Codice ICD-10 per herpes e herpes zoster

Negli uomini

L'herpes zoster ICD-10 è anche chiamato "fuoco di Sant'Antonio". Ha una natura virale, colpisce sia gli adulti che i bambini. Ma la patologia a cui ha contribuito l'herpesvirus è più comune dopo 50 anni.

Le lesioni cutanee devono essere trattate esclusivamente sotto la supervisione di un dermatologo, poiché vi è la possibilità di conseguenze negative con l'autotrattamento improprio.

Classificazione per complicazioni

La classificazione internazionale della malattia della decima revisione divide questa infiammazione in diversi tipi, a seconda della terapia che è diversa.

Elenco delle tegole classificatori ICD-10:

  • B02 - codice comune per il gruppo di Shingles;
  • B02.0 Infiammazione con encefalite (allucinazioni, incoordinazione, convulsioni convulsive, interruzioni della memoria a breve termine, perdita di coscienza - questa è solo una parte di ciò che accade in una condizione grave del paziente);
  • B02.1 Privato, complicato da meningite (compare un rash caratteristico);
  • B02.2 Infiammazione, come risultato, sorgono problemi nel campo della nevralgia (quando il virus entra nei nervi facciali, si verifica una paralisi facciale parziale, la nevralgia post-erpetica dopo aver sofferto di una privazione, espressa da sindromi dolorose locali che si verificano diversi mesi dopo);
  • B02.3 Privare con una complicazione dell'occhio (infiammazione della cornea oculare, in casi isolati senza trattamento, si espande nell'intero organo e porta alla perdita della vista);
  • B02.7 Versicolor disseminato (il virus invade il sistema nervoso centrale);
  • B02.8 Herpes zoster con un diverso tipo di complicanze (infezione del derma con altri virus della ferita, polmonite, miocardite, perdita dell'udito, diminuzione della sensibilità della pelle e simili);
  • B02.9 herpes zoster comune.

Le complicanze dell'ICD sotto forma di lesioni del sistema nervoso sono caratteristiche dell'anziano. A rischio sono le persone con immunodeficienza.

sintomi

I primi sintomi sotto forma di leggero prurito su alcune parti del corpo non sono percepiti da molti come segni di una malattia grave. Ma pochi giorni dopo, la temperatura del paziente aumenta, le zone pruriginose si riempiono di vesciche scoppiate e la sua salute è complicata dal mal di testa e dalla debolezza generale del corpo.

Le cicatrici possono rimanere sul sito della ferita se non gli è consentito guarire in modo indipendente e strappare prematuramente la crosta.

trattamento

Il trattamento dell'herpes zoster comporta l'assunzione di complessi vitaminici per stimolare il sistema immunitario, farmaci per sopprimere il virus all'interno del corpo, mezzi per il trattamento locale (unguento, lozioni). Durante l'intero periodo, la crosta formata non può essere rimossa manualmente, altrimenti la rigenerazione cellulare sotto di essa sarà disturbata.

Con un trattamento adeguato, dopo 2 settimane la malattia scompare, le ferite guariscono. Rimangono piccole croste, che alla fine scompaiono.

Il principale sintomo di una malattia è il grave prurito. Cercando di alleviarlo, una persona pettina il tessuto infiammato, ferendolo e aumentando il rischio di infezione. Per ridurre il disagio, si consiglia di indossare abiti ampi realizzati con tessuti naturali e usare lozioni e unguenti per lenire il prurito. In caso contrario, il trattamento verrà ritardato a tempo indeterminato.

Shingles [herpes zoster] (B02)

Sono inclusi:

  • herpes zoster
  • zona

Herpes zoster con meningoencefalite

Postherpetico (th):

  • ganglionite del nodo del nervo facciale (G53.0 *)
  • polineuropatia (G63.0 *)
  • nevralgia del trigemino (G53.0 *)

Causato dal virus degli herpes zoster:

  • blefarite † (H03.1 *)
  • congiuntivite † (H13.1 *)
  • iridociclite † (H22.0 *)
  • irite † (H22.0 *)
  • cheratite † (H19.2 *)
  • cheratocongiuntivite † (H19.2 *)
  • sclerite † (H19.0 *)

Shingles nad

In Russia, la Classificazione Internazionale delle Malattie della 10a revisione (ICD-10) è stata adottata come documento normativo unico per spiegare l'incidenza, le cause delle chiamate pubbliche alle istituzioni mediche di tutti i reparti, le cause del decesso.

L'ICD-10 è stato introdotto nella pratica dell'assistenza sanitaria in tutto il territorio della Federazione Russa nel 1999 per ordine del Ministero della Sanità della Russia, datato 27 maggio 1997. №170

Il rilascio di una nuova revisione (ICD-11) è pianificato dall'OMS in 2017 2018.

Herpes zoster (lichen) ICD-10 B02

Shingles - definizione:

Herpes zoster (Zoster herpes zoster) è una malattia virale della pelle e del tessuto nervoso che si verifica a seguito della riattivazione del virus dell'herpes di tipo 3 ed è caratterizzata da infiammazione della pelle (con comparsa di eruzioni prevalentemente a bolle sullo sfondo di eritema nel "dermatomo") e tessuto nervoso (le radici posteriori spinali) gangli cerebrali e dei nervi periferici).

Eziologia ed epidemiologia

L'agente eziologico della malattia è l'herpes virus umano di tipo 3 (virus Varicella Zoster, Herpesvirus umano, HHV-3, virus Varicella-zoster, VZV) - sottofamiglia Alphaherpesviridae, famiglia Herpesviridae. C'è solo un sierotipo di patogeno di herpes zoster. Infezione primaria con il virus Varicella zoster si manifesta, di regola, la varicella. L'incidenza dell'herpes zoster in diversi paesi del mondo varia da 0,4 a 1,6 casi per 1000 persone all'anno in persone sotto i 20 anni di età e da 4,5 a 11,8 casi per 1000 persone all'anno in gruppi di età più avanzata.

Il rischio di sviluppare EG in pazienti con immunosoppressione è più di 20 volte superiore rispetto a persone della stessa età con immunità normale. Le condizioni immunosoppressive associate ad un alto rischio di sviluppare EG includono infezione da HIV, trapianto di midollo osseo, leucemia e linfoma, chemioterapia e trattamento con glucocorticosteroidi sistemici. L'herpes zoster può essere un marker precoce dell'infezione da HIV, indicando i primi segni di immunodeficienza. Altri fattori che aumentano il rischio di sviluppare EG includono: genere femminile, lesione fisica del dermatoma interessato, poliformismo del gene dell'interleuchina.

Nelle forme non complicate di EG, il virus può essere isolato da elementi essudativi entro sette giorni dopo lo sviluppo di un'eruzione cutanea (il periodo è aumentato nei pazienti con immunosoppressione).

Nelle forme non complicate di gas di scarico, il virus si diffonde attraverso il contatto diretto con le eruzioni cutanee e, nelle forme disseminate, la trasmissione è possibile attraverso goccioline trasportate dall'aria.

Nel corso della malattia, VZV penetra dalle lesioni della pelle e delle membrane mucose verso la fine dei nervi sensoriali e raggiunge i gangli sensoriali dalle loro fibre - questo assicura la sua persistenza nel corpo umano. Molto spesso, il virus persiste nel ramo I del nervo trigemino e nei gangli spinali T1-L2.

Di grande importanza è il contatto intrauterino con VZV, varicella, trasferito prima dell'età di 18 mesi, così come le immunodeficienze associate all'indebolimento dell'immunità cellulare (infezione da HIV, condizione dopo trapianto, cancro, ecc.). Pertanto, fino al 25% delle persone con infezione da HIV soffre di EG, che è 8 volte superiore al tasso di incidenza medio nelle persone di età compresa tra 20 e 50 anni. Fino al 25-50% dei pazienti con trapianti di organi e ospedali oncologici si ammalano di herpes zoster, mentre il tasso di mortalità raggiunge il 3-5%.

Le recidive della malattia si verificano in meno del 5% di coloro che sono stati malati.

Classificazione dell'herpes zoster:

  • B02.0 herpes zoster con encefalite
  • B02.1 herpes zoster con meningite
  • B02.2 herpes zoster con altre complicazioni del sistema nervoso
  • ganglionite del nodo del nervo facciale
  • polineuropatia
  • nevralgia del trigemino

B02.3 herpes zoster con complicanze oculari

Causato dal virus degli herpes zoster:

  • blefarite
  • congiuntivite
  • iridociclite
  • irite
  • cheratite
  • cheratocongiuntivite
  • sclerite

altre forme cliniche della malattia:

  • B02.7 Scandole disseminate
  • B02.8 herpes zoster con altre complicazioni
  • B02.9 herpes zoster senza complicazioni

Quadro clinico (sintomi) di fuoco di Sant'Antonio:

Le manifestazioni cliniche dei gas di scarico sono precedute da un periodo prodromico, durante il quale il dolore e le parestesie compaiono nell'area del dermatomo interessato (meno comunemente, prurito, formicolio e bruciore).
Il dolore può essere periodico o permanente ed essere accompagnato da iperestesia cutanea. La sindrome del dolore può simulare pleurite, infarto miocardico, ulcera duodenale, colecistite, colica renale o epatica, appendicite, prolasso del disco intervertebrale, stadio precoce del glaucoma, che può portare a difficoltà nella diagnosi e nel trattamento.

Il dolore nel periodo prodromico può essere assente in pazienti di età inferiore ai 30 anni con immunità normale.

Una caratteristica dell'eruzione cutanea con herpes zoster è la localizzazione e la distribuzione degli elementi dell'eruzione cutanea, che sono osservati da un lato e limitati all'area di innervazione di un ganglio sensoriale. Le aree più frequentemente colpite sono l'innervazione del nervo trigemino, in particolare il ramo oculare, così come la pelle del tronco.3-L2 segmenti. Le lesioni cutanee al petto sono osservate in più del 50% dei casi; l'eruzione meno spesso appare sulla pelle delle estremità distali.
Il quadro clinico dell'herpes zoster comprende manifestazioni cutanee e disturbi neurologici. Insieme a questo, la maggior parte dei pazienti presenta sintomi infettivi generali: ipertermia, ingrossamento dei linfonodi regionali, alterazioni del liquido cerebrospinale (sotto forma di linfocitosi e monocitosi).

L'eruzione cutanea dell'herpes zoster ha una breve fase eritematosa (spesso è completamente assente), dopo di che compaiono rapidamente papule. Entro 1-2 giorni i papuli diventano vescicole, che continuano ad apparire entro 3-4 giorni - la forma vescicolare di Herpes zoster. Gli elementi tendono a fondersi. Se il periodo di comparsa di nuove vescicole dura più di 1 settimana, ciò indica la possibilità che il paziente abbia uno stato di immunodeficienza.

Lo svuotamento delle vescicole inizia una settimana o meno dopo la comparsa delle eruzioni primarie. Quindi in 3-5 giorni, le erosioni appaiono sul sito della forma di vescicole e croste. Le croste di solito scompaiono entro la fine della 3a o 4a settimana della malattia. Tuttavia, le scale, così come ipo o iperpigmentazione, possono rimanere anche dopo la risoluzione dell'herpes zoster.

Con una forma più leggera e abortiva di Herpes zoster nei fuochi dell'iperemia, appaiono anche le papule, ma le bolle non si sviluppano.

scandole forma mite

Nella forma emorragica della malattia, l'eruzione vescicolare ha contenuti sanguinosi, il processo si diffonde in profondità nel derma e le croste diventano di colore marrone scuro. In alcuni casi, la parte inferiore delle vescicole è necrotica e la forma gangrenosa di Herpes zoster si sviluppa, lasciando cambiamenti cicatriziali della pelle.

L'intensità delle eruzioni nei gas di scarico è diversa: dalle forme diffuse, lasciando quasi nessuna pelle sana sul lato affetto, alle singole bolle, spesso accompagnate da sensazioni dolorose pronunciate.

La forma generalizzata è caratterizzata dalla comparsa di eruzioni vescicolari sull'intero tegumento, insieme a eruzioni cutanee lungo il tronco nervoso. La ri-manifestazione di infezione nella forma di eruzioni generalizzate, di regola, non è osservata. In presenza di deficienza immunitaria (compresa l'infezione da HIV), le manifestazioni cutanee possono apparire lontane dal dermatoma interessato - una forma disseminata di gas di scarico. La probabilità e la gravità della disseminazione delle lesioni sulla pelle aumentano con l'età del paziente.

La lesione del ramo oculare del nervo trigemino è osservata nel 10-15% dei pazienti con EH e l'eruzione cutanea può essere localizzata sulla pelle dal livello degli occhi alla regione parietale, interrompendosi bruscamente lungo la linea mediana della fronte. La sconfitta del ramo nasociliare, che innerva l'occhio, la punta e le parti laterali del naso, porta alla penetrazione del virus nelle strutture dell'organo della vista.

Sconfiggere il secondo ed il terzo ramo del nervo trigemino e altri nervi cranici può portare allo sviluppo di lesioni nella mucosa orale, faringe, laringe e pelle di atri e condotto uditivo esterno.

Sindrome del dolore in herpes Zoster:

Il dolore è il sintomo principale dell'herpes zoster. Precede spesso lo sviluppo di un'eruzione cutanea e si osserva dopo la risoluzione delle eruzioni (nevralgia posterpetica, PHN). Il dolore dell'herpes zoster e della PHN è causato da vari meccanismi. Nelle prime fasi del flusso di gas di scarico sono formate cambiamenti anatomici e funzionali che portano allo sviluppo di PHN, che spiega la relazione della gravità dolore primaria con successivo sviluppo di PHN, e le ragioni del fallimento della terapia antivirale nella prevenzione della nevralgia posterpetica.

La sindrome del dolore associata all'EG ha tre fasi: acuta, subacuta e cronica (PHN). La fase acuta del dolore si verifica nel periodo prodromico e dura per 30 giorni. La fase subacuta del dolore segue la fase acuta e dura non più di 120 giorni. La sindrome del dolore che dura più di 120 giorni è definita come nevralgia posterpetica. PHN può durare per diversi mesi o anni, causando sofferenza fisica e riducendo significativamente la qualità della vita dei pazienti.

La causa immediata del dolore prodromico è la riattivazione subclinica e la replicazione del VZV nel tessuto nervoso. Il danno ai nervi periferici e ai neuroni nei gangli è un fattore scatenante per i segnali afferenti del dolore. In un certo numero di pazienti, la sindrome del dolore è accompagnata da manifestazioni infiammatorie sistemiche comuni: febbre, malessere, mialgia e mal di testa.

Nella maggior parte dei pazienti immunocompetenti (60-90%), il dolore acuto grave accompagna la comparsa di un'eruzione cutanea. diffusione significativa di aminoacidi eccitatori e neuropeptidi causati dal blocco di impulsi afferenti nella fase prodromica e scarico fase acuta, può causare danni tossici e perdita di neuroni inibitori corno posteriore del midollo spinale. La gravità del dolore acuto aumenta con l'età. attività di nocicettori eccesso e la generazione di impulsi ectopiche possono provocare un aumento e prolungamento delle risposte agli stimoli centrali convenzionali - allodinia (dolore e / o sensazione di disagio causate da stimoli che normalmente non causano dolore, per esempio i vestiti touch).

Fattori che contribuiscono allo sviluppo di PHN includono: età superiore a 50 anni, il sesso femminile, prodromo, massicce eruzioni cutanee, localizzazione delle lesioni nel innervazione del nervo trigemino o plesso brachiale, grave dolore acuto, la presenza di immunodeficienza.

Con PHN, si possono distinguere tre tipi di dolore:

  • dolore costante, profondo, opaco, pressante o bruciante;
  • spontaneo, periodico, lancinante, sparante, simile alla scossa elettrica;
  • allodinia.

La sindrome del dolore, di solito, è accompagnata da disturbi del sonno, perdita di appetito e perdita di peso, stanchezza cronica, depressione, che porta a un disadattamento sociale dei pazienti.

Complicazioni di herpes zoster

Complicazioni di herpes zoster sono: l'encefalite acuta e cronica, mielite, retinite, herpes rapidamente progressiva necrosi della retina, che porta alla cecità nel 75-80% dei casi, ophthalmoherpes (Herpes ophtalmicus) con emiparesi controlaterale nel periodo a lungo termine, così come le lesioni del tratto gastrointestinale e sistema cardiovascolare, ecc.

L'herpes oftalmico è una lesione erpetica di qualsiasi ramo del nervo ottico. Colpisce spesso la cornea, portando alla comparsa di cheratite. Inoltre, altre parti del bulbo oculare sono interessate dallo sviluppo di episclerite, iridociclite, infiammazione dell'iride. La retina è raramente coinvolto nel processo patologico (come emorragia, embolia), più colpita nervo ottico conduce a neurite ottica con esito atrofia (forse a causa del processo di transizione meningeal sul nervo ottico). Per l'herpes zoster con lesioni agli occhi, l'eruzione si diffonde dal livello degli occhi alla corona, ma non attraversa la linea mediana. Le vescicole localizzate sulle ali o sulla punta del naso (segno di Getchinson) sono associate alle complicanze più gravi.

La gangliolite del ganglio cranico si manifesta con la sindrome di Hunt. Ciò influenza le aree sensoriali e motorie del nervo cranico (paralisi del nervo facciale), che è accompagnata da disturbi vestibolari-cocleari. Eruzioni cutanee appaiono nella distribuzione dei nervi periferici nelle membrane mucose e sulla pelle: vescicole sono situati sul timpano, il foro di orecchio dell'orecchio, l'orecchio esterno e la superficie laterale della lingua. È possibile la perdita di gusto unilaterale sui 2/3 del dorso della lingua.

Eruzioni di gas di scarico possono essere localizzate nell'area coccige. Allo stesso tempo, l'immagine di una vescica neurogena si sviluppa con disturbi della minzione e ritenzione urinaria (a causa della migrazione del virus ai nervi autonomi vicini); può essere associato allo scarico dei dermatomi sacrali S2, S3 o s4.

Herpes zoster nei bambini

Ci sono rapporti isolati sulla malattia dei bambini con herpes zoster. I fattori di rischio per lo sviluppo di EG nei bambini comprendono la varicella nella madre durante la gravidanza o l'infezione primaria con VZV nel primo anno di vita. Il rischio di malattia da scarico è aumentato nei bambini che hanno avuto la varicella prima dell'età di 1 anno.

L'herpes zoster nei bambini non è così difficile come nei pazienti più anziani, con dolore meno grave; la nevralgia post-erpetica si sviluppa anche raramente.

Herpes zoster nei pazienti HIV

Il rischio di sviluppare EG nei pazienti affetti da HIV è più alto e più spesso sviluppano ricadute della malattia. Ulteriori sintomi possono verificarsi a causa del coinvolgimento dei nervi motori (nel 5-15% dei casi). Il flusso di gas di scarico è più lungo, spesso sviluppando forme gangrenose e disseminate (25-50%) e nel 10% dei pazienti in questa categoria vengono rilevate gravi lesioni degli organi interni (polmoni, fegato, cervello). Con l'infezione da HIV ci sono frequenti recidive di EG sia all'interno di uno che in diversi dermatomi adiacenti.

Herpes zoster in donne in gravidanza

La malattia nelle donne in gravidanza può essere complicata dallo sviluppo di polmonite, encefalite. L'infezione da VZV nel primo trimestre di gravidanza porta all'insufficienza placentare primaria e, di regola, è accompagnata dall'aborto.

La presenza di infezione dovrebbe essere la base per la profilassi intensiva delle conseguenze dei disturbi emodinamici (insufficienza placentare, ipossia intrauterina, ritardo di crescita intrauterino).

Diagnosi di herpes zoster

La diagnosi dei gas di scarico si basa sui disturbi caratteristici (manifestazioni dei sintomi neurologici), sul decorso della malattia (periodo prodromico e manifestazione sulla pelle) e sulle caratteristiche delle manifestazioni cliniche sulla pelle.

Se necessario, i metodi di amplificazione dell'acido nucleico (PCR) vengono utilizzati per verificare la diagnosi per identificare il virus varicella-zoster contenuto nel materiale dalle lesioni GO sulla pelle e / o sulle mucose.

Diagnostica differenziale

Differenziare manifestazioni gas di scarico necessaria per zosteriformnoy variante herpes simplex, dermatite da contatto (dopo punture di insetti, photodermatitis), dermatosi cistica (dermatite erpetiforme di Duhring, pemfigoide bolloso, pemfigo vulgaris).

Dermatite erpetiforme

Trattamento di herpes zoster

  • sollievo dei sintomi clinici della malattia;
  • prevenzione delle complicanze.

Note generali sulla terapia

La presenza di lesioni allo scarico dei gangli periferico e tessuto nervoso, organo della visione, determinano la necessità di portare il trattamento di specialisti del settore: trattamento della nevralgia posterpetica e oftalmico organizzato in concomitanza con medici neurologi e oftalmologi.

Per effetti efficaci sul decorso dell'infezione virale causata da VZV, devono essere usati farmaci antivirali. Con la gravità del dolore prescritto farmaci analgesici. Il trattamento esterno mira ad accelerare la regressione delle lesioni cutanee, riducendo i segni di infiammazione e prevenendo la superinfezione batterica.

La necessità di un trattamento anti-infiammatorio è determinata dall'insorgenza della nevralgia erpetica, accompagnata dal dolore, in presenza di evidenza, deve essere selezionata individualmente.

È necessario evitare l'uso di medicazioni occlusive e preparazioni di glucocorticosteroidi. Il trattamento esterno dei gas di scarico con farmaci antivirali e analgesici è inefficace!

Indicazioni per il ricovero in ospedale

Corso complicato di scandole

Preparati per il trattamento dell'herpes zoster:

La nomina di farmaci antivirali è più efficace nelle prime 72 ore di sviluppo delle manifestazioni cliniche della malattia:

  • acyclovir 800 mg
  • famciclovir 500 mg
  • valacyclovir 1000 mg

La ridotta sensibilità del VZV all'aciclovir rispetto all'HSV, nonché un alto livello di attività antivirale, determinano la prescrizione preferita per il trattamento di Exhaust Famciclovir o Valaciclovir.

Forse la nomina di farmaci anti-infiammatori non steroidei.

In assenza dell'effetto della terapia anestetica, possono essere usati farmaci con un effetto analgesico centrale e blocchi neurali (simpatico ed epidurale), che è determinato dalla consultazione di un neurologo.

Interferoni di azione sistemica:

  • interferon gamma 500.000 UI

Per fornire un effetto antinfiammatorio locale e prevenire la superinfezione batterica, vengono prescritte soluzioni alcoliche all'1-2% di coloranti all'anilina (blu di metilene, verde brillante), fucorcina.

In presenza di eruzioni bollose, le bolle si aprono (tagliate con forbici sterili) e si colorano di tinture all'anilina o soluzioni antisettiche (soluzione allo 0,5% di clorexidina digluconato, ecc.)

Durante il trattamento del gas di scarico nei pazienti immunocompromessi (persone con neoplasie maligne linfoproliferative riceventi trapiantati organi interni, i pazienti sottoposti a terapia con corticosteroidi sistemici, così come i pazienti di AIDS), il trattamento di scelta è aciclovir endovenoso:

  • Acyclovir 10 mg per kg di peso corporeo (o 500 ml / m 2)

Una volta raggiunto l'effetto morboso, il trattamento può essere continuato con forme orali di aciclovir, famciclovir o valaciclovir secondo il metodo proposto per i pazienti con immunità normale:

  • acyclovir 800 mg
  • famciclovir 500 mg
  • valacyclovir 1000 mg
  • Aciclovir 20 mg per kg di peso corporeo

Requisiti per i risultati del trattamento

  • recupero clinico;
  • sollievo dal dolore

Prevenire l'herpes zoster

Nella Federazione Russa al momento della creazione di queste raccomandazioni, la vaccinazione dei gas di scarico non viene effettuata.

SE AVETE QUALUNQUE DOMANDA SU QUESTA MALATTIA, POI CONTATTARE UN DERMATOVEROVEROLOGO ADAEV H. M:

B02 herpes zoster [herpes zoster]

Herpes zoster - un'infezione, nota anche come herpes zoster, è caratterizzata da dolorose eruzioni vesciche lungo il nervo. Il più spesso osservato all'età di 50-70 anni. Genere, genetica, stile di vita non contano.

Le bolle successivamente scoppiano, si formano delle croste. Queste eruzioni cutanee sono più spesso osservate su un lato del corpo sulla pelle del torace, dell'addome o del viso. Nelle persone anziane, il disagio può durare per mesi quando l'intera eruzione è scomparsa.

L'agente eziologico del fuoco di Sant'Antonio è il virus varicella zoster. Inizialmente, provoca la varicella e quindi rimane in uno stato latente nel tessuto nervoso. Quando un virus viene riattivato, una persona si ammala di herpes zoster. Le cause della riattivazione non sono ancora note, ma molto spesso la malattia si sviluppa durante periodi di stress e cattiva salute. I più sensibili sono le persone immunocompromesse, i malati di AIDS e i malati di cancro dopo la chemioterapia. In pazienti con AIDS, focolai di herpes zoster si verificano in una forma particolarmente grave.

Il virus della varicella zoster viene solitamente trasmesso per contatto diretto con vescicole di scoppio e quindi provoca la varicella nelle persone senza immunità alla malattia.

Inizialmente, il paziente avverte formicolio, prurito e dolore acuto in un'area separata della pelle. Dopo alcuni giorni, si sviluppano i seguenti sintomi:

- eruzione dolorosa piena di bolle liquide;

- mal di testa e debolezza.

Le croste si formano sulle vescicole entro 3-4 giorni. Tutte le ferite guariscono in circa 10 giorni, ma alcuni pazienti possono avere cicatrici. Con il danno al nervo che innerva l'occhio, può iniziare l'infiammazione della cornea. In rari casi, un'infezione del nervo facciale può causare paralisi facciale.

L'herpes zoster è difficile da diagnosticare prima che compaia un'eruzione e un forte dolore lungo le costole è facilmente confuso con il dolore toracico nell'angina. Agenti antivirali sono prescritti per prevenire e ridurre i sintomi della nevralgia post-erpetica. Il trattamento antivirale viene utilizzato principalmente in caso di danni agli occhi, nonché con una ridotta immunità. Gli analgesici contribuiranno ad alleviare il dolore e la carbamazepina è usata per il dolore prolungato nella nevralgia post-erpetica. Nella maggior parte dei casi, il recupero avviene in 2-6 settimane, ma circa la metà dei pazienti di età superiore ai 50 anni sviluppa nevralgia post-erpetica.

L'herpes zolfo trasferito non dà immunità, quindi è possibile una ricaduta di infezione. L'immunizzazione contro la varicella durante l'infanzia previene l'accumulo del virus nel tessuto nervoso e, oltre all'immunità alla varicella, fornisce protezione contro l'herpes zoster.

Riferimento medico completo / Trans. dall'inglese E. Makhiyanova e I. Dreval. - M.: AST, Astrel, 2006.- 1104 con

Herpes zoster

Herpes zoster

  • Società russa di dermatovenerologi e cosmetologi

Indice

parole

  • Herpes Zoster
  • Virus dell'herpes

elenco delle abbreviazioni

HIV - Virus dell'immunodeficienza

ME - unità internazionali

ICD - Classificazione internazionale delle malattie

OG - herpes zoster

PHN - nevralgia posterpetica

HHV-3 - herpesvirus umano, herpesvirus di tipo 3 umano

T1-L2 - Toracico - lombare (segmenti spinali)

VZV - Varicella Zoster Virus, virus Varcella-Zoster

AIDS - Sindrome da immunodeficienza acquisita

HSV - Herpes Simplex Virus

Termini e definizioni

Herpes zoster (Zoster herpes zoster) è una malattia virale della pelle e del tessuto nervoso che si verifica a seguito della riattivazione del virus dell'herpes di tipo 3 ed è caratterizzata da infiammazione della pelle (con comparsa di eruzioni prevalentemente a bolle sullo sfondo di eritema nel "dermatomo") e tessuto nervoso (le radici posteriori spinali) gangli cerebrali e dei nervi periferici).

Herpes virus di tipo 3 (virus Varicella Zoster, Herpesvirus umano, HHV-3, virus Varicella-zoster, VZV) - sottofamiglia Alphaherpesviridae, famiglia Herpesviridae.

1. Brevi informazioni

1.1 Definizione

Herpes zoster (Zoster herpes zoster) è una malattia virale della pelle e del tessuto nervoso che si verifica a seguito della riattivazione del virus dell'herpes di tipo 3 ed è caratterizzata da infiammazione della pelle (con comparsa di eruzioni prevalentemente a bolle sullo sfondo di eritema nel "dermatomo") e tessuto nervoso (le radici posteriori spinali) gangli cerebrali e dei nervi periferici).

1.2 Eziologia e patogenesi

L'agente eziologico della malattia è l'herpes virus umano di tipo 3 (virus Varicella Zoster, Herpesvirus umano, HHV-3, virus Varicella-zoster, VZV) - sottofamiglia Alphaherpesviridae, famiglia Herpesviridae. C'è solo un sierotipo di patogeno di herpes zoster. Infezione primaria con il virus Varicella-zoster si manifesta, di regola, la varicella.

Il rischio di sviluppare EG in pazienti con immunosoppressione è più di 20 volte superiore rispetto a persone della stessa età con immunità normale. Le condizioni immunosoppressive associate ad un alto rischio di sviluppare EG includono infezione da HIV, trapianto di midollo osseo, leucemia e linfoma, chemioterapia e trattamento con glucocorticosteroidi sistemici. L'herpes zoster può essere un marker precoce dell'infezione da HIV, indicando i primi segni di immunodeficienza. Altri fattori che aumentano il rischio di sviluppare EG includono: genere femminile, lesioni fisiche del dermatoma interessato.

Nelle forme non complicate di EG, il virus può essere isolato da elementi essudativi entro sette giorni dopo lo sviluppo di un'eruzione cutanea (il periodo è aumentato nei pazienti con immunosoppressione).

Nelle forme non complicate di gas di scarico, il virus si diffonde attraverso il contatto diretto con le eruzioni cutanee e, nelle forme disseminate, la trasmissione è possibile attraverso goccioline trasportate dall'aria.

Nel corso della malattia, VZV penetra dalle lesioni della pelle e delle membrane mucose verso la fine dei nervi sensoriali e raggiunge i gangli sensoriali dalle loro fibre - questo assicura la sua persistenza nel corpo umano. Molto spesso, il virus persiste nel ramo I del nervo trigemino e nei gangli spinali T1-L2.

1.3 Epidemiologia

L'incidenza dell'herpes zoster in diversi paesi del mondo varia da 0,4 a 1,6 casi per 1000 persone all'anno in persone sotto i 20 anni di età e da 4,5 a 11,8 casi per 1000 persone all'anno in gruppi di età più avanzata.

Di grande importanza è il contatto intrauterino con VZV, varicella, trasferito prima dell'età di 18 mesi, così come le immunodeficienze associate all'indebolimento dell'immunità cellulare (infezione da HIV, condizione dopo trapianto, cancro, ecc.). Pertanto, fino al 25% delle persone con infezione da HIV soffre di EG, che è 8 volte superiore al tasso di incidenza medio nelle persone di età compresa tra 20 e 50 anni. Fino al 25-50% dei pazienti con trapianti di organi e ospedali oncologici si ammalano di herpes zoster, mentre il tasso di mortalità raggiunge il 3-5%.

Le recidive della malattia si verificano in meno del 5% di coloro che sono stati malati.

1.4 Codifica su ICD 10

Herpes zoster (B02):

B02.0 - herpes zoster con encefalite;

B02.1 - herpes zoster con meningite;

B02.2 - L'herpes zoster con altre complicazioni del sistema nervoso: Postherpetico (gola): ganglio dell'anello a gomito del nervo facciale, polineuropatia, nevralgia del trigemino;

B02.3 - herpes zoster con complicazioni oculari: Causato dal virus dell'herpes zoster: blefarite, congiuntivite, iridociclite, irite, cheratite, cheratocongiuntivite, sclerite;

B02.7 - Scandole disseminate;

B02.8 - herpes zoster con altre complicazioni;

B02.9 - herpes zoster senza complicazioni.

1.5 Classificazione

  1. OG senza complicazioni:
  1. fase eritematosa;
  2. forma vescicolare;
  3. forma pustolosa
  1. Forma abortiva
  2. Forma emorragica
  3. Forma gangrena.
  4. Forma generalizzata
  5. Forma disseminata.
  6. OG con deficit visivo.
  7. Gas di scarico con una lesione della mucosa orale, della faringe, della laringe, del padiglione auricolare e del condotto uditivo.
  8. Gas esausto:
  1. herpes oftalmico;
  2. Sindrome di Hunt
  1. OG nei bambini.
  2. Gas di scarico in pazienti con infezione da HIV.
  3. OG in donne in gravidanza.

1.6 Quadro clinico

Una caratteristica dell'eruzione cutanea con herpes zoster è la localizzazione e la distribuzione degli elementi dell'eruzione cutanea, che sono osservati da un lato e limitati all'area di innervazione di un ganglio sensoriale.

Le aree più frequentemente colpite sono l'innervazione del nervo trigemino, in particolare il ramo oculare, così come la pelle del tronco.3-L2 segmenti.

Il quadro clinico dell'herpes zoster comprende manifestazioni cutanee e disturbi neurologici.

La maggior parte dei pazienti presenta sintomi infettivi generali: ipertermia, ingrossamento dei linfonodi regionali, alterazioni del liquido cerebrospinale (sotto forma di linfocitosi e monocitosi).

L'eruzione cutanea dell'herpes zoster ha una breve fase eritematosa (spesso è completamente assente), dopo di che compaiono rapidamente papule. Entro 1-2 giorni i papuli diventano vescicole, che continuano ad apparire entro 3-4 giorni - la forma vescicolare di Herpes zoster.

Quindi, 3-5 giorni dopo, all'apertura delle vescicole, si forma l'erosione e si formano le croste. Le croste di solito scompaiono entro la fine della 3a o 4a settimana della malattia.

Con una forma più leggera e abortiva di Herpes zoster nei fuochi dell'iperemia, appaiono anche le papule, ma le bolle non si sviluppano.

Nella forma emorragica della malattia, l'eruzione vescicolare ha contenuti sanguinosi, il processo si diffonde in profondità nel derma e le croste diventano di colore marrone scuro. In alcuni casi, la parte inferiore delle vescicole è necrotica e la forma gangrenosa di Herpes zoster si sviluppa, lasciando cambiamenti cicatriziali della pelle.

L'intensità delle eruzioni nei gas di scarico è diversa: dalle forme diffuse, lasciando quasi nessuna pelle sana sul lato affetto, alle singole bolle, spesso accompagnate da sensazioni dolorose pronunciate.

La forma generalizzata è caratterizzata dalla comparsa di eruzioni vescicolari sull'intero tegumento, insieme a eruzioni cutanee lungo il tronco nervoso.

In presenza di deficienza immunitaria (compresa l'infezione da HIV), le manifestazioni cutanee possono apparire lontane dal dermatoma interessato - una forma disseminata di gas di scarico. La probabilità e la gravità della disseminazione delle lesioni sulla pelle aumentano con l'età del paziente.

La lesione del ramo oculare del nervo trigemino è osservata nel 10-15% dei pazienti con EH e l'eruzione cutanea può essere localizzata sulla pelle dal livello degli occhi alla regione parietale, interrompendosi bruscamente lungo la linea mediana della fronte.

La sconfitta del ramo nasociliare, che innerva l'occhio, la punta e le parti laterali del naso, porta alla penetrazione del virus nelle strutture dell'organo della vista.

Sconfiggere il secondo ed il terzo ramo del nervo trigemino e altri nervi cranici può portare allo sviluppo di lesioni nella mucosa orale, faringe, laringe e pelle di atri e condotto uditivo esterno.

Il dolore è il sintomo principale dell'herpes zoster. Precede spesso lo sviluppo di un'eruzione cutanea e si osserva dopo la risoluzione delle eruzioni (nevralgia posterpetica).

La sindrome del dolore associata all'EG ha tre fasi: acuta, subacuta e cronica (PHN). La fase acuta del dolore si verifica nel periodo prodromico e dura per 30 giorni. La fase subacuta del dolore segue la fase acuta e dura non più di 120 giorni. La sindrome del dolore che dura più di 120 giorni è definita come nevralgia posterpetica. PHN può durare per diversi mesi o anni, causando sofferenza fisica e riducendo significativamente la qualità della vita dei pazienti.

La causa immediata del dolore prodromico è la riattivazione subclinica e la replicazione del VZV nel tessuto nervoso. Il danno ai nervi periferici e ai neuroni nei gangli è un fattore scatenante per i segnali afferenti del dolore. In un certo numero di pazienti, la sindrome del dolore è accompagnata da manifestazioni infiammatorie sistemiche comuni: febbre, malessere, mialgia e mal di testa.

Nella maggior parte dei pazienti immunocompetenti (60-90%), il dolore acuto grave accompagna la comparsa di un'eruzione cutanea. diffusione significativa di aminoacidi eccitatori e neuropeptidi causati dal blocco di impulsi afferenti nella fase prodromica e scarico fase acuta, può causare danni tossici e perdita di neuroni inibitori corno posteriore del midollo spinale. La gravità del dolore acuto aumenta con l'età.

Allodinia (sensazione di dolore e / o spiacevole causata da stimoli che normalmente non causano dolore, ad esempio toccando gli indumenti).

Fattori che contribuiscono allo sviluppo di PHN includono: età superiore a 50 anni, il sesso femminile, prodromo, massicce eruzioni cutanee, localizzazione delle lesioni nel innervazione del nervo trigemino o plesso brachiale, grave dolore acuto, la presenza di immunodeficienza.

Con PHN, si possono distinguere tre tipi di dolore:

  • dolore costante, profondo, opaco, pressante o bruciante;
  • spontaneo, periodico, lancinante, sparante, simile alla scossa elettrica;
  • allodinia.

La sindrome del dolore, di solito, è accompagnata da disturbi del sonno, perdita di appetito e perdita di peso, stanchezza cronica, depressione, che porta a un disadattamento sociale dei pazienti.

Complicazioni di herpes zoster sono: l'encefalite acuta e cronica, mielite, retinite, herpes rapidamente progressiva necrosi della retina, che porta alla cecità nel 75-80% dei casi, ophthalmoherpes (Herpes ophtalmicus) con emiparesi controlaterale nel periodo a lungo termine, così come le lesioni del tratto gastrointestinale e sistema cardiovascolare e altri.

L'herpes oftalmico è una lesione erpetica di qualsiasi ramo del nervo ottico. Colpisce spesso la cornea, portando alla comparsa di cheratite. Inoltre, altre parti del bulbo oculare sono interessate dallo sviluppo di episclerite, iridociclite, infiammazione dell'iride.

La retina è raramente coinvolto nel processo patologico (come emorragia, embolia), più colpita nervo ottico conduce a neurite ottica con esito atrofia (forse a causa del processo di transizione meningeal sul nervo ottico).

Per l'herpes zoster con lesioni agli occhi, l'eruzione si diffonde dal livello degli occhi alla corona, ma non attraversa la linea mediana. Le vescicole localizzate sulle ali o sulla punta del naso (segno di Getchinson) sono associate alle complicanze più gravi.

La gangliolite del ganglio cranico si manifesta con la sindrome di Hunt. Ciò influenza le aree sensoriali e motorie del nervo cranico (paralisi del nervo facciale), che è accompagnata da disturbi vestibolari-cocleari. Eruzioni cutanee appaiono nella distribuzione dei nervi periferici nelle membrane mucose e sulla pelle: vescicole sono situati sul timpano, il foro di orecchio dell'orecchio, l'orecchio esterno e la superficie laterale della lingua. È possibile la perdita di gusto unilaterale sui 2/3 del dorso della lingua.

Eruzioni di gas di scarico possono essere localizzate nell'area coccige. Allo stesso tempo, l'immagine di una vescica neurogena si sviluppa con disturbi della minzione e ritenzione urinaria (a causa della migrazione del virus ai nervi autonomi vicini); può essere associato allo scarico dei dermatomi sacrali S2, S3 o s4.

Ci sono rapporti isolati sulla malattia dei bambini con herpes zoster. I fattori di rischio per lo sviluppo di EG nei bambini comprendono la varicella nella madre durante la gravidanza o l'infezione primaria con VZV nel primo anno di vita.

L'herpes zoster nei bambini non è così difficile come nei pazienti più anziani, con dolore meno grave; la nevralgia post-erpetica si sviluppa anche raramente.

Il rischio di sviluppare EG nei pazienti affetti da HIV è più alto e più spesso sviluppano ricadute della malattia. Ulteriori sintomi possono verificarsi a causa del coinvolgimento dei nervi motori (nel 5-15% dei casi).

Il corso dei gas di scarico nell'HIV è più lungo, spesso sviluppando forme gangrenose e disseminate (25-50%), mentre il 10% dei pazienti in questa categoria presenta gravi lesioni degli organi interni (polmoni, fegato, cervello).

Con l'infezione da HIV ci sono frequenti recidive di EG sia all'interno di uno che in diversi dermatomi adiacenti.

La malattia nelle donne in gravidanza può essere complicata dallo sviluppo di polmonite, encefalite. L'infezione da VZV nel primo trimestre di gravidanza porta all'insufficienza placentare primaria e, di regola, è accompagnata dall'aborto.

2. Diagnostica

2.1 Reclami e storia

Nel periodo prodromico, durante il quale vi è dolore e parestesia nell'area del dermatomo interessato (meno spesso - prurito, formicolio, bruciore). Il dolore può essere periodico o permanente ed essere accompagnato da iperestesia cutanea. La sindrome del dolore può simulare pleurite, infarto miocardico, ulcera duodenale, colecistite, colica renale o epatica, appendicite, prolasso del disco intervertebrale, stadio precoce del glaucoma, che può portare a difficoltà nella diagnosi e nel trattamento.

Il dolore nel periodo prodromico può essere assente in pazienti di età inferiore ai 30 anni con immunità normale.

In presenza di manifestazioni cliniche possono essere i seguenti sintomi soggettivi:

  • dolore e bruciore nel luogo dell'eruzione e lungo il nervo (segmento);
  • l'apparizione di chiazze e quindi bolle e elementi a bolle;
  • in forma emorragica, le eruzioni cutanee possono penetrare in profondità nella pelle, aumentando l'intensità del dolore;
  • con una forma generalizzata, eruzioni cutanee su tutta la pelle sono disturbate, insieme a eruzioni cutanee lungo i tronchi nervosi;
  • quando associato a infezione da HIV, eruzioni cutanee diffuse;
  • con la sconfitta del ramo oculare del nervo trigemino, la visione disturbata, il movimento degli occhi, il fenomeno della ptosi;
  • se il secondo e il terzo ramo del nervo trigemino sono colpiti: eruzioni cutanee e dolori nella cavità orale, laringe, cute degli auricolari e del condotto uditivo esterno, infiammazione della retina, cornea, iride dell'occhio;
  • possibile sviluppo di manifestazioni di emiparesi;
  • nella posizione dell'eruzione dei gas di scarico nell'area del sacro, si verificano disturbi della minzione con ritenzione urinaria;
  • possibile recidiva della malattia in caso di infezione da HIV;
  • nelle donne in gravidanza può essere accompagnato da dolore e aborto.

2.2 Esame fisico

Le manifestazioni cliniche oggettive dell'herpes zoster, rilevate durante l'esame obiettivo, sono descritte nella sezione "Quadro clinico".

2.3 Diagnosi di laboratorio

  • Si consiglia, se necessario, di verificare la diagnosi utilizzando metodi di amplificazione dell'acido nucleico (PCR) per identificare il virus varicella-zoster contenuto nel materiale dalle lesioni di scarico sulla pelle e / o sulle membrane mucose utilizzando i sistemi di prova ammessi nella Federazione Russa [1, 2 ].

Livello di credibilità delle raccomandazioni B (livello di affidabilità delle prove 2 ++)

Commenti: la sensibilità dei metodi è 98-100%, specificità - 100%. La sensibilità dello studio può essere influenzata da vari fattori inibitori, in conseguenza dei quali vengono imposti requisiti rigorosi all'organizzazione e al funzionamento del laboratorio al fine di evitare la contaminazione del materiale clinico.

2.4 Diagnostica strumentale

2.5 Altri strumenti diagnostici

Si raccomanda di consultare un neurologo per la sindrome del dolore e le complicanze dell'OG - un oculista, un dentista, un otorinolaringoiatra con danni all'organo della vista, mucose della bocca, naso.

Livello di credibilità delle raccomandazioni D (livello di affidabilità delle prove - 4)

Si consiglia di consultare uno specialista in malattie infettive in presenza di infezione da HIV, un pediatra per bambini malati e un ostetrico / ginecologo per donne in stato di gravidanza.

Livello di credibilità delle raccomandazioni D (livello di affidabilità delle prove - 4)

3. Trattamento

3.1. Trattamento conservativo

  • Si raccomanda di somministrare per via orale uno dei farmaci antivirali:

acyclovir ** 800 mg 5 volte al giorno per 7 giorni [1, 2].

Livello di credibilità delle raccomandazioni A (livello di sicurezza delle prove 1+)

famciclovir 500 mg 3 volte al giorno per 7 giorni [1, 2].

Livello di credibilità delle raccomandazioni A (livello di sicurezza delle prove 1+)

valacyclovir 1000 mg 3 volte al giorno per 7 giorni [1, 2].

Livello di credibilità delle raccomandazioni A (livello di sicurezza delle prove 1+)

Commenti: La prescrizione di farmaci antivirali è la più efficace nelle prime 72 ore di sviluppo delle manifestazioni cliniche della malattia: una riduzione della sensibilità VZV dell'HSV all'aciclovir e un alto livello di attività antivirale determinano la prescrizione preferita per il trattamento di OV famciclovir o valacyclovir [1, 2].

Livello di credibilità delle raccomandazioni A (livello di sicurezza delle prove 1+)

  • Si raccomanda l'assunzione di farmaci anti-infiammatori non steroidei.

Livello di credibilità delle raccomandazioni D (livello di affidabilità delle prove 3)

Commenti: In assenza dell'effetto della terapia analgesica, possono essere usati farmaci con un effetto analgesico centrale e blocchi neurali (simpatico ed epidurale), che è determinato dalla consultazione di un neurologo [3-6].

  • Si raccomanda la nomina degli effetti sistemici dell'interferone:

interferon gamma ** 500000 IU 1 volta al giorno per via sottocutanea a giorni alterni, per un ciclo di 5 iniezioni [7-14].

Livello di credibilità delle raccomandazioni C (livello di affidabilità delle prove 2+)

  • Consigliato per la fornitura di azione antinfiammatoria locale e la prevenzione della superinfezione batterica, la nomina di soluzioni di alcool 1-2% di coloranti all'anilina (blu di metilene, verde brillante), fucorcina [15].

Livello di credibilità delle raccomandazioni D (livello di affidabilità delle prove 3)

  • Si raccomanda in presenza di eruzioni bollose per aprire le bolle (l'incisione è fatta con forbici sterili) e di estinguere con coloranti all'anilina o soluzioni antisettiche (soluzione allo 0,5% di clorexidina digluconato, ecc.) [15].

Livello di credibilità delle raccomandazioni D (livello di affidabilità delle prove 3)

  • Raccomandato per pazienti con disturbi del sistema immunitario (persone con neoplasie linfoproliferative maligne, riceventi organi interni trapiantati, pazienti sottoposti a terapia corticosteroidea sistemica e pazienti con AIDS) somministrazione per via endovenosa di acyclovir ** 10 mg per kg di peso corporeo (o 500 ml / m 2) per via endovenosa 3 volte al giorno [1, 2, 4].

Livello di credibilità delle raccomandazioni B (livello di affidabilità delle prove 2+)

  • Una volta raggiunto l'effetto morboso, il trattamento può essere continuato con forme orali di aciclovir, famciclovir o valaciclovir secondo il metodo proposto per i pazienti con immunità normale:

acyclovir ** 800 mg per via orale 5 volte al giorno per 7 giorni [1, 2, 4].

Livello di credibilità delle raccomandazioni A (livello di sicurezza delle prove 1+)

famciclovir 500 mg per via orale 3 volte al giorno per 7 giorni [1, 2, 4].

Livello di credibilità delle raccomandazioni A (livello di sicurezza delle prove 1+)

valacyclovir 1000 mg per via orale 3 volte al giorno per 7 giorni [1, 2, 4].

Livello di credibilità delle raccomandazioni A (livello di sicurezza delle prove 1+)

  • Per il trattamento di bambini con EH, è raccomandata la prescrizione di acyclovir ** 20 mg per kg di peso corporeo per via orale 4 volte al giorno per 5 giorni [1, 2, 4].

Livello di credibilità delle raccomandazioni B (livello di affidabilità delle prove 2+)

Commenti: La presenza di lesioni dei gangli periferici e del tessuto nervoso, un organo di visione nell'OG, determina la necessità di coinvolgere specialisti del profilo appropriato nel trattamento: la nevralgia post-erpetica e la terapia dell'herpes oftalmico vengono eseguite in collaborazione con neurologi e oftalmologi.

Per effetti efficaci sul decorso dell'infezione virale causata da VZV, devono essere usati farmaci antivirali. Con la gravità del dolore prescritto farmaci analgesici. Il trattamento esterno mira ad accelerare la regressione delle lesioni cutanee, riducendo i segni di infiammazione e prevenendo la superinfezione batterica.

La necessità di un trattamento anti-infiammatorio è determinata dall'insorgenza della nevralgia erpetica, accompagnata dal dolore, in presenza di evidenza, deve essere selezionata individualmente.

È necessario evitare l'uso di medicazioni occlusive e preparazioni di glucocorticosteroidi. Il trattamento esterno dei gas di scarico con farmaci antivirali e analgesici è inefficace.

L'indicazione per il ricovero è un corso complicato di fuoco di Sant'Antonio.

3.2 Trattamento chirurgico

3.3 Altro trattamento

4. Riabilitazione

La riabilitazione per complicazioni a lungo termine del sistema nervoso viene eseguita da un neurologo, complicazioni dell'organo della vista e degli organi ENT, della cavità orale e del viso da un otorinolaringoiatra, un dentista, un oculista.

5. Prevenzione e follow-up

Nella Federazione Russa al momento della creazione di queste raccomandazioni, la vaccinazione dei gas di scarico non viene effettuata.

Osservazione dell'erogazione soggetta a persone con un flusso complicato di gas di scarico da parte di specialisti del profilo appropriato.

Sintomi e trattamento dell'herpes zoster

L'herpes zoster è una malattia dell'eziologia virale. Durante l'infezione iniziale nell'uomo, si manifesta la normale varicella. Ma una volta che si è ammalato, ogni persona diventa una portatrice di questa infezione per sempre. Ripetutamente l'herpes zoster si manifesta già sotto forma di fuoco di Sant'Antonio, la cui caratteristica distintiva è un'eruzione cutanea limitata sulla superficie della pelle, accompagnata da un forte dolore.

Herpes zoster - che cos'è?

Il terzo tipo di infezione da herpes è l'herpes zoster. Il suo agente causale è un'infezione da virus varicella-zoster. All'inizio appare sotto forma di varicella. In futuro, il virus varicella-zoster non disturba più, ma ci sono casi in cui è attivo.

Herpes zoster ha un codice per ICD-10 (Classificazione internazionale delle malattie):

Anche l'herpes "trascurato" può essere curato a casa. Basta non dimenticare di bere una volta al giorno.

  • varicella (varicella) - B01;
  • B01.2, B01.8-B01.9 - varicella con complicanze;
  • herpes zoster (herpes zoster) - B02.0;
  • B02.0-B02.3, B02.7-B 02.9 - herpes zoster con complicanze.

Come si può vedere la manifestazione esterna della malattia nella foto di un paziente con l'herpes zoster.

Cause dell'herpes zoster nei bambini e negli adulti

La malattia causata dall'herpes zoster è contagiosa e poche persone possono vantarsi di non aver sofferto una volta dalla varicella. Una persona che lo ha avuto prima raramente è stato in grado di contrarre l'herpes zoster, mentre sviluppa una forte immunità alle infezioni. Solo un corpo molto indebolito non sarà in grado di resistere al virus.

Esistono diversi modi di trasmissione:

  • in volo - durante la comunicazione con il paziente;
  • transplacentare - durante la gravidanza o al momento del parto, la madre, essendo portatrice del virus, può trasmetterla al bambino;
  • famiglia - durante l'uso con il paziente di accessori generali (stoviglie, biancheria da letto, articoli per l'igiene);
  • contatto - attraverso il contatto ravvicinato, ad esempio, attraverso la saliva quando si bacia.

Il periodo di incubazione dura 1-30 giorni.

Cause e fattori che causano l'insorgenza della malattia:

  • la gravidanza;
  • età avanzata;
  • malattie del sistema circolatorio;
  • malattie che riducono l'immunità umana, compresa l'infezione cronica oncologica, l'infezione da HIV e il diabete;
  • radioterapia o trattamento con potenti farmaci;
  • trapianto di tessuti o di organi;
  • grave danno fisico.

È contagioso o non è una persona infetta per gli altri? Solo all'inizio della malattia durante la formazione di bolle e all'apertura - questa fase dura circa una settimana.

Forme di herpes zoster

Esistono diverse forme cliniche di herpes zoster:

  1. Vesicular - dura 3-4 giorni ed è caratterizzato dalla comparsa di eruzioni locali.
  2. Virus Zoster che non sviluppa un'eruzione cutanea.
  3. Viscerale, che è chiamato fuoco di Sant'Antonio - colpisce la mucosa delle vie respiratorie, a volte il fegato e il cuore. È estremamente raro.
  4. L'herpes oftalmico è una malattia dell'occhio causata dall'infezione.
  5. Sindrome di Hunt: una lesione erpetica sulla faccia di un albero malato.
  6. Atipico - caratterizzato da un quadro clinico sfocato o alterato:
  • abortivo: vescicole e dolore sono assenti;
  • bolloso - manifestato da grandi bolle con bordi frastagliati;
  • orecchio - l'eruzione è localizzata sul padiglione auricolare;
  • emorragico - ha vesciche piene di contenuti sanguinanti, dopo la guarigione di cui rimangono cicatrici;
  • gangreno - caratterizzato da cambiamenti del tessuto necrotico, seguito dalla comparsa di cicatrici. Si trova in pazienti anziani o diabetici;
  • generalizzato - l'eruzione cutanea è localizzata sul corpo da entrambi i lati.

I primi segni e sintomi della malattia nell'uomo

I fattori provocatori attivano il patogeno che si diffonde dalle cellule nervose lungo i loro processi alla pelle. Nella fase iniziale della malattia, una persona sperimenta i sintomi caratteristici:

  • nella zona controllata dal nervo interessato, appaiono irritazioni rosa di circa 0,5 cm, scompaiono dopo 1-2 giorni, formando bolle;
  • aumento della fatica;
  • temperatura 37 - 37,5 gradi;
  • sintomi del raffreddore;
  • mal di stomaco, nausea possibile;
  • prurito e dolore al sito dell'apparizione delle future eruzioni cutanee.

Dopo diversi giorni lo stato di salute peggiora:

  • la temperatura aumenta fino a 39-40 ° C;
  • grande debolezza, costantemente assonnato;
  • il prurito e il dolore con l'aspetto delle bolle, che successivamente si seccano e formano croste, si intensificano.

Sintomi neurologici in herpes zoster:

  • dolori gravi che peggiorano durante la notte;
  • un nervo malato contribuisce alla perdita di controllo sul funzionamento dei muscoli;
  • il verificarsi di sensibilità patologica o la sua perdita in alcune aree della pelle.

Questo stato di salute continua fino alla formazione di vescicole di croste sul posto, e il prurito e il dolore possono persistere anche dopo la scomparsa degli altri sintomi.

Che medico tratta?

In caso di infezione da virus herpes zoster, è meglio fissare un appuntamento per:

  • pediatra, se il paziente è un bambino, e la malattia è una varicella comune.
  • una malattia infettiva se un adulto è malato, perché l'herpes è una malattia infettiva;
  • un virologo, perché l'infezione virale è il suo campo di attività, ma raramente riceve un medico strettamente specializzato in una clinica regolare;
  • dermatologo, perché la manifestazione esterna della malattia è una caratteristica eruzione cutanea;
  • un neurologo, perché il virus dell'herpes infetta le cellule del sistema nervoso, e questa è l'area di attività di questo specialista.

Ciascuno dei medici elencati è competente in materia e può raccomandare un regime di trattamento basato sui risultati delle ricerche di laboratorio e dell'esame medico.

Metodi diagnostici

Esistono 2 studi principali che vengono utilizzati per identificare il virus del tipo 3:

  1. ELISA determina la presenza di anticorpi nel sangue, che indica la presenza nel corpo del patogeno Varicella-zoster.
  2. La reazione a catena della polimerasi (PCR) per il rilevamento del DNA virale si basa sullo studio del materiale biologico.

L'analisi per la presenza dell'herpes sarà affidabile se il paziente non ha mangiato nulla prima dell'esame.

Quanto tempo viene trattato?

Herpes Zoster guarisce in 2-4 settimane. Questo è quanto tempo ci vuole per eliminare completamente l'eruzione. Dipende dalla gravità della malattia. Tuttavia, può anche andare senza trattamento. Ma l'auto-guarigione è tipica solo per i giovani in buona salute. È meglio non rischiare e cercare aiuto in ospedale.

Metodi di trattamento

Finora, non hanno inventato alcun vaccino o farmaco in grado di liberare definitivamente il corpo dall'herpes. Dopo l'infezione, un'infezione virale invade i tronchi nervosi umani. Ma ci sono farmaci che riducono il tempo di guarigione, alleviano il dolore e il rischio di manifestazioni secondarie.

La terapia può essere effettuata sia in regime di ricovero che in regime ambulatoriale, tutto dipende dall'insorgenza dell'infezione da herpes e dal desiderio del paziente.

medicina

Tradizionalmente, quando si diagnostica un'infezione da herpes, viene prescritta una terapia complessa:

  1. I farmaci antivirali (aciclovir, famciclovir, valaciclovir compresse, unguenti di aciclovir, penzivir, iniezioni di zovirax) sopprimono l'effetto del virus e ne promuovono l'ingresso nella fase latente.
  2. Immunomodulatori (unguento di Viferon, compresse di Kagocel, iniezioni di Licopid) aiutano l'organismo a far fronte al virus stimolando il sistema immunitario.
  3. Gli effetti collaterali che eliminano gli agenti (unguento Ibuprofene antiinfiammatorio e antipiretico, iniezioni di Nurofen, compresse di Panadol) mirano all'eliminazione con i sintomi associati alla malattia.
  4. Gli antidolorifici (unguento di lidocaina, compresse di gabapentin e blocco di Novocain) riducono i dolori nevralgici.

È impossibile trattare l'herpes lapideo con antibiotici. Mina il sistema immunitario e quindi contribuisce allo sviluppo del virus. Gli agenti antibatterici sono rilevanti per le complicazioni causate da infezioni batteriche.

Rimedi popolari

Per un rapido recupero e l'eliminazione dei sintomi, i rimedi popolari vengono usati sia in combinazione con il trattamento farmacologico che in modo indipendente.

Gadget con immortelle

1.5 art. l. collezionare immortelle per preparare 1.5 cucchiai. acqua bollente, insistere per 1,5 ore. Inumidire un tovagliolo nell'infusione e applicare sul luogo infiammato. La procedura viene eseguita 2 volte al giorno per 10-15 minuti. Attuale con eruzioni cutanee sulle mani, dove le bolle sono più spesso ferite.

Trattamento di germogli di olmo

Dalla corteccia dell'olm di maggio spara, separa delicatamente la pelle verde chiaro, quindi asciugala in pezzi al sole. Brew come il tè. Prendi 3-4 volte al giorno per 1 cucchiaio. dopo aver mangiato

Infusione di bardana

3 cucchiai. l. raccolta di foglie di bardana preparare 1 cucchiaio. acqua bollente, insistere per circa mezz'ora. Comprimere sulla base dei fondi ricevuti per mantenere almeno un'ora.

Cipolle fritte

Sbucciare 1 cipolla, tagliarla a metà e tagliarla in una forchetta. Tenere qualche minuto sopra il fuoco, in modo che sia arrostito, ma non bruciato. Quando le cipolle si raffreddano un po 'per attaccarle al punto dolente. La procedura viene ripetuta ogni giorno per 10 giorni.

Impacco alle erbe

Prendi 1 cucchiaino. raccolta di erbe amare: celidonia, assenzio, tanaceto, nove dita, calendula, immortelle e versare 0,5 litri di acqua bollente. Comprimere dalla raccolta è meglio fare di notte e mantenere almeno mezz'ora.

dieta

Quando si sviluppa un virus zoster, il menu di una persona infetta deve consistere in prodotti naturali. Il vantaggio è dato alle verdure e ai frutti che contengono una grande quantità di vitamine: A, E, C e gruppo B. I seguenti prodotti sono raccomandati per il consumo giornaliero:

  • noci (nocciole, mandorle);
  • cereali (mais, orzo);
  • pesce (pesce persico, salmone);
  • bacche (viburno, olivello spinoso);
  • olio vegetale;
  • calamari;
  • semi di girasole;
  • germe di grano;
  • albicocche secche;
  • uva passa;
  • prugne.

Fortemente controindicato nell'herpes zoster:

  • condimenti (pepe, rafano);
  • carni affumicate, sottaceti, sottaceti;
  • alcol;
  • gelatina;
  • frattaglie (fegato, rene, ecc.);
  • tè forte e cacao, così come confetteria;
  • soda.

Possibili conseguenze e complicazioni

L'herpes è pericoloso con complicazioni:

  • nevralgia intercostale;
  • gonfiore o necrosi tessutale;
  • la comparsa di cicatrici;
  • disfunzione degli arti;
  • visione offuscata con un'eruzione cutanea sulle palpebre;
  • infiammazione delle mucose;
  • recidiva;
  • oncologia;
  • polmonite.

Se si ignorano i sintomi e non si inizia il trattamento in tempo, la patologia porta a gravi complicazioni - paresi, paralisi, meningoencefalite.

Herpes Zoster Prevention

Oggi la medicina non ha mezzi per prevenire il ripetersi dell'herpes. Le misure preventive consistono in misure generali che promuovono la salute:

  • indurimento;
  • stile di vita attivo;
  • corretta alimentazione

L'herpes viene trasmesso e attivato nel corpo solo se è indebolito da malattie, stress, sforzo fisico. L'uomo forte resiste con successo alle infezioni.

Recensioni

Mia madre era malata di fuoco di Sant'Antonio circa un mese fa. Ha visto agenti immunostimulating: tintura Immunal ed Echinacea. Il dolore allevia il rimedio popolare. Ha bruciato la carta e ha macchiato le macchie doloranti con fuliggine gialla. Ci sono volute 3 settimane per riprendersi completamente.

Cosa terribilmente spiacevole L'eruzione è comparsa appena sopra la vita, ma l'intera schiena era dolorante. Sab per una settimana su Ketorol, poi ha spalmato Lidocaina. Entrambi significano perfettamente alleviare il dolore - lo raccomando.

Ha avuto la varicella in età adulta. C'erano poche eruzioni cutanee, ma la temperatura è salita a 39. Kagocel e Ibuprofen hanno visto, prurito vesciche e piaghe con l'Acyclovir. Dopo 10 giorni è andato tutto.