccinazioni multiple allo stesso tempo può portare a conseguenze spiacevoli. Possono essere somministrati contemporaneamente vaccini importanti come DTP e poliomielite? Saranno in grado di proteggere il bambino da una serie di gravi malattie, ma è pericoloso combinarle?

DTP e poliomielite contemporaneamente

Puoi fare sia DPT che polio? Questa combinazione dell'introduzione di vaccini per il bambino è considerata accettabile. Anche alcuni esperti raccomandano di fare queste vaccinazioni insieme. Dopo tutto, la reazione al corpo del bambino sarà la stessa di quando si eseguono queste procedure separatamente. Il bambino può sperimentare tali disturbi:

  • reazioni allergiche;
  • la debolezza;
  • sonnolenza.

Il primo giorno, il bambino diventa inattivo, la temperatura corporea può aumentare. Se la temperatura supera i 38 C, allora è meglio dare al bambino una medicina antipiretica.

Complicazioni dopo la vaccinazione

Affinché un bambino non abbia conseguenze dopo la vaccinazione con questi farmaci, è necessario sottoporsi a un esame approfondito da un pediatra, un neuropatologo e un allergologo. Se questi specialisti non hanno riscontrato anomalie, allora possiamo tranquillamente eseguire la procedura di vaccinazione. In altri casi, le vaccinazioni possono portare a conseguenze spiacevoli:

  • un significativo aumento del gonfiore nel sito di iniezione, può raggiungere oltre 10 cm di diametro;
  • i bambini hanno eccessiva capricciosità, possono urlare per 3 ore;
  • convulsioni con un significativo aumento della temperatura corporea, che può indicare un danno al sistema nervoso centrale.

È importante ricordare! Se un bambino ha questi sintomi, dovresti chiamare immediatamente un medico! Non aspettare che passino da soli. Dopo tutto, questa è una reazione atipica dopo la vaccinazione con DTP e poliomielite.

Seconda vaccinazione DPT e poliomielite

Come tutti sanno, DPT è fatto al bambino 3 volte in 3 mesi. La polio è richiesta anche in questo periodo. Come vengono immunizzati il ​​DPT e la polio nei bambini? Per fare questo, dovresti fare un'ispezione approfondita del bambino, sulla base del quale prendere una decisione. Dopo tutto, la regola principale della vaccinazione - il bambino deve essere completamente sano.

Conosciuto tra mamme e papà moderni, il dott. Yevgeny Komarovsky ritiene inaccettabile fare queste vaccinazioni contemporaneamente in questi casi:

  • il periodo di esacerbazione di malattie croniche in un bambino;
  • malattie infettive recentemente trasferite, in questi casi, la vaccinazione deve essere posticipata per 1 mese;
  • reazione atipica a DTP la volta precedente;
  • interruzione del sistema nervoso centrale;
  • gravi reazioni allergiche al vaccino somministrate l'ultima volta;
  • disordini genetici del sistema immunitario;
  • se il bambino ha già sofferto il vaccino.

È importante ricordare! 3 la vaccinazione è controindicata se 2 precedenti vaccinazioni sono state superate con gravi conseguenze!

DTP, poliomielite ed epatite allo stesso tempo

In alcune istituzioni mediche, queste vaccinazioni sono miscelate in una siringa, rispettivamente, e iniettate simultaneamente. Non c'è nulla di terribile in esso, solo se il bambino è completamente sano e il giorno prima non ha avuto alcun raffreddore o malattie infettive. Il bambino tollera abbastanza bene tale vaccinazione. Alcuni bambini possono sperimentare sonnolenza e un leggero aumento della temperatura corporea.

Molti genitori sono interessati alla domanda: quanto tiene la temperatura dopo questa procedura? Questo sintomo può durare fino a 3 giorni. Se è trascorso più del periodo di tempo appropriato, è necessario contattare il pediatra.

È importante ricordare! Se un bambino ha avuto convulsioni dopo le vaccinazioni, è meglio astenersi dall'utilizzare vaccini allo stesso tempo!

Come aiutare il bambino dopo la vaccinazione

Cosa dovrebbero fare i genitori dopo la vaccinazione per alleviare la condizione del bambino? Per alleviare sintomi spiacevoli, i genitori devono seguire le seguenti procedure:

  • fare un leggero massaggio;
  • mettere un impacco sul sito di iniezione;
  • spalmare una zona crema speciale della pelle dopo la vaccinazione.

Ciò contribuirà a evitare lo sviluppo di un ascesso dopo la vaccinazione.

È possibile bagnare il vaccino? Il primo giorno dopo l'introduzione del vaccino è necessario evitare il contatto del sito di iniezione con acqua. Dopo questo periodo di tempo, il bambino può essere bagnato.

Vaccino effetti collaterali

Ci sono un certo numero di segni che possono verificarsi in un bambino dopo la vaccinazione. Al momento della loro apparizione, i genitori non devono preoccuparsi. Questi sono:

  • il bambino cominciò a zoppicare sulla gamba in cui era stata fatta l'iniezione;
  • lieve gonfiore nel sito di vaccinazione;
  • gonfiore degli arti inferiori;
  • il verificarsi di raffreddori;
  • tosse;
  • vomito;
  • naso che cola dopo la vaccinazione;
  • diarrea.

Questi sintomi passano abbastanza rapidamente. È molto importante durante questo periodo monitorare attentamente il comportamento del bambino e segnalare al medico eventuali cambiamenti in peggio.

Programma di vaccinazione per bambini di età inferiore a 1 anno

Affinché il bambino si senta il più a suo agio possibile, i genitori dovrebbero seguire il programma corretto delle vaccinazioni. Sembra questo:

  • 1 giorno dopo la nascita - epatite virale B;
  • 3 giorni di vita - BCG;
  • 1 mese - di nuovo l'epatite virale B;
  • 2 mesi - Prevenar;
  • 3 mesi - DTP e poliomielite;
  • 4 mesi - DTP, poliomielite, Prevenar;
  • 6 mesi - DTP, poliomielite, epatite virale B;
  • 12 mesi - vaccinazione contro il morbillo, la rosolia, la parotite.

Se ti attieni a questo programma, non ci saranno problemi per iscriversi in un'istituzione prescolare. Dopo tutto, i genitori che, fin dai primi giorni della vita di un bambino, rifiutano la vaccinazione, in seguito iniziano a farsi prendere dal panico tutte le vaccinazioni contemporaneamente. In effetti, senza la loro presenza nella scuola materna non prendere.

Nomi di vaccinazione DTP

Esistono diversi vaccini che non differiscono nei loro effetti sul corpo. Ciò che li distingue sono solo il nome e il produttore:

  1. DTP - fluido adsorbito dal tetano. Consiste di microbi morti pertosse, tetano e tossoide difterico. Controindicazioni da usare sono le malattie del sistema nervoso, così come le convulsioni a temperatura corporea elevata.
  2. Infanrix. La composizione è simile a DTP. Per astenersi dall'utilizzare questo vaccino è necessario per i bambini che hanno una maggiore sensibilità ai suoi componenti. Dopo tutto, la loro concentrazione è più forte che in DTP. Dopo la vaccinazione, il bambino può manifestare un lieve gonfiore alle gambe, malumore, il bambino piange costantemente, il suo appetito si riduce.
  3. Infanrix Hex. È un vaccino combinato importato. Controindicazioni ed effetti collaterali sono simili a Infanrix.
  4. Pentaxim®. Non deve essere usato per convulsioni, reazioni allergiche a un precedente vaccino, per esacerbazioni di malattie croniche.

Indipendentemente dal nome del vaccino e dal produttore, è necessario controllare la data di scadenza. Non dimenticare che sono gratuiti in tutte le istituzioni mediche.