Come applicare sumamed con clamidia: composizione, regime di trattamento e controindicazioni

Sintomi

Nel trattamento dei processi infettivi acuti e cronici dei genitali, viene spesso utilizzata la terapia antibatterica. Sumamed ha mostrato un'elevata efficacia nella clamidia, che appartiene al gruppo dei macrolidi.

La composizione e le principali proprietà del farmaco

Una delle più pericolose malattie sessualmente trasmissibili è la clamidia, perché con la malattia assumono antibiotici e devono trattare entrambi i partner allo stesso tempo. Il principale ingrediente attivo è macrolide antibiotico azitromicina dal gruppo di azalidi. Il farmaco ha un'elevata attività antimicrobica.

Raccomandazioni! Oltre al trattamento delle malattie sessualmente trasmissibili, Sumamed viene utilizzato per le infezioni batteriche del tratto respiratorio superiore, per le lesioni del tratto respiratorio, per influenzare le infezioni dei tessuti molli.

Numerosi studi hanno dimostrato che è l'azitromicina che viene utilizzata con successo per la clamidia e ha le seguenti proprietà:

  • efficacia della terapia nel 95% dei casi;
  • agisce come con i sintomi attivi della malattia e allo stadio nascosto;
  • sicurezza d'uso;
  • una singola dose è spesso raccomandata, che è molto comoda per l'uso;
  • il farmaco ha reazioni avverse minime;
  • la sicurezza di prendere in gravidanza le donne sotto la supervisione di un medico;
  • azione simultanea su molte infezioni sessualmente trasmesse.

Il principale ingrediente attivo azitromicina è l'unico rappresentante di azalidi. Il farmaco è caratterizzato da una rapida penetrazione nel tessuto infiammato, dove viene poi conservato per lungo tempo.

La creazione di una rapida concentrazione del farmaco nell'infiammazione e l'alta efficienza consentono il trattamento della clamidia con sumamed.

Forma di dosaggio

Il farmaco viene prodotto sotto forma di capsule e compresse da 250, 500 mg, nonché una sospensione per i bambini. Oltre all'azitromicina diidrato, contiene cellulosa, sodio, magnesio, talco e altri ingredienti.

È possibile acquistare il prodotto oggi in qualsiasi farmacia, il prezzo medio per un pacchetto di 3 compresse da 500 mg è di 450 rubli. Le forme del farmaco possono essere viste nella foto.

Meccanismo d'azione sulla clamidia

Dopo una singola dose del farmaco nel corpo, viene raggiunta un'alta dose terapeutica nei tessuti, che dura fino a 5 giorni. L'azitromicina è attiva contro l'infezione da gonorrea-clamidia nel corpo e contro la maggior parte dei batteri gram-positivi.

Esiste un'alta capacità della sostanza medicinale di creare la concentrazione necessaria dell'antibiotico nelle cellule di una persona malata, influenzando negativamente la sintesi proteica di microrganismi patogeni e inibendo la loro attività vitale.

Qual è l'infezione da clamidia pericolosa

La clamidia è microrganismi intracellulari gram-negativi. Sfortunatamente, la malattia trasferita non lascia un'immunità stabile.

La malattia viene trasmessa attraverso il contatto sessuale diretto e senza un trattamento adeguato minaccia le seguenti complicanze:

  • infertilità;
  • gravidanza ectopica;
  • aborti frequenti;
  • formazioni maligne degli organi genitali femminili.

Regole e consigli su come non essere infettati sono indicati nel video in questo articolo.

Il principale pericolo della malattia è che non si manifesta nelle donne per un tempo molto lungo, e il processo cronico nascosto avviene per diversi anni. Il periodo di latenza è la complessità del trattamento per i medici.

I primi sintomi a cui prestare attenzione sono:

  • dolore addominale inferiore durante la palpazione;
  • dolore nella zona delle appendici.

Con lo sviluppo del processo patologico, si osservano i seguenti sintomi:

  • aumento della temperatura;
  • cambiamenti nel colore e nell'odore delle perdite vaginali;
  • rilevamento dell'infezione mediante metodo di laboratorio.

Metodo di applicazione

L'azitromicina viene rapidamente assorbita nel sangue, il suo effetto terapeutico inizia dopo alcune ore. Un uso corretto ed efficace dei farmaci sarà prescritto solo da uno specialista, poiché in un caso sarà necessario solo 1 grammo della sostanza per il recupero e in altre situazioni difficili non si può fare a meno di un ciclo di trattamento.

Il regime di trattamento per sumamed con la clamidia dipende dalle condizioni del paziente, dai sintomi che sono comparsi, nonché dalle indicazioni dei test di laboratorio.

Dopo i test di laboratorio su sangue e urina, il medico determinerà il grado di resistenza dell'infezione da clamidia alla sostanza medicinale.

È importante! Sumamed viene assunto insieme agli agenti immunomodulatori e al trattamento locale.

Possibili controindicazioni ed effetti collaterali del trattamento

Tra le limitazioni all'assunzione del farmaco vi è un'elevata sensibilità individuale agli antibiotici macrolidici. Se una persona ha malattie croniche del fegato, i reni, una violazione del loro normale funzionamento, sumamed è anche controindicato per ricevere. Non è raccomandato un ciclo di antibiotici durante la gravidanza e l'allattamento.

Tra gli effetti collaterali del trattamento in rari casi, ci sono:

  • candidosi;
  • vaginiti;
  • leggera sonnolenza;
  • i bambini hanno un disturbo del sonno e ansia.

Non è possibile utilizzare Summa più a lungo di quanto indicato nelle istruzioni. Si richiede cautela nella terapia per problemi al sistema cardiovascolare. Inoltre, gli agenti antiacidi rallentano un po 'l'effetto del farmaco, pertanto è necessario osservare l'intervallo tra l'assunzione dei farmaci a 2 ore.

Il regime di trattamento farmacologico è spesso molto più breve di altri antibiotici. La sostanza è più facilmente tollerata dai pazienti, non causa forti effetti collaterali, quindi è molto usata nel trattamento delle malattie veneree.

Solo un approccio integrato, un esame tempestivo e una rigorosa attuazione delle raccomandazioni aiuteranno a ripristinare la salute. Il dosaggio esatto sarà calcolato solo dal medico, dopo un esame approfondito, che deve essere effettuato urgentemente ai primi sintomi della patologia.

Uso di Azithromycin (Sumamed) nel trattamento della clamidia

In molti paesi del mondo, l'infezione urogenitale da clamidia prende il primo posto tra le malattie batteriche e appartiene alle malattie veneree. Il principale agente eziologico è la Chlamydia trachomatis.

Viene diagnosticato annualmente in 80 milioni di persone. Un numero così elevato di infezioni è dovuto a diverse ragioni. Il corso asintomatico della malattia è il principale. Per questo motivo, la coppia non sa che uno di loro ha questa infezione. È possibile per diversi anni essere portatori della malattia e non conoscerla. Questa ignoranza porta a massicce infezioni e conseguenze gravi e spesso irreversibili. Questi includono:

  • cistite;
  • prostatite;
  • infertilità;
  • Malattie della cervice, l'utero stesso, appendici;
  • pielonefrite;
  • Problemi di erezione

Cos'è la clamidia così pericolosa? Segni di malattia

Il batterio del genere Chlamydia è l'agente eziologico della malattia. Solo due di loro - uno si applica agli animali, e il secondo riguarda gli umani.

C trachomatis, a sua volta, è diviso in 15 sottospecie. La maggior parte di loro causa malattie come la linfogranulomatosi venosa e il trachoma. Solo due specie di batteri infettano gli organi urinari di uomini e donne e causano la clamidiosi urogenitale.

Poiché il principale agente causale della malattia si trova in una posizione intermedia tra il batterio e il virus, la malattia è difficile da diagnosticare.

L'infezione da clamidia si verifica sessualmente. Attraverso le mani contaminate, la malattia della biancheria intima non viene trasmessa. I neonati ricevono il virus mentre si trovano nel grembo di una madre infetta e al momento del passaggio attraverso il canale del parto.

I sintomi della malattia sono così poco specifici che si ammalano e non riescono a distinguerli da altre infezioni genitali.

I sintomi della clamidia negli uomini

I sintomi della clamidia nelle donne

Nella forma acuta della malattia, la secrezione di vitreo dall'uretra può comparire al mattino. Gli scarichi sono insignificanti in quantità e hanno un colore giallastro. Spesso c'è prurito, dolore quando si urina, le donne hanno labbra insieme.

La condizione generale del paziente rimane quasi invariata. Dopo 10 giorni dal momento dell'infezione, i segni dell'infezione scompaiono e passa a uno stadio cronico.

Come portare la clamidia all'acqua pulita?

La malattia viene diagnosticata con diversi test:

  • la cultura;
  • immunodosaggio enzimatico;
  • Con l'aiuto della reazione a catena della polimerasi;
  • Amplificazione trascrizionale.

Dopo aver confermato la malattia, uno specialista prescriverà un ciclo di trattamento in cui sarà presente un antibiotico.

Trattamento con clamidia

La droga di scelta nel trattamento della clamidia

Il trattamento principale per la clamidia è la terapia antibiotica. Ciò è spiegato dal fatto che la malattia è di natura infettiva e ha una particolare posizione intracellulare delle specie del patogeno che è sensibile agli antibiotici.

Vale la pena notare che non tutti gli agenti antimicrobici hanno gli effetti terapeutici desiderati nel trattamento dell'infezione da clamidia. I farmaci che possono salvare il paziente dalla malattia sono suddivisi nei seguenti gruppi:

  • tetraciclina;
  • macrolide;
  • Fluorochinoloni.

Quando prescrive medicinali, il medico si basa principalmente sui seguenti indicatori:

  • Sicurezza, anche nel trattamento delle donne in gravidanza;
  • Un effetto positivo con sintomi gravi e in loro assenza;
  • Facile da usare;
  • L'assenza di un impatto negativo sullo stile di vita del paziente;
  • Assenza completa o numero minimo di effetti collaterali;
  • La possibilità di saltare l'ammissione;
  • Vasta gamma di trattamenti;
  • Accessibilità.

Azithromycin o Sumamed è considerato uno dei farmaci più venduti. La struttura di questo antibiotico è leggermente diversa dai farmaci macrolidi. Questo farmaco può essere resistente alle azioni degli acidi. L'azitromicina ha la capacità di penetrare e accumularsi nelle cellule colpite dalla clamidia, aumentando così l'efficacia della terapia.

Regime di trattamento

Il trattamento completo comprende i seguenti punti:

  • Farmaci antibatterici;
  • immunomodulatori;
  • Epatoprotettori, probiotici.

A causa della capacità del farmaco di accumularsi nelle cellule infette, l'interazione con altri farmaci potrebbe non verificarsi. Pertanto, il trattamento della clamidia con azitromicina coinvolge la monoterapia. Ma tale trattamento è possibile in una fase precoce della malattia.

Immunomodulatori e vitamine nel trattamento della clamidia è una parte necessaria nel trattamento. Ciò è dovuto al fatto che l'infezione sopprime il sistema di difesa umana.

Con questo trattamento, è necessario aumentare la resistenza del fegato, per proteggere la flora intestinale da fattori avversi che possono essere causati da antibiotici. Epatoprotettori e probiotici sono tali farmaci.

  • Azitromicina - 1 grammo 2 ore prima dei pasti una volta al giorno;
  • Epatoprotettori per via orale;
  • I probiotici non sono richiesti;
  • Immunostimolanti per via orale.

Malattia lenta:

  • Azitromicina - 1 g il primo giorno di trattamento, in 2 e 3 giorni 0,5 ge, e in 4 - 7 giorni 0,25 g Tutti i metodi sono singoli.
  • Enzimi per via orale;
  • Epatoprotettori per via endovenosa;

Malattia cronica:

  • Azitromicina - 21 giorni per via endovenosa;
  • Epatoprotettori per via endovenosa.

In assenza di risultati positivi, aggiungere tetracicline o fluorochinoloni.

L'uso di azitromicina (Sumamed) per il trattamento dell'infezione da clamidia nella pratica ginecologica

Domande di ginecologia, ostetricia e perinatologia, 2003, v. 2, n. 3, p. 81-84

D. D. Belotserkovtseva 1, P.V.Budanov 2
1 Surgut State University;
2 Accademia Medica di Mosca. IMSechenov

Uno dei problemi più urgenti della moderna medicina clinica è l'infezione con la persistenza intracellulare dell'agente patogeno. Nonostante l'ampio studio dell'infezione da clamidia, l'alta incidenza di complicazioni, recidive e fallimento del trattamento, richiede lo sviluppo di nuovi approcci per il trattamento di questa patologia.

Sono state proposte numerose varianti di regimi di trattamento con clamidia empirica basati sulla sensibilità del microrganismo. Per selezionare l'opzione di trattamento ottimale, è necessario prendere in considerazione la patogenesi dell'infezione urogenitale da clamidia. Chlamydia - piccoli batteri gram-negativi obbligatoriamente parassitizzanti che non hanno mobilità. Nella moderna tassonomia degli agenti batterici, viene evidenziato l'ordine di Chlamydiales, compresi la clamidia e microrganismi simili nel ciclo di sviluppo. L'isolamento di quattro famiglie, generi e specie di clamidia si basa sull'omologia della composizione della sequenza nucleotidica dei geni del rRNA 16S e 23S.

Rappresentanti del genere Chlamydia, a cui appartiene l'unica specie umana patogenica, la Chlamydia trachomatis, contengono elementi extracromosomici simili in ultrastruttura. I corpi elementari di questo genere, infiltrati in una cellula vivente, tendono a fondersi in un'unica inclusione comune, che porta allo scambio di informazioni genetiche e causa una maggiore variabilità genetica del patogeno.

Come N. gonorrhoeae, C. trachomatis è caratterizzato dal trofismo all'epitelio cilindrico.

I corpi elementari (ET) di clamidia hanno una forma ovale con dimensioni di 250-500 nm. Hanno proprietà infettive e antigeniche, sono in grado di penetrare nella cellula sensibile. L'unico ciclo di sviluppo della clamidia si verifica solo all'interno dei vacuoli del citoplasma collegati alla membrana cellulare, dove i corpi elementari si trasformano in corpi reticolari più grandi sottoposti a divisione.

I corpi reticolari (RT) hanno un polimorfismo (forma rotonda, ovale, semi-lunare, coccobacillare), non hanno una dimensione e struttura costanti e la loro ampiezza varia da 300 a 1000 nm. I corpi reticolari non possiedono proprietà infettive, non hanno un nucleotide, appartengono alle forme vegetative ("immature") del patogeno.

Il primo stadio del processo infettivo è l'adsorbimento della chlamydia ET sulla membrana cellulare della cellula sensibile dell'ospite sotto l'azione delle forze elettrostatiche. C. trachomatis ha un tropismo per la sconfitta dell'epitelio cilindrico (raramente, in condizioni speciali - il mesotelio peritoneale e l'epitelio piatto non lievolo a più strati). Conoscendo la localizzazione dell'epitelio cilindrico negli organi del sistema urogenitale, possiamo assumere la localizzazione topica più frequente della clamidia: cervicite, uretrite, cistite, endometrite, salpingite, bartolinite, lesione anorettale.

Quindi la clamidia viene introdotta nella cellula invaginando i siti plasmalemma e la formazione di vacuoli fagocitari (endocitosi). Questa fase dura da 7 a 10 ore.

Trasformazione dell'ET virulento in forme intracellulari vegetative metabolicamente attive - La RT avviene entro 6-8 ore Nel processo di crescita e divisione di RT, si formano le microcolonie, che sono chiamate inclusioni clamidiali - "corpi di Halberstadter-Provachek". Le microcolonie possono contenere da 100 a 500 clamidia.

Il processo di trasformazione di RT in ET richiede 36-42 ore e in questa fase vengono rilevati corpi transitori (intermedi) di clamidia.

Il ciclo vitale della clamidia si conclude con il rilascio di ET dall'endosoma e la distruzione di una cellula infetta. Tuttavia, è possibile preservare la vitalità della cellula infetta all'uscita da ET per esocitosi. Questo è osservato con infezione da Chlamydia asintomatica. Dopo 48-72 ore, gli ET rilasciati penetrano in nuove cellule bersaglio.

Il punto più importante è che durante l'invasione iniziale del patogeno, il ciclo di sviluppo completo della clamidia richiede circa 100 ore (4 giorni). Tuttavia, in caso di condizioni biochimiche avverse (ad esempio, nelle condizioni della terapia antibiotica in corso), la durata del ciclo di vita della clamidia può aumentare significativamente, raggiungendo diverse settimane. Allo stesso tempo, c'è una forma di infezione latente con recidiva periodica e clamidia cronica.

Il secondo aspetto importante della patogenesi dell'infezione da clamidia è l'effetto della clamidia sui processi di immunità. Il ruolo principale nella protezione contro l'infezione da clamidia appartiene agli aiutanti T che attivano l'attività fagocitica dei macrofagi. Allo stesso tempo, l'attivazione policlonale dei linfociti B porta ad un aumento della produzione di immunoglobuline delle classi M, A e G.

L'assorbimento della clamidia da parte dei monociti del sangue periferico porta alla loro diffusione in tutto il corpo. I monociti, che si depositano nei tessuti delle articolazioni, i vasi sanguigni, il cuore, si trasformano in macrofagi tissutali, che rimangono vitali per diversi mesi. La stimolazione antigenica locale porta alla formazione di granulomi fibrosi nel tessuto sano. Il rilascio di clamidia porta alla formazione di anticorpi specifici, anche in assenza di un antigene clamidale nell'area del cancello d'ingresso dell'infezione.

Nella clamidia urogenitale non vi sono manifestazioni cliniche patognomoniche e sintomi gravi della malattia. Nel 50-70% delle donne, l'infezione è asintomatica. L'assenza di sintomi clinici della malattia indica solo un temporaneo equilibrio tra il parassita e l'ospite in condizioni che limitano, ma non interferiscono con la riproduzione del microrganismo intracellulare patogeno. L'infezione da clamidia con un decorso clinicamente asintomatico non è meno pericolosa delle sue forme manifeste, richiede misure terapeutiche e preventive che colpiscano il patogeno e aumentino le difese del corpo.

Secondo il decorso clinico, la chlamidiosi urogenitale fresca è isolata (la malattia ha meno di 2 mesi) e cronica (più di 2 mesi). La chlamydia urogenitale fresca è divisa in stadi acuti, subacuti e torpidi.

L'infezione primaria con Chlamydia trachomatis è quasi impossibile da identificare. A questo proposito, la divisione dell'infezione da clamidia in forme acute, croniche e torpide è molto condizionale.

La manifestazione clinica della malattia, di norma, è disponibile in presenza di un'infezione mista o sullo sfondo di una diminuzione della reattività locale o generale dell'organismo. In questo caso, sono i patogeni associati a determinare le manifestazioni cliniche della malattia.

La formazione di una diagnosi clinica può essere basata solo sui risultati di un esame clinico e di laboratorio completo. È obbligatorio isolare i patogeni (eziologia), determinare gli argomenti della lesione e le complicanze associate.

Pertanto, le peculiarità del processo infettivo, la mancanza di sintomi di manifestazioni cliniche, la possibilità di persistenza della clamidia in cellule vitali, la difficoltà di controllare la cura dell'infezione, dettano la necessità di selezionare schemi di trattamento etiotropico per la malattia con elevata efficienza microbiologica, soddisfacente compliance e alta biodisponibilità.

Uno dei farmaci di scelta per il trattamento delle infezioni urogenitali da clamidia nelle donne è l'azitromicina (Sumamed). Allo stesso tempo, i difetti della risposta immunitaria che si verificano sullo sfondo della clamidia richiedono una combinazione antibiotica con farmaci immunocorrettivi.

Gli immunomodulatori attualmente disponibili non hanno un effetto specifico sull'attivazione dell'immunità locale. Il loro uso irragionevole (assenza di segni clinici di immunodeficienza, persistenza dell'infezione) può provocare una reazione iperimmune, che porterà all'approfondimento dei disturbi esistenti, dal momento che il letto vascolare e i tessuti degli organi riproduttivi sono ipersensibili ai complessi immunitari, prodotti dell'infiammazione.

Eccessiva stimolazione dei linfociti T provoca processi autoimmuni. La sovraattivazione dei linfociti B stimola un'aumentata produzione di immunoglobuline, un aumento della concentrazione di complessi antigene-anticorpo, che porta al blocco dei fagociti e al danno ai microcapillari. Un'eccessiva stimolazione di macrofagi e neutrofili può essere realizzata aumentando la secrezione di interleuchine, monoamine, fattore di necrosi tumorale, che inizia il danno cellulare e riduce la possibilità di fagociti nell'inattivazione di complessi immunitari.

In questo caso, lo stato attivato del sistema immunitario può essere pericoloso per il corpo e l'uso di farmaci immunomodulatori altamente attivi causerà danni.

Pertanto, la terapia immunostimolante attiva è indicata solo per i pazienti con manifestazioni cliniche di immunodeficienza e infezione genitale persistente a lungo termine.

Tuttavia, negli ultimi anni, sono stati ampiamente utilizzati i preparati dell'interferone ricombinante a-2b (viferon, kipferon, realdiron, introne-A). Va notato che la medicina domestica Viferon è destinata alla somministrazione rettale (o all'uso locale). Gli interferoni hanno un'azione non specifica che interferisce con l'assemblaggio intracellulare di proteine ​​estranee.

Nel presente studio hanno preso parte 143 donne con Chlamydia non complicata e 189 pazienti con una durata della malattia superiore a 4 mesi. Tutte le donne sono state escluse da altre infezioni sessualmente trasmesse.

L'uso di azitromicina (Sumamed) per il trattamento dell'infezione da clamidia nella pratica ginecologica

La rilevazione di microrganismi assolutamente patogeni di clamidia in tutti i casi richiede una terapia specifica. A questo proposito, anche con la cosiddetta persistenza dell'infezione e l'assenza di manifestazioni cliniche della malattia, è necessario un trattamento. Ogni gruppo di pazienti è stato diviso in due sottogruppi, a seconda del tipo di trattamento.

Con la chlamidiosi urogenitale non complicata, 92 donne hanno ricevuto 1,0 g di azitromicina (Sumamed) per via orale una volta (2 compresse da 500 mg). 51 pazienti sono stati prescritti Sumamed 500 mg (1 tavolo) al giorno per 3 giorni. Contemporaneamente alla terapia antibiotica, la terapia con interferone è stata eseguita sotto forma di supposte rettali contenenti 150.000 UI di interferone-a, 3 volte al giorno per 10 giorni.

In presenza di clamidia cronica (persistenza dell'infezione) è stato effettuato un confronto tra ammissione continua (46 pazienti) e "terapia a impulsi" (143 pazienti) con azitromicina (Sumamed) in combinazione con un preparato di interferone (500 000 ME 2 volte al giorno per retto per 5 giorni - 3 corsi con un intervallo di 5 giorni). Il corso del trattamento prevedeva l'assunzione di 1,0 g (2 compresse da 500 mg) di azitromicina (Sumamed) per via orale nei giorni 1-7-14 del trattamento o 500 mg (1 tavolo) del farmaco 1 volta al giorno per 3 giorni per tre volte con un intervallo di 5 giorni.

Un trattamento simile è stato dato alle partner femminili dello studio.

Nessuno dei moderni metodi di diagnosi della clamidia non fornisce un'affidabilità del 100%. Pertanto, la diagnostica di laboratorio dovrebbe essere basata su una combinazione di almeno due metodi, uno dei quali dovrebbe essere culturale. La diagnosi di infezione da clamidia è stata eseguita isolando il patogeno su una coltura cellulare McCoy, amplificando regioni omologhe del DNA utilizzando una reazione a catena della polimerasi su un dispositivo Tertsik e utilizzando il kit HlaMonOskrin (Nearmedic, Russia) per l'immunofluorescenza diretta.

La reazione a catena della polimerasi (PCR) presenta vantaggi rispetto ai metodi immunologici:

  • alta specificità - 95%;
  • massima sensibilità;
  • velocità di (4-5 ore).

Lo svantaggio della diagnosi di PCR della clamidia è la possibilità di risultati falsi positivi quando si esegue uno studio prima di un mese dopo la fine del ciclo di trattamento. Ciò è dovuto al fatto che il metodo di amplificazione del DNA / RNA non consente di valutare la vitalità cellulare, dà risultati positivi con piccole quantità di agente patogeno e la presenza di singoli frammenti del suo genoma. Nonostante questo, il metodo principale per valutare l'eliminazione della clamidia dovrebbe essere la PCR. Quando si ottiene un risultato positivo, viene mostrato un esame microbiologico e, se quest'ultimo non è possibile, ripetere la PCR dopo 5-6 settimane.

Pertanto, in questo lavoro si è ipotizzato che il metodo più affidabile per la diagnosi della clamidia fosse una combinazione di coltura e reazione a catena della polimerasi. Il materiale per lo studio era lo scarico del canale cervicale, l'urina, il contenuto della cavità addominale e le cavità degli organi genitali interni.

Fig. 1.
Lo schema di monitoraggio dell'efficacia della terapia urogenitale con clamidia.

La diagnosi topica di varie forme di clamidia è stata effettuata sulla base di un esame clinico, colposcopia estesa, ecografia, laparoscopia.

Al fine di monitorare l'efficacia della terapia, è stato utilizzato il seguente schema (Fig. 1).

Dopo aver ricevuto dati sull'efficacia microbiologica del trattamento (71,1%), 236 tutti i pazienti sono rimasti sotto la nostra supervisione per 18 mesi. Con un intervallo di 6 mesi, hanno condotto un esame di laboratorio di controllo, che comprendeva una combinazione di un metodo di coltura per l'identificazione della clamidia e una reazione a catena della polimerasi.

Come risultato dello studio, è stato trovato che nel gruppo di donne con clamidia fresca non complicata, la massima efficacia della terapia ha raggiunto il 93%. Allo stesso tempo, gli indicatori di efficacia microbiologica e clinica della terapia non erano significativamente differenti durante il periodo di osservazione (18 mesi).

Si osserva che su 92 pazienti, il primo sottogruppo, solo uno non soddisfaceva le condizioni per ricevere Sumamed, assumendo il farmaco mentre mangiava. Tra il 56,9% delle donne nel secondo sottogruppo che hanno ricevuto un antibiotico per 3 giorni, sono state osservate fluttuazioni tra il tempo di assunzione del farmaco a 3,2 ± 0,6 ore. Le condizioni dell'uso di antibiotici non sono state soddisfatte, indipendentemente dall'interruzione dei pazienti con Sumamed 8 (15,7%).

Eradicazione del patogeno è stata osservata nell'81,1% dei pazienti al momento del primo controllo di laboratorio dopo il trattamento e la scomparsa dei sintomi clinici nell'85,3% delle donne è stata raggiunta entro il giorno 14 dopo la fine della terapia.

Tra gli effetti collaterali dell'assunzione di Sumamed, una donna ha avuto una reazione allergica al tipo di orticaria (nel gruppo con un singolo antibiotico) e 4 (7,8%) pazienti su 51 che hanno assunto Sumamed per 3 giorni, durante la settimana diarrea.

Fig. 2.
Efficacia clinica e microbiologica di Sous-mamed per il trattamento della clamidiosi urogenitale.

Le differenze più significative nell'efficacia della terapia e l'osservanza del paziente con le regole, il regime e la durata del farmaco sono state osservate nel trattamento dell'infezione persistente da clamidia.

Pertanto, l'efficacia microbiologica e clinica delle varie opzioni di trattamento per la clamidiosi urogenitale è presentata in fig. 2.

Come visto in fig. 2, gli indici di efficacia microbiologica e clinica del trattamento per la clamidia persistente hanno raggiunto valori massimi di 4 settimane dopo la fine del trattamento. Solo durante il primo controllo, l'efficacia clinica prevaleva su quella microbiologica. Per 1,5 anni, l'efficacia della terapia urogenitale con infezione da clamidia dopo l'uso della "terapia a impulsi" da parte di Sumamed diminuisce leggermente.

Allo stesso tempo, quando si usano altri regimi antibiotici, la frequenza di eliminazione del patogeno è meno comune della cura clinica e l'efficacia della terapia non supera l'82%.

Va inoltre notato che la massima conformità è accompagnata da uno schema di tre volte per l'uso di Sumamed. Durante l'intero periodo di trattamento, solo 4 pazienti (2,8%) sono stati esclusi dallo studio: 3 a causa della non conformità con le regole per l'assunzione del farmaco e 1 a causa del verificarsi di una reazione allergica.

Sullo sfondo di regimi Sumamed prolungati, la frequenza complessiva degli effetti indesiderati non superava il 3,7%, mentre fino a 3/4 di essi sono stati osservati tra le donne che hanno utilizzato il regime continuo del farmaco.

Pertanto, l'azitromicina (Sumamed) è altamente efficace per il trattamento della clamidia non complicata, indipendentemente dal regime. Lo schema con una singola dose del farmaco è caratterizzato da alta compliance, bassa frequenza di reazioni avverse.

Nel trattamento dell'infezione persistente da clamidia, la maggiore efficacia clinica e microbiologica, allungando il tempo dell'intervallo libero da recidive, consente di ottenere una "terapia a impulsi" con azitromicina (Sumamed), inclusa l'assunzione di 1,0 g del farmaco nei giorni 1-7-14 del trattamento. La creazione di concentrazioni terapeutiche di azitromicina (Sumamed) nei tessuti infetti per 5-7 giorni dopo una singola somministrazione orale consente l'eradicazione dell'agente patogeno e la conservazione a lungo termine dell'effetto antibatterico. Se hai bisogno di un uso a lungo termine del farmaco, le sue proprietà simili determinano la possibilità di un appuntamento discreto di Sumamed, che porta ad una diminuzione degli effetti collaterali e ad un aumento della compliance del trattamento.

Come prendere Sumamed con la clamidia?

Per il trattamento delle infezioni a trasmissione sessuale causate da clamidia, applicare antibiotici dal gruppo di macrolidi. Sumamed è prescritto il più delle volte per la clamidia, che fornisce una cura completa per la malattia. Considera quali sono le basi della popolarità degli agenti antibatterici in dermatologia e venereologia e come viene condotto il trattamento farmacologico.

Sumamed contro la clamidia

La clamidia è causata da batteri che si trovano sulla membrana mucosa del tratto urogenitale e formano un focolaio infiammatorio.

Antibiotico Sumamed, contenente il principio attivo attivo Azitromicina, penetrando nel sito di infiammazione, distrugge il muro di microrganismi patogeni.

Il trattamento con Chlamydia con Sumamed fornisce quanto segue:

  • la distruzione di un gran numero di clamidia (fino al 95%);
  • rapida eliminazione dei sintomi della malattia.

Ulteriori benefici dell'utilizzo di Sumamed per la terapia contro la clamidia saranno:

  • regime di trattamento semplice (il farmaco viene bevuto una volta al giorno);
  • basso rischio di effetti collaterali;
  • possibilità di utilizzo per il trattamento della clamidia in donne in gravidanza (piccolo rischio di effetti negativi sul feto);
  • un piccolo numero di controindicazioni;
  • la distruzione non solo degli agenti causali della clamidia, ma anche di altre infezioni urogenitali;
  • la capacità di condurre lo stesso stile di vita (quando si assume Sumamed, si dovrebbe rinunciare solo a bere);
  • costo accessibile.

In caso di intolleranza ai pazienti Sumamed, viene prescritto un altro antibiotico, che avrà l'effetto sui batteri nel trattamento della clamidia (più spesso eritromicina).

Regole della terapia

Il regime di trattamento per Sumamed con clamidia dipende dalla durata e dalla gravità dell'infezione.

Per la durata del flusso emettere:

  • Sharp. L'infezione si è verificata di recente.
  • Cronica. L'infezione è penetrata nel corpo per lungo tempo ed è asintomatica o con esacerbazioni periodiche, accompagnata dall'apparizione di segni di sensazione di bruciore durante la minzione e la comparsa di secrezione mucopurulenta dall'uretra o dalla vagina.

Come prendere Sumamed dipende dalla natura del flusso di clamidia.

acuto

Immediatamente dopo l'infezione, l'attività della clamidia è relativamente bassa, quindi Sumamed è prescritto a pazienti con clamidia secondo il seguente schema:

  • 1000 mg alla prima dose;
  • 500 mg nei 2 giorni successivi di trattamento.

È importante che il primo giorno venga preso "dose d'urto", che è il doppio del dosaggio per i successivi ricevimenti. Questo è necessario per creare una grande concentrazione del farmaco al centro dell'infiammazione.

Oltre a Sumamed, le supposte di interferone e i farmaci antibatterici di altri gruppi (tetracicline) dovrebbero essere usati per trattare la clamidia acuta.

cronico

Se la clamidia è diventata cronica, il trattamento sarà lungo. Al paziente viene prescritto l'antibiotico principale Sumamed e l'adiuvante antivirale e agente anti-immunitario Interferone in supposte o compresse.

Il regime di trattamento della forma cronica Sumamed di clamidia differisce dalla terapia effettuata nel processo acuto:

  • 500 mg al primo, settimo e quattordicesimo giorno di trattamento;
  • 1000 mg nei restanti giorni di terapia.

L'interferone è preso due volte al giorno.

Dopo 2 settimane, il paziente sta ripetendo l'analisi per la clamidia. Con gli indicatori del trattamento di successo, al paziente viene prescritta la somministrazione di Sumamed una volta alla settimana alla dose di 1000 mg.

La conduzione della terapia primaria per la clamidia è prescritta non solo al paziente, ma anche al suo partner abituale, anche se non sono stati identificati segni di malattia. Il decorso profilattico del farmaco (3 giorni, 500 mg ciascuno) evita lo sviluppo della malattia, se l'infezione si è manifestata successivamente o se un'immunità più forte ha parzialmente soppresso l'attività dei microrganismi patogeni.

Efficacia Sumamed in clamidia

Quanto bene Sumamed tratti la clamidia? Questa domanda viene spesso posta dai pazienti a cui viene prescritto questo antibiotico per eliminare i segni delle malattie sessualmente trasmissibili.

Per rispondere, è necessario considerare cosa succede nel corpo dopo aver preso il medicinale:

  • Dopo aver assunto il farmaco, la sostanza attiva Azitromicina viene attivamente assorbita attraverso le pareti dello stomaco e nel flusso sanguigno generale;
  • Con il flusso sanguigno, il farmaco viene consegnato al sito del processo infiammatorio, si deposita nell'area del fuoco patologico, e un'ora dopo la somministrazione, si nota una leggera diminuzione dei microrganismi patogeni;
  • L'effetto terapeutico massimo si verifica 6 ore dopo l'assunzione di Sumamed (la quantità necessaria del principio attivo viene accumulata) e inizia la morte dei batteri;
  • Con l'assunzione giornaliera regolare, la concentrazione terapeutica di Azitromicina viene mantenuta costantemente;
  • Dopo la sospensione del farmaco, i metaboliti formati nel corpo che conservano l'attività antibatterica iniziano lentamente ad essere espulsi dalla bile epatica attraverso l'intestino.

La rimozione della quantità principale di metaboliti avviene a 5-7 giorni. Questa proprietà di Sumamed consente, dopo una terapia d'urto nella clamidia cronica, di eseguire un trattamento a lungo termine senza danni per l'organismo, assumendo 1 compressa a settimana.

Secondo studi clinici, l'uso di Sumamed nella clamidia in quasi il 90% dei casi assicura il completo recupero da infezioni acute e croniche.

Perché la medicina non aiuta

"Il medico prescrive di prendere Sumamed con la clamidia, ma la medicina quasi non aiuta", a volte puoi sentire dai pazienti.

Considera le principali ragioni della bassa efficacia del farmaco:

  • Sono trascorsi meno di 6 mesi dal precedente ciclo di trattamento. L'uso frequente di farmaci porta ad una diminuzione della sensibilità al farmaco e ne riduce l'efficacia;
  • Assenze che assumono farmaci. La capacità di bere Sumamed una volta al giorno è considerata conveniente, ma allo stesso tempo, i pazienti possono dimenticare di prendere un'altra pillola. Nella clamidia acuta o nel trattamento iniziale della cronica, quasi non influisce sulla qualità del trattamento, poiché la concentrazione attiva dei metaboliti persiste a lungo. Di solito, si nota una riduzione dell'efficacia del farmaco quando la cura di follow-up per la clamidia cronica viene eseguita da una singola dose settimanale del farmaco. In questo caso, saltare la dose influisce negativamente sui risultati della terapia.

Un altro motivo per cui Sumamed non aiuta è che l'infezione non è causata da batteri, ma da funghi o virus. Ciò accade quando una persona con un'infezione a trasmissione sessuale è imbarazzata per andare dal medico e sta cercando un trattamento su Internet. Ma i sintomi della clamidia sono simili a quelli di altre infezioni urologiche o trasmesse sessualmente e Sumamed distrugge solo la flora batterica. Se dopo 3 giorni dall'assunzione del farmaco, la condizione non è migliorata, si dovrebbe visitare il medico e non auto-medicare.

Sumamed aiuta bene con la clamidia, distruggendo i patogeni, ma il trattamento deve essere prescritto da un medico. È importante ricordare che il regime posologico varia a seconda della forma e della gravità della malattia e una terapia antibiotica impropriamente somministrata non farà che aggravare il decorso della malattia, aumentando la resistenza dei microrganismi patogeni all'azione degli antibiotici macrolidici.

Trovato un errore? Selezionalo e premi Ctrl + Invio

Come assumere sumamed con la clamidia: regime di trattamento, dosaggio

Un'enorme varietà di farmaci del gruppo antibatterico suggerisce l'assenza di difficoltà nel trattamento, tuttavia, come dimostra la pratica medica, le tetracicline o i macrolidi sono più spesso prescritti, in particolare, sommati. Tuttavia, i medici dicono che, affinché la medicina per la clamidia abbia la massima efficacia, deve soddisfare i seguenti requisiti:

  • Attività microbiologica: almeno il 95%
  • Efficacia non solo contro i sintomi della malattia, ma anche nel caso di ammissione con la sua asintomatica
  • Il numero minimo di controindicazioni, compresa l'ammissibilità dell'uso nelle donne in gravidanza
  • Il regime di trattamento più semplificato (idealmente, una singola dose del dosaggio appropriato)
  • Non c'è bisogno di cambiare lo stile di vita del paziente
  • Minimi effetti collaterali possibili
  • Prezzo accessibile
  • La capacità nel trattamento della Chlamydia Sumamedom influenza contemporaneamente altre infezioni urogenitali

Sfortunatamente, nonostante il fatto che il trattamento con la clamidia abbia soddisfatto la maggior parte di questi requisiti, ma non tutti. Questo è il motivo per cui non si può sostenere che sia il miglior rimedio per la clamidia, ma comunque - il più preferito. Tuttavia, la proprietà più preziosa di questo farmaco è sicuramente considerata che sumamed con la clamidia può aiutare anche con un singolo uso, che riduce significativamente la probabilità di effetti collaterali e altri effetti spiacevoli.

Incominciato con la clamidia: dosaggio e regime

Il più grande problema di successo nel trattamento delle infezioni urogenitali era e rimane l'urgente necessità di seguire lo schema prescritto dal medico. Ad esempio, un corso progettato per 7 giorni potrebbe non essere utile anche se una persona salta una dose di medicinale il giorno 6. Purtroppo, questo porta alla necessità di ri-corso o anche la nomina di un altro farmaco. Il regime di trattamento per la clamidia sumamed, allo stesso tempo, implica una singola dose (nella stragrande maggioranza dei casi), vale a dire inizialmente manca la probabilità di mancare.

Tuttavia, ciò non significa che con la diagnosi prestabilita, è possibile acquistare e iniziare a utilizzare sumamed te stesso - la clamidia non sarà necessariamente eliminata, ma molti problemi potrebbero non essere evitati. Questo è spiegato da dosaggi diversi, quindi come prendere Sumamed con la clamidia, nessuno, tranne il medico, non sarà in grado di richiedere, e questo viene fatto solo dopo un esame completo e una diagnosi accurata. Per comodità dei pazienti, il farmaco è disponibile in diverse forme e dosaggi, che consente di scegliere il regime di trattamento ottimale per tutti, compresi i bambini e le donne in gravidanza.

È diventato possibile trattare la clamidia con una singola dose di antibiotici per la prima volta quando sumamed è apparso sul mercato farmaceutico. Allo stesso tempo, i medici dicono che l'efficacia di un tale schema è identica al trattamento di sette giorni con doxiciclina, e il numero di possibili effetti collaterali e controindicazioni è incomparabilmente inferiore. Nei casi avanzati, è consentito assumere la dose raccomandata tre volte e, poiché la concentrazione sufficiente per l'effetto terapeutico dura per una settimana, lo schema prevede l'uso di una pillola di sumamed a 7 giorni, tre volte. Allo stesso tempo, il dosaggio, come in tutte le altre situazioni in cui è necessario il trattamento delle infezioni urogenitali, viene selezionato individualmente per ciascun paziente.

Come trattare la clamidia con Sumamed?

Sumamed con la clamidia è usato nel trattamento delle forme acute e croniche di infezione innescate dai microrganismi Chlamydia trachomatis e Chlamydia pneumoniae. Il farmaco è un antibiotico del gruppo macrolidico-azaluro. L'azione farmacologica è fornita dal componente attivo azitromicina, che blocca la crescita e la riproduzione dei batteri patogeni sopprimendo la sintesi proteica all'interno delle loro cellule.

Forme di dosaggio e composizione

Una varietà di forme mediche Sumamed consente ai medici di usarlo nel trattamento della clamidia in pazienti di tutte le età. Il farmaco è prodotto sotto forma di:

  • compresse;
  • capsule;
  • polvere destinata alla preparazione della sospensione orale.

Compresse e capsule sono utilizzate nel trattamento dell'infezione da clamidia negli adulti e nei bambini in età scolare. La lotta contro l'infezione nei pazienti giovani viene effettuata utilizzando una sospensione.

La forma compressa del farmaco si presenta sotto forma di pillole blu rivestite con film con una smussatura. Le compresse sono posizionate nelle piastre delle cellule del contorno di 3 e 6 pezzi. Ogni confezione di cartone contiene un piatto di medicina.

Le capsule Sumamed hanno un corpo solido di gelatina bianca e blu. Il contenuto della forma di dosaggio è polvere bianca o giallo chiaro. Le capsule sono confezionate in 6 pezzi in blister, ognuno dei quali è posto in una scatola separata di cartone.

La polvere viene prodotta sotto forma di granuli di colore bianco o giallo chiaro, che, dopo la dissoluzione in acqua, si trasformano in una sospensione omogenea con un aroma di frutta e bacche. La polvere è all'interno di una bottiglia da 50 ml. Le bottiglie sono confezionate singolarmente in scatole di cartone e dotate inoltre di un misurino o di una siringa dosata.

Il principio attivo di tutte le forme di farmaco del farmaco è l'azitromicina diidrato. Il suo contenuto di massa in una compressa è 125 o 500 mg, in una capsula - 250 mg, in 5 ml di sospensione - 100 mg.

Come fa la clamidia

Sumamed - un agente antibatterico che viene utilizzato nel trattamento della clamidia, trasmessa sessualmente e dispersa nell'aria. Quando ingerito, l'azitromicina viene rapidamente assorbita dall'apparato digerente ed è uniformemente distribuita a tutti i tessuti e fluidi fisiologici del corpo. Una caratteristica del componente attivo è la sua capacità di concentrarsi non nel plasma sanguigno, ma nelle cellule affette da infezione da clamidia. Questo riduce l'impatto negativo del farmaco sul cuore, sul fegato e sulla milza.

L'emivita dell'azitromicina dal siero è di 40 ore, dalle cellule infette - 60 ore. La sostanza viene escreta dal corpo invariato principalmente attraverso l'intestino. Una piccola parte di esso (circa il 6-12%) viene escreta attraverso il tratto urinario.

Dosaggio per la clamidia

Trattamento della clamidia Sumamed viene eseguito dopo la conferma di laboratorio dell'infezione del paziente. La scelta della forma farmaceutica del farmaco dipende dall'età e dal peso corporeo del paziente.

Nello stomaco pieno di cibo, l'assorbimento di azitromicina rallenta, quindi si consiglia di consumare il medicinale 1 ora prima dei pasti o 2 ore dopo il suo completamento. Le compresse e le capsule sono prese nel loro complesso, senza masticare e lavare giù con il volume d'acqua richiesto. La sospensione prima dell'uso deve essere misurata con un cucchiaio o una siringa e ingerita con acqua o succo.

Quando si usa Sumamed con la clamidia, il regime di trattamento deve essere determinato dal medico. Nella sua preparazione, lo specialista prende in considerazione lo stadio della malattia e la presenza di patologie concomitanti nel paziente. Nella forma acuta di infezione da clamidia, l'azitromicina viene prescritta contemporaneamente a probiotici ed epatoprotettori. Il trattamento della clamidia cronica viene di solito eseguito prendendo Sumamed in parallelo con epatoprotettori, cardioprotettori, immunostimolanti, probiotici e altri gruppi di farmaci.

Il paziente durante il trattamento è necessario ricordare che l'uso del farmaco in dose insufficiente o il sistema sbagliato non porterà il recupero previsto. Per garantire il successo della terapia antibiotica, il paziente poche settimane dopo il suo completamento è consigliabile ripetere il test per la clamidia.

Controindicazioni

Prima di assumere Sumamed, il paziente deve avere familiarità con l'elenco delle controindicazioni a lui. Non prendere questo strumento per le persone che soffrono di:

  • ipersensibilità alle sue componenti costitutive;
  • intolleranza individuale a macrolidi o chetolidi;
  • insufficienza renale o epatica.

Ogni forma medica di Sumamed ha i propri limiti di età in uso. È vietato l'uso di compresse da 500 mg e capsule da 250 mg nel trattamento della clamidia nei bambini di età inferiore ai 12 anni. L'assunzione della forma compressa del farmaco con un dosaggio di azitromicina 125 mg è controindicata nei pazienti fino a 3 anni. La sospensione orale Sumamed, ottenuta dalla polvere, è vietata ai bambini di età inferiore ai 6 mesi.

Le informazioni sulla sicurezza dell'uso di Sumamed durante la gravidanza non sono disponibili, pertanto, dovrebbe essere prescritto alle donne durante il periodo di gravidanza solo in caso di emergenza. L'azitromicina si trova nel latte materno, ma il suo effetto sul corpo dei neonati non è stato adeguatamente studiato. A questo proposito, nominare Sumamed da clamidia a madri in allattamento con prudenza.

Effetti indesiderati da prendere

Durante l'uso di azitromicina, le persone possono sperimentare effetti collaterali da vari sistemi e organi. L'elenco degli eventi avversi antibiotici comuni include:

  • mal di testa;
  • dolore epigastrico;
  • eruttazione;
  • nausea, vomito;
  • diarrea;
  • rottura del fegato;
  • dolore ai reni;
  • disuria;
  • aritmia;
  • palpitazioni;
  • abbassare la pressione sanguigna;
  • vampate di calore;
  • sonnolenza;
  • reazioni allergiche (orticaria, rash, prurito, anafilassi, dermatite, fotosensibilizzazione);
  • dolore muscolare e articolare;
  • gonfiore;
  • rash cutaneo;
  • anoressia;
  • candidosi vaginale (nelle donne).

La pratica medica conosce casi di pazienti che usano azitromicina, insufficienza renale acuta, insonnia, vertigini, allucinazioni, sindrome convulsiva, sincope, disturbi visivi e uditivi, emorragie interne, alterazioni della composizione del sangue, ecc. Nel trattamento della clamidia, ecc. effetti indesiderati della terapia, il paziente deve visitare il medico.

Sumamed può provocare vertigini, sonnolenza e altri sintomi in una persona, influenzando la capacità di concentrazione. A questo proposito, i pazienti che guidano veicoli o lavorano con macchinari potenzialmente pericolosi dovrebbero astenersi dall'eseguire le attività descritte per l'intero periodo di trattamento per l'infezione da clamidia.

Metodo di acquisizione e costo

Puoi acquistare Sumamed in farmacia se hai una prescrizione. Il prezzo medio di 125 mg compresse è di 330 rubli, 500 mg compresse - 440 rubli per confezione. Il paziente dovrà pagare circa 420 rubli per l'imballaggio originale delle capsule Sumamed, 210 rubli per una bottiglia di polvere per la preparazione delle sospensioni.

Valutazione del paziente

I pazienti che dovevano curare la Chlamydia Sumamed, lasciano feedback positivi su questo antibiotico. L'uso di fondi in conformità con il regime di trattamento stabilito dal medico consente di sbarazzarsi di clamidia per 1 corso di trattamento. Le reazioni avverse che si sviluppano durante la terapia sono lievi nella maggior parte dei pazienti e scompaiono poco dopo l'assunzione dell'antibiotico.

Studio dell'efficacia del farmaco Somministrato nel trattamento della clamidia urogenitale cronica in coppie sposate

È stata dimostrata l'esperienza positiva dell'uso del gruppo macrolidico antibatterico SUMAMEDA (azitromicina) in 30 coppie sposate con chlamidiosi urogenitale cronica. L'alta efficacia e buona tollerabilità del farmaco nei pazienti. L'effetto clinico positivo su vari indicatori è stato raggiunto nell'83,3-100%. L'effetto microbiologico mediante PCR è stato raggiunto nel 95,0% dei pazienti e con ELISA la riduzione e l'assenza di anticorpi è stata raggiunta nel 95,0% dei pazienti.

INTRODUZIONE

La clamidia urogenitale è uno dei seri problemi medici e sociali. Questa infezione è diffusa in vari paesi del mondo e le sue percentuali sono in costante aumento. Secondo l'OMS, l'infezione da clamidia è al secondo posto tra le malattie a trasmissione sessuale dopo le infezioni da trichomonas.

Le informazioni sulle infezioni da clamidia sono contenute anche nell'Antico Testamento, nelle antiche fonti cinesi e dell'antico Egitto, dove la congiuntivite e il trachoma trachomatoso sono principalmente coperti. Pertanto, la clamidia è conosciuta fin dai tempi antichi. Tuttavia, la maggior parte di essi non è stata riconosciuta a causa dell'assenza o dell'imperfezione della diagnostica di laboratorio. La cosiddetta uretrite amicrobica o asettica negli uomini, come si è scoperto in seguito, infatti, e, per la maggior parte, è di natura clamidiale. Insieme a questo, la clamidia è spesso combinata con altri microrganismi, che sono molto più facili da trovare e, abbastanza naturalmente, scambiati per la causa della malattia. Un chiaro esempio è la recente opinione che la maggior parte dell'uretra non gonococcica sia dovuta a batteri banali. Nelle condizioni moderne è assolutamente accertato che tale uretrite negli uomini e la maggior parte delle infiammazioni "non specifiche" dei genitali nelle donne sono anche indotte dalla clamidia. La clamidia urogenitale è considerata una "malattia di nuova generazione" non perché si tratta di una nuova infezione, ma a causa del fatto che il livello di diagnostica di laboratorio è notevolmente aumentato. Nuovi metodi di ricerca sono emersi per determinare il ruolo della clamidia nella patologia umana.

Nella letteratura nazionale fornisce dati molto controversi sulla prevalenza della clamidia urogenitale. Così, quando si esaminano gli uomini con malattie infiammatorie del tratto urogenitale, trovato prevalenza di infezione da Chlamydia (82,2%), nelle sue varie forme di realizzazione: monoinfezione e misti Chlamydia-Ureaplasma, Chlamydia, gonorrea e clamidia-gardnerelloznaya.

La clamidia è microrganismi intracellulari obbligatori patogeni gram-negativi piccoli. La dimensione della cellula di clamidia è tale da occupare una posizione intermedia tra batteri e virus. Non sono rappresentanti della normale microflora dell'uomo.

La rilevazione della clamidia indica, di regola, la presenza di un processo infettivo e l'assenza di sintomi clinici della malattia deve essere considerata come un equilibrio temporaneo tra il parassita e l'ospite.

Chlamydia sono microrganismi con una struttura caratteristica per procarioti. Hanno la forma di piccoli cocchi gram-negativi. Questi sono parassiti intracellulari obbligati con uno speciale ciclo di sviluppo, che comprende due forme di esistenza di microrganismi, differenti nella loro morfologia e proprietà biologiche, che sono chiamate corpi "elementari" e "reticolari (iniziali)".

La clamidia non è in grado di produrre energia autonomamente perché non ha i propri mitocondri e vive sull'energia della cellula ospite che ha infettato. Il corriere dei segni specifici della clamidia sono i corpi elementari. Non hanno analoghi tra i batteri. I corpi elementari sono metabolicamente inattivi e quindi sono quasi insensibili agli antibiotici. Essendo fagocitati da una cellula sensibile, formano microcolonie nel suo citoplasma. Le cellule sensibili per la clamidia sono l'epitelio cilindrico delle membrane mucose, cellule epiteliali di vari organi, cellule del reticoloendotelio, globuli bianchi, monociti e macrofagi. Fagocitato dalla cellula ospite, il corpo elementare della clamidia è circondato da una conchiglia. In questo vacuolo, un corpo elementare si trasforma in un corpo reticolare. Il corpo reticolare ha un diametro 3 volte maggiore e si distingue per l'attività metabolica pronunciata, ma non forma la sua energia, ma vive a spese della cellula ospite. Come altri batteri, i corpi reticolari subiscono una divisione, e alcuni di essi iniziano a diminuire di dimensioni, compattati e trasformati in corpi elementari. In conclusione, una microcolonia di clamidia si forma all'interno della colonia citoplasmatica, costituita da corpi reticolari ed elementari. Questa microcolonia dopo 24-72 ore raggiunge le dimensioni di un leucocita ed è chiaramente visibile in un microscopio ottico. La microcolonia rompe la parete cellulare e diverse centinaia di corpi elementari e reticolari di nuova formazione entrano nello spazio extracellulare. Nuovi corpi elementari sono di nuovo fagocitati da cellule sensibili e l'infezione sta progredendo.

Un corpo elementale può produrre fino a 1000 unità infettive. La fase iniziale del ciclo di sviluppo continuerà per 18-24 ore, dopo di che i corpi reticolari saranno riorganizzati in quelli elementari, quindi rilasciati dal fagosoma e infettano altre cellule. Il tempo richiesto per il ciclo di sviluppo completo varia da 24 a 48 ore.

A causa del ciclo unico di sviluppo, questi organismi sono stati isolati in un ordine separato «Chlamydiales», comprendente una famiglia di «Chlamydiaceae», contenente un tipo di «Chlamydia», combinando due tipi di «Chl. trachomatis "e" Chl. psittaci ». Tutta la clamidia ha un antigene comune, che è un complesso polisaccaridico. Utilizzando l'immunofluorescenza, patogeno per l'uomo Chl. trachomatis sono differenziati in 15 sierotipi. I sierotipi L1, L2, L3 sono associati a lymphogranuloma venerea, sierotipi A, B, Ba e C - con trachoma iperendemico, sierotipi D, E, F, G, H, I, J, K causano infiammazione del tratto urogenitale e malattie degli occhi.

La clamidia è altamente sensibile all'azione delle radiazioni ultraviolette a onde corte e lunghe e alle alte temperature. Quindi, a 37 ° C, la clamidia extracellulare perde l'infettività entro 24-36 ore. Allo stesso tempo, è stata stabilita la possibilità di mantenere l'infettività del materiale infetto per un massimo di 2 giorni ad una temperatura di 18-19 ° C. ceppi urogenitale Chlamydia sono molto sensibili al 70% di etanolo, una soluzione di 0,5% fenolo, 2% di soluzione disinfettante di soluzione di nitrato d'argento 0,05%, soluzione di ioduro di potassio allo 0,1%, una soluzione allo 0,5% di permanganato di potassio. Insieme a questo, una soluzione di cloramina allo 0,5% ampiamente utilizzata non è in grado di inattivare i ceppi urogenitali di clamidia anche con un'esposizione di 10 minuti. A una temperatura di 18-19 ° C, questi stessi ceppi possono rimanere vitali in acqua normale per un massimo di 5 giorni.

Epidemiologia

L'infezione avviene attraverso il sesso, principalmente in uomini e donne in età sessuale attiva. La frequenza di rilevamento della clamidia nello scarico degli organi urinari dei partner sessuali è del 70-40%. La trasmissione non sessuale di infezione da clamidia (attraverso le mani contaminate da scarichi infetti, biancheria intima, ecc.) Non ha alcun significato epidemiologico significativo, sebbene debba anche essere presa in considerazione.

L'alta incidenza dell'infezione da clamidia nei neonati durante il parto attraverso il loro passaggio attraverso canali di nascita infetti, così come la trasmissione intrauterina di infezione, è chiaramente stabilita.

Per lo più persone che sono al culmine della loro attività sessuale sono malate - uomini di 19-28 anni e donne di 26-40 anni. È stato osservato che le persone con un basso livello sociale e culturale, che non sono igieniche e ignoranti in materia di cultura sessuale, spesso si ammalano. Infezione di Chl. trachomatis è attualmente l'infezione sessualmente trasmissibile più comune.

Secondo molti autori nazionali clamidia genitale in presenza di segni clinici di infiammazione (endocervite, endometrite, annessite) si verifica nel 11-84% dei pazienti di sesso femminile, mentre nelle donne senza la presenza di manifestazioni cliniche e sensazioni soggettive clamidia è stato rilevato nel 11,8-30, 7%, hanno avuto una gravidanza con complicazioni - il 22,5% si è concluso in aborto nelle prime fasi e il 9% ha sviluppato una gravidanza tubarica. Pertanto, i dati ottenuti da diversi autori nazionali, suggeriscono diffusa clamidia nella popolazione, l'ampia distruzione di infezione da Chlamydia delle varie parti degli organi urogenitali come minore, e in aumento, l'impatto di infezione durante la gravidanza, il verificarsi di infertilità.

L'immunità geneticamente determinata nell'infezione da clamidia umana è assente. È anche ovvio che la malattia trasferita non crea una forte immunità. In varie forme di infezione da clamidia, la risposta immunitaria del microrganismo non è la stessa. Con forme strettamente localizzate di infezione urogenitale con una limitata diffusione del processo infiammatorio, la stimolazione antigenica intensiva del sistema immunitario da parte della clamidia è difficilmente possibile, dato che hanno una debole attività immunogenica. Tuttavia, in risposta all'infezione da clamidia del sistema genito-urinario, il macroorganismo include una serie di meccanismi di immunità cellulare e umorale, utilizzando anche fattori di protezione non specifica. In una infezione da clamidia, il corpo produce anticorpi specifici per l'agente eziologico delle classi M, G, A. L'IgM viene rilevata in uno stadio precoce della risposta immunitaria. La sua quantità principale è concentrata nel flusso sanguigno. L'emivita è di 5 giorni. Ha un effetto stimolante sulla sintesi delle IgG. IgG - la classe dominante di immunoglobuline nel siero, fino al 90% di tutti gli anticorpi. Circa il 48% della sua quantità è fuori dalla circolazione sanguigna, passa attraverso la barriera placentare. L'emivita è di 23 giorni. L'affinità delle IgG con i determinanti antigenici della clamidia aumenta con lo sviluppo della risposta immunitaria.

Lesioni tropiche di clamidia negli uomini: l'uretra viene principalmente colpita e quindi altri organi (ghiandola prostatica, vescicole seminali, epididimo). L'uretrite da clamidia è spesso accompagnata da prostatite, i cui segni sono rilevati in oltre il 46% dei pazienti con esame mirato, mentre il 15,7% dei pazienti contemporaneamente a prostatite da clamidia presenta vesciculite. Con il trattamento ritardato o con una terapia insufficientemente prolungata, la pielonefrite cronica si sviluppa spesso. Chlamydia, che vivono negli organi urogenitali e causare infiammazione locale, sono anche agenti causali oftalmohlamidioza, polmonite e altri. Il rapporto tra clamidia con la funzione riproduttiva ridotta negli uomini e nelle donne.

Gli studi hanno dimostrato che il 53,7% degli uomini con clamidia soffrono di infertilità. Hanno pronunciato patologia dello sperma. l'oligo e l'azoospermia si osservano con epididimite da clamidia. La clamidia può attaccarsi agli spermatozoi e raggiungere non solo le tube di Falloppio, causando la loro ostruzione, ma anche entrare nella cavità addominale, causando malattie degli organi interni.

Attualmente, la Chlamydia trachomatis è riconosciuta come l'agente eziologico di numerose malattie infiammatorie ostetriche e ginecologiche. Chlamydia può causare infiammazione e fuori della sfera sessuale, come periepatite (Fitz-Hugh sindrome Curtis), e episplenitis perinefrit combinato con salpingiti, pelvioperitonitom et al. Clamidie rilevato nel 5-10% dei pazienti reparti ginecologia, y 1-8 % di donne incinte, nel 20-30% delle donne che sono in regime ambulatoriale per malattie sessualmente trasmissibili. Di norma, nelle donne con frequenti cambiamenti di partner sessuali, la frequenza delle infezioni da clamidia è molto alta. Così, la frequenza di cervicite da Chlamydia nelle donne, portando promiscuo, 20-25 volte superiore al numero di casi della stessa eziologia di cervicite tra le donne con un partner sessuale e di evitare il sesso casuale, e il processo per Chlamydia spesso asintomatica o oligosintomatico. Nelle donne infette, il canale cervicale è più spesso colpito, dopo di che può verificarsi un'infezione ascendente, che coinvolge l'utero, le tube di Falloppio, le ovaie e il peritoneo. Spesso, nei pazienti con cervicite da clamidia vengono rilevati anche altri microrganismi (gonococchi, ureaplasmi). Allo stesso tempo, in alcuni casi, ha luogo la vaginosi batterica. La cervicite da eziologia da clamidia è determinata nel 12-60% dei pazienti con malattie infiammatorie non gonococciche degli organi genitali. L'infezione da clamidia spesso colpisce la cervice e l'uretra allo stesso tempo. La posizione bassa dell'apertura esterna dell'uretra, la vagina stretta, soprattutto nelle donne non nate, crea le condizioni per l'infezione primaria, spesso combinata con l'infezione da clamidia dei dotti parauretrali e delle cripte. La clamidia dall'uretra è in grado di penetrare nella vescica, causando cistite e uretrite. È stata anche osservata la possibilità di introduzione di clamidia con lo scarico dalla cervice nel retto. La proctite da clamidia è spesso caratterizzata da un decorso clinicamente asintomatico ed è determinata mediante esame con metodi di laboratorio per l'individuazione della clamidia. L'infezione da clamidia può causare endometrite e salpingite. A volte può verificarsi endometrite postpartum. con endometrite o salpingite la clamidia può essere rilevata dagli organi genitali esterni staccabili, così come la laparoscopia diagnostica.

L'infezione da clamidia localizzata negli organi urinari femminili predispone all'insorgere della patologia della gravidanza ed è anche la fonte dello sviluppo di varie infezioni da clamidia nel neonato. L'infezione del tratto genitale delle donne in gravidanza ha un importante significato epidemiologico come fonte dell'agente causale delle infezioni perinatali. L'infezione di neonati con clamidia durante il parto porta a congiuntivite e polmonite. I neonati osservano anche l'infiammazione dell'orecchio medio e del nasofaringe. Insieme a questo, l'infezione da clamidia della cervice della madre può portare alla corionamnionite. Attualmente, la trasmissione intrauterina di infezione è dimostrata. In questi casi, abbastanza spesso c'è una rottura prematura della bolla amniotica e la nascita di un bambino prematuro, una diminuzione del peso dei neonati, un aumento della morbilità e della mortalità perinatale.

Per la clamidia urogenitale, oltre alla manifestazione, è caratteristico un decorso asintomatico.

La localizzazione, la gravità e la durata di queste manifestazioni patologiche, così come le loro conseguenze determinano i sintomi clinici, riflettono la forma del processo infettivo e la natura della malattia. L'infezione urogenitale da Chlamydial è limitata alla localizzazione nel focus primario. Il modo principale di catturare nuovi "territori" è una consistente sconfitta dello strato epiteliale della mucosa degli organi urinari durante la diffusione dell'infezione al di sopra del transcanale. Riconoscendo il ruolo potenziale di pre-sensibilizzazione, specialmente quando infezione ascendente, si deve sottolineare che una diversa intensità del processo patologico durante l'infezione primaria degli organi urogenitali dipende dalla virulenza del ceppo infettante e la reattività del sistema immunitario del corpo del paziente.

Il quadro clinico delle malattie degli organi urinari, dovuto alla clamidia, differisce dal gonococco principalmente nella minore acuità del processo infiammatorio, la maggiore frequenza di complicazioni e la persistenza in relazione alla terapia. Nelle donne, la clamidia causa una grave patologia della parte inferiore ed è accompagnata in alcuni casi dallo sviluppo di infezione ascendente, dalla comparsa di processi infiammatori pelvici, dall'infertilità, dall'infezione del neonato. Il più spesso, e particolarmente, la clamidia infetta la cervice, da dove, come da un bacino idrico, il processo si diffonde all'uretra, all'utero, alle tube di Falloppio. Il periodo di incubazione per la clamidia varia tra 15-35 giorni. Una caratteristica specifica del decorso clinico del processo infiammatorio nella clamidia degli organi urinari è asintomatica o asintomatica. Una forma pronunciata di clamidia con abbondanti secrezioni, iperemia delle membrane mucose, fenomeni disurici e sensazioni dolorose negli uomini è rara, e nelle donne è casistica. Le forme lente della malattia sono molto più comuni. Negli uomini con clamidia, iperemia moderata e gonfiore delle spugne dell'uretra, a volte il prepuzio del pene, scarso scarico mucopurulento viene rilevato all'esame. Con una lesione totale dell'uretra e il processo ascendente è possibile il dolore. Nelle donne, la clamidia si manifesta con un aumento delle secrezioni, ci può essere dolore nel basso ventre e nel sacro durante e dopo il rapporto, dolore durante la minzione. La malattia spesso procede senza sensazioni soggettive e con manifestazioni cliniche minime.

L'infezione urogenitale da clamidia spesso assume una forma subacuta, cronica o persistente, meno spesso causa processi infiammatori acuti. Il quadro clinico della malattia dipende dal tempo trascorso dall'infezione, dalla topografia della lesione e dalla gravità delle reazioni locali e generali del microrganismo. Questi fattori causano una varietà di manifestazioni cliniche di forme manifeste di infezione da clamidia, così come il suo decorso asintomatico.

Nella clamidia cronica, la durata dell'infezione supera i 2 mesi. Il processo cronico è caratterizzato da una forma cancellata della malattia, a volte asintomatica. Le manifestazioni cliniche possono peggiorare immediatamente dopo il rapporto sessuale, provocazione alimentare. Leucocituria non è sempre pronunciata e spesso è accompagnata da flora batterica, i fenomeni disurici sono intermittenti. Tra le complicazioni, ai pazienti viene diagnosticata la prostatite o la salpingo-ooforite.

A seconda della posizione negli uomini, si distinguono le infiammazioni da clamidia dell'uretra, della prostata, dell'epididimo e nelle donne, il canale cervicale e altre aree dell'apparato urogenitale. Nella maggior parte dei casi, vari organi del sistema urogenitale sono contemporaneamente colpiti.

DIAGNOSI

Un ruolo importante nella lotta contro la clamidiosi urogenitale è svolto da una diagnosi tempestiva e di alta qualità. Tuttavia, la diagnosi di laboratorio di clamidia è ancora difficile. I metodi più comunemente usati sono: colorazione microscopica - citologica, metodi di immunofluorescenza diretta e indiretta, coltura - isolamento del patogeno nella coltura cellulare. Sono proposti metodi molecolari biologici e immunocromatografici più complessi.

I metodi citologici includono la colorazione di preparati fissi da materiali clinici secondo Romanovsky-Giemsa, che consente di identificare inclusioni nelle cellule epiteliali. Tuttavia, questo metodo ha bassa sensibilità e richiede una notevole quantità di tempo per rilevare l'agente patogeno.

Dai metodi sierologici per la diagnosi di clamidia uno dei primi ha iniziato a utilizzare il legame di fissazione del complemento (RAC). Tuttavia, questo test ha una bassa sensibilità e fornisce una percentuale significativa di risultati falsi positivi. Secondo vari autori, il RAC è consigliabile utilizzare solo come test di qualificazione.

Allo stato attuale, il metodo di immunofluorescenza diretta (PIF) utilizzando anticorpi monoclonali è ampiamente utilizzato per la diagnosi di clamidia in tutti i paesi. Questo metodo ha una sensibilità e una specificità sufficientemente elevate ed è più spesso utilizzato nel nostro paese come test diagnostico per la clamidia. Lo svantaggio del fondo comune è che non può essere utilizzato nella valutazione dei risultati del trattamento, poiché questo metodo non consente di determinare la vitalità del microrganismo.

Recenti studi hanno dimostrato che la reazione a catena della polimerasi (PCR) è un metodo diagnostico altamente efficace, comprese forme latenti e asintomatiche di clamidia urogenitale.

TRATTAMENTO

I metodi di trattamento per la clamidia urogenitale si basano sull'uso di antibiotici di vari gruppi. Allo stesso tempo, le peculiarità biologiche di questo patogeno dovrebbero essere prese in considerazione. Chlamydiae ha non solo alta tropismo per le cellule epiteliali nelle lesioni, ma anche in grado di persistere nelle cellule epiteliali membranoogranichennyh zone, che permette ai microrganismi di rimangono intatti durante la terapia antibiotica e può portare a un trattamento inefficace. A questo proposito, è consigliabile usare non solo mezzi etiotropici, ma anche patogenetici. Tutti i pazienti con clamidia, indipendentemente dalla gravità del quadro clinico da trattare. Assicurati di trattare e i loro partner sessuali.

Farmaci tetracicline, macrolidi, fluorochinoloni hanno un marcato effetto etiotropico sulla clamidia. L'antibiotico viene prescritto contemporaneamente all'immunoterapia e alla successiva nomina del trattamento locale.

La terapia prevede l'inclusione di un immunomodulatore nel complesso di agenti terapeutici (timina, timogeno, ciclofone, Kagocel, ecc.), Un antibiotico e un farmaco per prevenire lo sviluppo di lesioni candidose. Attualmente, la preferenza è data agli antibiotici capaci di cumulo intracellulare (tetracicline, fluorochinoloni, macrolidi).

I fluorochinoloni sono i farmaci più comunemente prescritti e, recentemente, nuovi antibiotici: gli azaluri.

Il primo rappresentante di questo gruppo è l'azitromicina (sumamed).

Farmacodinamica. L'azitromicina è un rappresentante di un nuovo sottogruppo di antibiotici macrolidi - azaluri. Associato con la subunità dei microrganismi sensibili al ribosoma 70S 50S, inibendo la sintesi proteica RNA-dipendente, rallenta la crescita e la riproduzione dei batteri, con alte concentrazioni possibili effetto battericida.
Ha una vasta gamma di azione antimicrobica. Gram-coli coca è sensibile al farmaco - Streptococcus pneumoniae, S. pyogenes, S.agalactiae, streptococchi di gruppi C, F e G, S. viridans; Staphylococcus aureus; Batteri Gram-negativi - Haemophilus influenzae, H. parainfluenzae, Moraxella catarrhalis, Bordatella pertussis, B. parapertussis, Legionella pneumophila, H.ducrei, Campylobacter jejuni, Neisseria gonorrhoeae, Gardnerella vaginalis alcuni microrganismi anaerobici - Bacteroides bivius, Clostridium perfringens, specie Peptostreptococcus, così come Chlamydia trachomatis, Mycoplasma pneumoniae, Ureaplasma urealyticum, Treponema pallidum, Borrelia burgdoferi. Non altera i microrganismi gram-positivi resistenti all'eritromicina.
Farmacocinetica. Dopo l'ingestione l'azitromicina viene rapidamente assorbita dal canale alimentare. La biodisponibilità è circa del 37% (effetto "primo passaggio"). La concentrazione massima nel siero è raggiunta dopo 2,5-3 ore ed è 0,4 mg / l se assunto per via orale 500 mg di azitromicina. Il farmaco penetra bene nel tratto respiratorio, negli organi e nei tessuti del tratto urogenitale, in particolare nella ghiandola prostatica, nella pelle e nei tessuti molli. La concentrazione del farmaco nei tessuti e nelle cellule è 10-100 volte superiore rispetto al siero. Livelli plasmatici stabili vengono raggiunti dopo 5-7 giorni. Il farmaco si accumula in grandi quantità nei fagociti, trasportandolo nei siti di infezione e infiammazione, dove viene gradualmente rilasciato nel processo di fagocitosi.

Si lega con proteine ​​in proporzione inversa alla concentrazione nel sangue (7-50% del farmaco). Circa il 35% è metabolizzato nel fegato dalla demetilazione, perdendo attività. Più del 50% della dose viene escreta nella bile immodificata, circa il 4,5% viene escreto nelle urine entro 72 ore.

L'emivita plasmatica è di 14-20 ore (nell'intervallo di 8-24 ore dopo l'assunzione del farmaco) e di 41 ore (nell'intervallo di 24-72 ore). L'assunzione di cibo modifica in modo significativo la farmacocinetica. Con l'età, i parametri farmacocinetici non cambiano negli uomini (65-85 anni), nelle donne aumenta Conmax del 30-50%.

Dosaggio e somministrazione. L'azitromicina per le malattie infiammatorie croniche degli organi genitali negli uomini e nelle donne viene assunta una volta al giorno, un'ora prima dei pasti o 2 ore dopo i pasti 1 g (4 compresse), e poi 500 mg (2 compresse) N. 4 con un intervallo di 4 giorni. Totale per il corso - 3000 mg.

Effetti collaterali L'azitromicina causa raramente reazioni avverse. Possibili complicazioni del canale alimentare (gonfiore, nausea, vomito, diarrea, dolore addominale). Nella maggior parte dei casi, gli effetti indesiderati sono lievi e non richiedono l'interruzione del farmaco. Forse un aumento transitorio e moderato dell'attività degli enzimi epatici, neutropenia, raramente - neutrofilia ed eosinofilia, ittero colestatico, dolore toracico, palpitazioni. A volte sonnolenza, nefrite, vaginite, candidosi, desensibilizzazione sono possibili, nei bambini: nervosismo, insonnia, congiuntivite. 2-3 settimane dopo la cessazione del trattamento, le figure alterate tornano alla normalità. Le reazioni cutanee (rash) si verificano molto raramente.

Controindicazioni. Il farmaco è controindicato in caso di ipersensibilità agli antibiotici macrolidici; con gravi violazioni del fegato, durante la gravidanza e l'allattamento (al momento del trattamento, l'allattamento al seno è sospeso).

Caratteristiche dell'applicazione. In connessione con le peculiarità della farmacocinetica del farmaco con le indicazioni sopra riportate per l'uso, non è necessario utilizzare il farmaco per un tempo più lungo di quello specificato nelle istruzioni. Per gli anziani, non è necessario modificare la dose. Non è raccomandato prescrivere il farmaco durante i periodi di gravidanza e allattamento. È necessario utilizzare accuratamente Azitromicina in pazienti con gravi violazioni della funzione escretoria dei reni e del fegato, con aritmie cardiache (aritmie ventricolari e prolungamento dell'intervallo QT sono possibili). Dopo l'interruzione del farmaco, in alcuni pazienti possono persistere reazioni di ipersensibilità che richiedono una terapia specifica sotto la supervisione di un medico. Con una lieve compromissione della funzionalità renale (clearance della creatinina superiore a 40 ml / min), non è necessario un aggiustamento della dose.

Interazione con altri farmaci. Gli antiacidi rallentano l'assorbimento di azitromicina, quindi è necessario assumere farmaci con un intervallo di almeno 2 ore.
Nessuna interazione del farmaco con teofillina, anticoagulanti orali, carbamazepina, fenitoina, triazolam, digossina, ergotamina, ciclosporina.

MATERIALI E METODI

Lo studio è stato condotto sulla base del Dipartimento di Sessopatologia e Andrologia dell'Istituto di Urologia dell'Accademia delle Scienze Mediche dell'Ucraina.

Lo scopo di questo studio è di investigare l'efficacia clinica e la sicurezza del farmaco SUMAMED nel trattamento della clamidosi urogenitale in una coppia sposata.

Gli obiettivi di questo studio sono:

  • esplorare l'efficacia clinica di SUMAMED nel trattamento della clamidia urogenitale in una coppia sposata;
  • determinare le indicazioni e i regimi ottimali dell'uso del farmaco SUMAMED nel trattamento della clamidia urogenitale in una coppia sposata;
  • per valutare la tollerabilità e il profilo degli effetti collaterali del farmaco SUMAMED nel trattamento della clamidia urogenitale in una coppia sposata.

Criteri per l'inclusione dei pazienti nello studio:

  • coppie sposate;
  • diagnosi: malattie croniche non specifiche della sfera urogenitale;
  • la capacità del paziente di cooperare adeguatamente nel processo di ricerca.

Criteri per escludere i pazienti dallo studio:

  • ipersensibilità ai farmaci o ai suoi componenti nella storia;
  • la presenza di malattie scompensate o condizioni acute che possono influenzare significativamente i risultati dello studio;
  • l'incapacità del paziente di rifiutare di assumere alcol e / o droghe durante il periodo di studio;
  • partecipazione a qualsiasi altra sperimentazione clinica negli ultimi 3 mesi.

Condizioni per l'eliminazione dei pazienti dallo studio.

  • idiosincrasia del farmaco studiato;
  • il verificarsi del paziente durante lo studio di effetti collaterali gravi e / o inattesi;
  • deterioramento significativo della condizione generale durante il periodo di studio;
  • mancato rispetto delle modalità di somministrazione del farmaco;
  • rifiuto del paziente di partecipare allo studio

SCHEMA DELL'INDAGINE DEL PAZIENTE. Tutte le coppie esaminate nella dinamica prima e dopo il trattamento. Nel corso dello studio, i pazienti inclusi nel test sono stati esaminati utilizzando metodi clinici, di laboratorio e strumentali secondo i seguenti parametri: un esame obiettivo; ricerca di laboratorio; esame ecografico; emocromo completo (eritrociti, emoglobina, leucociti, piastrine, ESR, formula dei leucociti); analisi delle urine (proteine, glucosio, cellule epiteliali, globuli bianchi, eritrociti, cilindri, sali, muco). La registrazione dei reclami soggettivi del paziente è stata effettuata secondo i seguenti parametri: sindrome del dolore; disturbi della minzione.

Il regime di trattamento dei farmaci sperimentali.

Per ottenere un effetto antibatterico, il farmaco SUMAMED è stato somministrato in un dosaggio una volta al giorno, un'ora prima dei pasti o 2 ore dopo i pasti secondo il seguente schema:

1 g alla prima dose, e poi 500 mg №3 con un intervallo di 4 giorni.

Totale per il corso - 3000 mg.

Il metodo di applicazione presentato ha fornito la massima conformità per il gruppo di pazienti studiato.

Trattamenti aggiuntivi Interazione con altri farmaci. Al momento dello studio, è stata autorizzata la prescrizione di medicinali usati per il trattamento delle principali malattie associate. Quando si prescrive la terapia concomitante, è stata esclusa la possibilità della sua influenza sui risultati dello studio. Per correggere lo stato immunitario e migliorare la penetrazione dell'antibiotico nella zona infiammatoria, sono stati prescritti immunomodulatori (timina, timogeno, taktivina), induttori di interferone (kagocel, cicloferon, neovir), enzimi proteolitici (chimotripsina) o terapia enzimatica sistemica (wobenzyme). I pazienti hanno anche ricevuto un trattamento sintomatico, fisioterapia (laserterapia, terapia magnetica), farmaci antifungini, vitamine.

VALUTAZIONE DELL'EFFICIENZA

Criteri di efficacia: riduzione delle principali manifestazioni cliniche della malattia; dinamica positiva dei parametri di laboratorio; riduzione dei reclami caratteristici dal paziente; studi strumentali di dati positivi dinamici.

Valutazione dell'efficacia del farmaco in studio Quando si stabilisce il criterio per la cura delle malattie infiammatorie croniche degli organi genitali negli uomini e nelle donne, è necessario distinguere tra recupero eziologico e clinico. Con recupero eziologico si intende la persistente scomparsa di agenti patogeni dopo il trattamento. La cura viene stabilita usando il metodo di ricerca batterioscopica e culturale. Dopo la fine del trattamento il 7-10 ° giorno, gli uomini producono un esame palpatorio della prostata e un esame microscopico del loro segreto. I pazienti sono considerati etiologicamente guariti se dopo la fine del trattamento con ripetuti esami ripetuti non è possibile individuare agenti patogeni entro 1-2 mesi. L'esame di follow-up delle donne viene effettuato alla fine delle mestruazioni dopo il corso del trattamento.

VALUTAZIONE DELLA POSSIBILITÀ DEL PRODOTTO Investigazione. La tollerabilità del farmaco è stata valutata sulla base dei sintomi soggettivi e delle sensazioni riportate dal paziente e dei dati oggettivi ottenuti dal ricercatore durante il processo di trattamento. Tenendo conto della dinamica dei parametri di laboratorio, nonché della frequenza di insorgenza e della natura delle reazioni avverse. La tollerabilità del farmaco è stata stimata dal ricercatore (in base ai dati oggettivi) e dal paziente (in base alle sensazioni soggettive).

PIANO DI RICERCA GENERALE

Questo studio è stato eseguito in conformità con i requisiti imposti dalla Farmacopea di Stato del Ministero della Sanità dell'Ucraina per limitati studi clinici sui farmaci.

Lo studio ha incluso 30 coppie sposate con malattie infiammatorie croniche degli organi genitali all'età di 20-42 anni e una durata della malattia di 3 mesi a 5 anni.

Secondo i risultati di un sondaggio completo sono state diagnosticate le seguenti malattie, presentate nelle tabelle 1 e 2.