Mononucleosi infettiva cronica

Sulla faccia

Una delle più comuni malattie virali, l'agente causale di cui fa parte il gruppo dell'herpes, è la mononucleosi cronica. La malattia ha la sigla VEB o il virus Epstein-Barr ed è pericolosa per la distruzione degli organi interni e lo sviluppo di molte patologie. Il percorso dell'infezione diventa la saliva di una persona malata, oggetti domestici, contatti sessuali. Con una lunga permanenza nel corpo dell'infezione, può svilupparsi una forma cronica della malattia.

Mononucleosi cronica

La malattia, l'agente causale di cui è il virus Epstein-Barr, è chiamata mononucleosi cronica. Tra i suoi sintomi caratteristici sono febbre, fegato ingrossato, linfoadenopatia generalizzata, polmonite e altre manifestazioni pericolose. La diagnosi può essere determinata dopo una serie di test di laboratorio. Molto spesso, la malattia diventa cronica. Il virus appartiene al gruppo dell'herpes e più spesso colpisce i bambini di età inferiore ai 10 anni.

L'agente causale della malattia non può essere nel corpo per un mese e non causa danni a una persona, ma in presenza di determinati fattori il virus viene attivato e porta a un decorso cronico con molte complicazioni di salute. Si moltiplica molto rapidamente e si diffonde in tutto il corpo. La malattia è rara negli adulti a causa dell'immunità stabilita, ma se l'infezione si è verificata, allora ogni sintomo della malattia è lo stesso dei bambini.

Segni di malattia

La durata del periodo di incubazione in media è di circa una settimana. La malattia è caratterizzata da esordio acuto, i primi sintomi compaiono entro 2-4 giorni. Ogni persona ha diverse manifestazioni della malattia e dipende dal decorso della malattia e dalle caratteristiche individuali dell'organismo.

I sintomi comuni nei primi giorni sono i seguenti stati:

  • febbre alta;
  • debolezza e stanchezza;
  • violazione del tratto gastrointestinale;
  • dolore nei muscoli e nelle articolazioni;
  • tonsillite.

Nei pazienti con linfonodi ingrossati e mal di gola compaiono alcuni giorni dopo l'aumento della temperatura. La quarta parte di tutti i pazienti soffre di esantema - lesioni sul corpo sotto forma di piccoli brufoli rossi, che scompaiono in 2-3 giorni.

Inoltre, con la forma cronica di mononucleosi, una eruzione erpetica appare intorno alla bocca, sui genitali. Ci sono casi in cui la mononucleosi cronica procede senza sintomi. Se il sistema immunitario è debole, la malattia può avere diverse forme croniche.

  1. La prima forma cancellata della malattia è caratterizzata da un improvviso aumento della temperatura a tassi elevati, un aumento dei linfonodi, artralgia.
  2. Durante la forma attiva della malattia compaiono dolori addominali, diarrea, nausea, febbre, angina.
  3. La forma generalizzata è caratterizzata da un danno al sistema nervoso centrale, il fegato.
  4. Per una forma atipica, la reinfiammazione della gola, le infezioni virali respiratorie acute, i disturbi intestinali, che sono difficili da trattare, sono caratteristici.

La situazione è complicata dal fatto che nei test di laboratorio sul sangue è difficile determinare la mononucleosi a causa dell'aumento del numero di leucociti e piastrine. Questo è un sintomo di molte infezioni croniche nel corpo.

La forma acuta della malattia inizia spesso con la polmonite e porta a gravi conseguenze, e senza un trattamento tempestivo può essere fatale. La mononucleosi infettiva colpisce spesso i bambini e la causa più comune della malattia è un sistema immunitario indebolito.

Metodi e criteri diagnostici

La mononucleosi infettiva cronica viene diagnosticata dopo le prime manifestazioni vividi della malattia. Un ruolo importante è svolto dal conteggio ematico biochimico e completo, con il quale è possibile vedere il cambiamento nella formula dei leucociti. Un numero maggiore di leucociti è un segno di molti processi infettivi nel corpo, perché è difficile diagnosticare la malattia. Poiché ci sono difficoltà nel fare una diagnosi, ci sono criteri che possono essere usati per determinare la forma cronica della mononucleosi nel corpo.

  1. Se la forma acuta della malattia era 6 mesi fa, allora ci sono indicazioni per la diagnosi di mononucleosi.
  2. Per l'epatite, le lesioni linfonodali, la polmonite e l'ipoplasia del midollo osseo, viene eseguita l'istologia che conferma il danneggiamento degli organi interni.
  3. Il metodo di immunofluorescenza anti-complementare con l'antigene del virus Epstein-Barr aiuta anche nella diagnosi della malattia.

Un risultato più accurato è la titolazione con un aumento degli anticorpi contro il virus Epstein-Barr. Tuttavia, vengono rilevati solo dopo 3-4 settimane di malattia e rimangono nel corpo per tutta la vita. È necessario escludere patologie come angina, difterite e il processo maligno sotto forma di leucemia acuta. Un'ulteriore conferma della diagnosi è un'ecografia degli organi interni.

È possibile curare la malattia

I regimi di trattamento e un farmaco specifico contro il virus Epstein-Barr non sono ancora stati inventati, ma di solito il paziente viene posto in condizioni di ricovero ed elimina i sintomi della malattia. Il principale metodo di trattamento delle forme croniche di mononucleosi è il rafforzamento del sistema immunitario.

Il primo passo è disintossicare il corpo, prescrivere antiossidanti. Se una persona ha una temperatura elevata, si sviluppano varie complicazioni della malattia e inizia il processo di intossicazione, il paziente deve essere urgentemente ricoverato in ospedale.

I metodi di trattamento includono i seguenti elementi:

  • farmaci per ridurre la temperatura;
  • antisettici per la gola per mal di gola;
  • agenti che migliorano l'immunità;
  • complessi vitaminici e minerali;
  • l'uso di immunomodulatori contemporaneamente al gruppo antivirale;
  • antibiotici per prevenire le complicazioni della malattia.

La terapia dipende dalle caratteristiche individuali del paziente e dai sintomi della mononucleosi. Se il fegato è interessato, vengono prescritti epatoprotettori e farmaci coleretici. Nei casi più gravi, prescrivere il farmaco prednisone ormonale.

È importante osservare la dieta e il riposo, camminare all'aria aperta, non disturbare il sonno e abbandonare cattive abitudini che indeboliscono il sistema immunitario. Con la forma cancellata della malattia, il trattamento domiciliare è possibile con l'aiuto di interferone e altri farmaci prescritti dal medico.

La questione se sia possibile curare la forma cronica della malattia non può essere risolta in modo univoco, perché molto dipende dallo stato del sistema immunitario umano e dai sintomi della mononucleosi. Completamente sbarazzarsi del virus non può essere, ma per garantire che i segni della malattia non appariranno mai più del tutto possibili.

Se il trattamento viene eseguito in modo tempestivo, è possibile evitare complicazioni e il virus può essere trasferito in uno stato inattivo nell'80% dei casi. Le persone che hanno un virus Epstein-Barr dovrebbero sottoporsi a un esame medico due volte l'anno e donare il sangue per analisi generali e biochimiche. Per le persone che hanno subito la mononucleosi in forma cronica, è importante condurre uno stile di vita sano, monitorare la propria salute e sottoporsi a un trattamento di sanatorio-resort.

Che tipo di malattia è la mononucleosi e come trattare

La mononucleosi infettiva si incontra ovunque. Anche nei paesi europei sviluppati questa malattia è registrata. Per lo più sono persone malate di età giovane e adolescenti di 14-18 anni. Molto meno spesso la mononucleosi si verifica negli adulti, dal momento che le persone dopo 40 anni, di regola, sono immuni da questa infezione. Vediamo, mononucleosi: cos'è questa malattia e come combatterla.

Cos'è la mononucleosi

La mononucleosi è una malattia infettiva acuta, accompagnata da febbre alta, danni ai linfonodi, orofaringe. La milza, il fegato sono coinvolti nel processo doloroso, la composizione del sangue cambia. La mononucleosi (codice cifrato secondo ICD 10) ha alcuni altri nomi: angina monocitica, malattia di Filatov, linfoblastosi benigna. La fonte di infezione e il serbatoio di mononucleosi è una persona con una malattia lieve o portatore del patogeno.

L'agente eziologico della mononucleosi infettiva è il virus Epstein-Barr della famiglia Herpesviridae. La sua differenza da altri virus dell'herpes sta nel fatto che le cellule sono attivate e non uccise. L'agente patogeno è instabile per l'ambiente esterno, quindi sotto l'influenza di disinfettanti, alte temperature o quando si asciuga rapidamente muore. Le persone infettate dal virus lo espellono per 6-18 mesi dopo il trattamento con la saliva.

Il pericolo del virus Epstein-Barr

La mononucleosi virale è pericolosa perché immediatamente dopo che entra nel flusso sanguigno, i linfociti B, le cellule del sistema immunitario, attaccano. Una volta nelle cellule della mucosa, avendo ottenuto l'infezione primaria, il virus rimane in esse per tutta la vita, perché la distruzione completa non è servita come tutti i virus dell'herpes. Una persona infetta, a causa dell'esistenza a vita di un'infezione da Epstein-Barr, è la sua portatrice fino alla morte.

Dopo la penetrazione nelle cellule immunitarie, il virus le fa trasformare, ed è per questo che, moltiplicandosi, iniziano a produrre anticorpi contro se stessi e l'infezione. L'intensità della riproduzione porta al fatto che le cellule riempiono la milza ei linfonodi, facendoli aumentare. Gli anticorpi del virus sono composti molto aggressivi che, una volta nel tessuto o nell'organo di un corpo umano, provocano malattie come:

  • Lupus eritematoso.
  • Il diabete mellito.
  • Artrite reumatoide
  • Tiroidite Hashimoto.

Come viene trasmessa la mononucleosi agli esseri umani?

Spesso, la mononucleosi infettiva viene trasmessa da un trasportatore a una via aerea sana o con la saliva. È possibile ottenere un virus attraverso le mani, durante i rapporti sessuali o il bacio, attraverso giocattoli o oggetti domestici. I medici non escludono il fatto della trasmissione della mononucleosi durante il travaglio o la trasfusione di sangue.

Le persone sono molto sensibili al virus Epstein-Barr, ma la mononucleosi cancellata o atipica (forma lieve) prevale. Solo nello stato di immunodeficienza l'infezione promuove la generalizzazione del virus, quando la malattia diventa viscerale (grave).

Sintomi e segni della malattia

I criteri caratteristici per i primi giorni di infezione da mononucleosi sono un aumento delle dimensioni della milza e del fegato. A volte durante la malattia c'è un'eruzione cutanea sul corpo, dolore addominale, sindrome da stanchezza cronica. In alcuni casi, quando la mononucleosi distrugge il fegato, per i primi giorni la temperatura dura.

La malattia si sviluppa gradualmente, a cominciare da mal di gola e febbre alta. Poi la febbre e l'eruzione della mononucleosi scompaiono, le tonsille svaniscono. Qualche tempo dopo l'inizio del trattamento della mononucleosi, tutti i sintomi possono ritornare. Scarsa salute, perdita di forza, linfonodi ingrossati, perdita di appetito a volte dura diverse settimane (fino a 4 o più).

Diagnosi della malattia

Il riconoscimento della malattia viene effettuato dopo un'accurata diagnosi di laboratorio di mononucleosi infettiva. Il medico esamina il quadro clinico complessivo e l'esame del sangue del paziente per la RCP (reazione a catena della polimerasi). La medicina moderna è in grado di rilevare il virus senza analizzare la scarica dal rinofaringe. Il medico sa come diagnosticare e curare la mononucleosi dalla presenza di anticorpi nel siero del sangue nella fase del periodo di incubazione della malattia.

Per la diagnosi della mononucleosi vengono anche utilizzati metodi sierologici volti a identificare gli anticorpi del virus. Quando viene effettuata la diagnosi di mononucleosi infettiva, viene condotto un triplo esame del sangue per determinare la presenza di anticorpi contro gli antigeni dell'HIV, poiché questa infezione nella fase iniziale di sviluppo a volte dà anche sintomi di mononucleosi.

Come trattare la mononucleosi

La malattia con uno stadio lieve o moderato è completamente trattata a casa, ma il paziente è isolato dal resto. Nella mononucleosi grave è necessario il ricovero, che tiene conto del grado di intossicazione. Se la malattia si verifica sullo sfondo di danni al fegato, allora la dieta medica n. 5 è prescritta in ospedale.

Il trattamento specifico della mononucleosi di qualsiasi eziologia oggi non esiste. Dopo aver esaminato la storia medica, i medici effettuano una terapia sintomatica, in cui sono prescritti farmaci antivirali, antibiotici, disintossicazione e medicina generale. Deve essere nominato il risciacquo dell'orofaringe con antisettici.

Se non ci sono complicazioni batteriche durante la mononucleosi, il trattamento antibiotico è controindicato. Se vi sono segni di asfissia, se le tonsille sono ingrandite, è indicato un ciclo di trattamento con glucocorticoidi. Ai bambini dopo il recupero del corpo per altri sei mesi è proibito fare vaccinazioni profilattiche per evitare la comparsa di complicanze della mononucleosi.

Trattamento farmacologico: farmaci

La mononucleosi infettiva, anche in completa assenza di trattamento, può passare da sola con il tempo. Ma affinché la malattia non passi nella fase cronica, si consiglia ai pazienti di eseguire la terapia non solo con i rimedi popolari, ma anche con i farmaci. Dopo aver visitato il medico per un paziente con mononucleosi, regime pastello, una dieta speciale e i seguenti farmaci sono prescritti:

  1. Aciclovir. Farmaco antivirale che riduce l'aspetto del virus Epstein-Barr. Con la mononucleosi, il farmaco viene prescritto per gli adulti 5 volte al giorno, 200 mg. Dovrebbe essere preso per 5 giorni. La dose pediatrica è esattamente la metà di quella dell'adulto. In gravidanza, trattamento farmacologico prescritto in rari casi sotto stretto controllo medico.
  2. Amoxiclav. Nella mononucleosi infettiva, questo antibiotico viene prescritto se il paziente ha una forma acuta o cronica della malattia. Gli adulti devono assumere fino a 2 grammi di farmaci al giorno, gli adolescenti fino a 1,3 grammi.Per i bambini di età inferiore ai 12 anni, il pediatra prescrive il dosaggio individualmente.
  3. Supraks. Antibiotico semisintetico, che viene prescritto per la mononucleosi infettiva una volta al giorno. Gli adulti hanno diritto a una singola dose di 400 mg (capsule). Il corso di assunzione del farmaco durante la malattia dura da 7 a 10 giorni. Per i bambini (6 mesi - 2 anni) con mononucleosi, viene utilizzata una sospensione in una dose di 8 mg per 1 kg di peso.
  4. Viferon. Immunomodulatore antivirale che migliora l'immunità. Ai primi segni di mononucleosi, viene prescritto un gel o un unguento per l'applicazione (esterna) alle mucose. Applicare il farmaco durante la malattia sulla zona interessata durante la settimana fino a 3 volte al giorno al giorno.
  5. Paracetamolo. Un analgesico che ha effetti antipiretici e anti-infiammatori. Assegnare con la forma acuta di mononucleosi a pazienti di tutte le età (mal di testa, febbre) in 1-2 tavoli. 3 volte al giorno per 3-4 giorni. (Vedi istruzioni dettagliate per l'uso di Paracetamolo).
  6. Faringosept. Anestetico che aiuta ad alleviare il mal di gola con la mononucleosi. Assegnare, indipendentemente dall'età, 4 compresse assorbibili al giorno. Prendi il farmaco non più di cinque giorni di seguito.
  7. Tsikloferon. Farmaco immunomodulatore e antivirale efficace con il virus dell'herpes. Sopprime la sua riproduzione nei primi termini della mononucleosi (da 1 giorno). I bambini fino a 12 anni e i pazienti adulti sono prescritti una dose orale di 450/600 mg. Per i bambini dai 4 anni l'assunzione giornaliera è di 150 mg.

Trattamento dei rimedi popolari mononucleosi

La mononucleosi può essere curata anche con rimedi naturali, ma c'è il rischio di varie complicazioni. Le seguenti ricette popolari aiuteranno a ridurre il decorso della malattia e ad alleviare i sintomi:

  • Decotto di fiori Prendi le stesse dosi di fiori appena raccolti o essiccati di camomilla, salvia, calendula. Dopo aver mescolato, versare acqua bollente, lasciare per 15-20 minuti. Per migliorare l'immunità e ridurre l'intossicazione epatica durante la mononucleosi infettiva, bere 3 volte al giorno, 1 tazza (150-200 ml) di brodo per migliorare la condizione.
  • Decotto alle erbe Per ridurre un'infezione nel mal di gola, sciacqualo ogni 2 ore con un decotto di cinorrodi tritati (1 cucchiaio) e camomilla secca (150 g). Prepara gli ingredienti in un thermos per 2 ore, poi risciacqua la gola fino a quando non sei completamente guarito.
  • Decotto di cavolo La vitamina C, che è in grandi quantità nel cavolo bianco, aiuterà a recuperare rapidamente e alleviare la febbre. Far bollire le foglie di cavolo per 5 minuti, dopo il brodo, lasciar raffreddare. Ogni ora, prendi 100 ml di brodo di cavolo finché la febbre non si ferma.

Dieta terapeutica

Come già accennato, nel caso di mononucleosi infettiva, il fegato è interessato, quindi, è necessario mangiare correttamente durante una malattia. I prodotti che il paziente deve consumare durante questo periodo dovrebbero essere arricchiti con grassi, proteine, carboidrati e vitamine. Il pasto è assegnato frazionario (5-6 volte al giorno). Durante la dieta medica sono necessari i seguenti prodotti:

  • latticini a basso contenuto di grassi;
  • carne magra;
  • purea di verdure;
  • verdure fresche;
  • dolce frutto;
  • zuppe di pesce;
  • pesce di mare magro;
  • frutti di mare;
  • un po 'di pane di grano;
  • porridge, pasta.

Durante una dieta medica, rinunciare a burro e olio vegetale, formaggio a pasta dura, panna acida, salsicce, salsicce, carni affumicate. Non puoi mangiare marinate, sottaceti, cibo in scatola. Mangia meno funghi, pasticcini, torte, rafano. È severamente vietato mangiare gelato, cipolle, caffè, fagioli, piselli, aglio.

Possibili complicazioni e conseguenze

L'infezione da mononucleosi è letale molto raramente, ma la malattia è pericolosa a causa delle sue complicanze. Il virus di Epstein-Barr ha un'attività oncologica per altri 3-4 mesi dopo il recupero, quindi durante questo periodo è impossibile rimanere al sole. Dopo la malattia, a volte si sviluppa un danno cerebrale, un'infiammazione polmonare (bilaterale) con grave carenza di ossigeno. Possibile durante la rottura della malattia della milza. Se il sistema immunitario del bambino è indebolito, la mononucleosi può causare ittero (epatite).

Prevenzione della mononucleosi

Di norma, la prognosi della malattia è sempre favorevole, ma i sintomi della mononucleosi sono simili a molti virus: epatite, mal di gola e persino HIV, quindi consulta il tuo medico ai primi segni di malattia. Per evitare l'infezione, cerca di non mangiare dai piatti di qualcun altro, se possibile, non baciare di nuovo sulle labbra, in modo da non ingerire la saliva infettiva. Tuttavia, la principale prevenzione della malattia è una buona immunità. Conduci il giusto stile di vita, carica fisicamente il corpo, prendi cibo sano e poi nessuna infezione ti sconfiggerà.

Come si può curare la mononucleosi in un bambino?

23 agosto 2012.

Mononucleosi infettiva nei bambini

In questo articolo, diamo un'occhiata più da vicino a quali sintomi sono caratteristici della mononucleosi nei bambini e quale trattamento della mononucleosi infettiva è il più efficace nel nostro tempo.
La mononucleosi infettiva nei bambini è una malattia virale, si verifica nei bambini di età superiore a due anni, in età prescolare e scolari. I bambini fino a 24 mesi quasi non si ammalano di questo disturbo e coloro che hanno dovuto affrontarlo sono sempre più facilmente tollerabili rispetto ai bambini più grandi. Nella maggior parte dei casi, nei bambini viene diagnosticata una forma lieve di mononucleosi, che non è facile da identificare per i medici.
È possibile raccogliere la mononucleosi infettiva quando si comunica con il paziente (con goccioline disperse nell'aria) o quando si usano le sue cose (per contatto domestico). La mononucleosi non si sviluppa mai in un'epidemia.


Nel trattamento della mononucleosi infettiva, il medico deve prescrivere complessi vitaminici, preparati per alleviare la febbre in un bambino. Il paracetamolo aiuterà a normalizzare la temperatura. Per ridurre il dolore alla gola, chiedere al bambino di fare i gargarismi con soluzioni di iodinolo, furatsilina, lubrificare le aree sensibili con agenti antisettici.

Discutiamo della mononucleosi: come viene trattata e pericolosa la malattia?

Mononucleosi: quali pericoli seguono dopo una malattia?

Con i virus dell'herpes, i costanti compagni dell'umanità, le persone nella maggior parte dei casi si trovano ad affrontare un'età giovane o adolescente.

Al crescere, molti già soffrono della malattia nelle sue varie forme.

Ma la questione di come si svolge l'incontro del virus con i bambini piccoli e di come possa comportarsi in conseguenza rimane sempre rilevante.

La mononucleosi infettiva è causata dal virus Epstein-Barr. È una varietà tra un gran numero di virus dell'herpes ed è molto diffusa. Nella maggior parte dei casi, il virus colpisce bambini dai 3 ai 14 anni.

La malattia spesso si presenta senza sintomi visibili, a volte è completamente mascherata dall'ARI. Tali casi della malattia sono considerati i più sicuri.

Positivo in questa situazione è che, come risultato di ciò, si sviluppa un'immunità permanente contro una malattia nel corpo del bambino.

Maggiori informazioni sulla malattia

La mononucleosi infettiva è una forma clinica causata dal virus Einstein-Barr, che tutti i genitori parlano con eccitazione.

Spesso questa malattia colpisce i bambini nella loro adolescenza. Ma i bambini da infezione non sono assicurati. La malattia procede brillantemente ed è lunga, rimanendo per lungo tempo nelle memorie.

Ma a volte ci sono casi del suo flusso nascosto per un lungo periodo.

Il rischio di infezione si osserva durante tutto l'anno, ma raggiunge il picco nel periodo autunnale.

Il decorso acuto dell'infezione rende il paziente pericoloso per chi lo circonda. Durante questo periodo, la probabilità di infezione è alta. Anche il decorso nascosto della malattia non è meno pericoloso, tale paziente è anche un vettore di virus. I seguenti percorsi sono noti per la trasmissione della mononucleosi:

  • contatto diretto;
  • percorso aereo;
  • baciare;
  • trasfusione di sangue;
  • cavalcare nel trasporto pubblico;
  • uso di prodotti per l'igiene di altre persone.

Le condizioni favorevoli per la sconfitta del virus sono: debole sistema immunitario umano, situazioni stressanti, gravi sforzi fisici e mentali. Il periodo di incubazione dura 5-20 giorni.

La maggior parte della popolazione mondiale è infettata da questo disturbo durante l'adolescenza.

Le persone di età superiore a 40 sono infette in casi molto rari perché a quest'età ci sono già anticorpi nel loro corpo.

Perché il rapido sviluppo della malattia nella sua fase acuta? Mentre una parte delle cellule colpite viene uccisa, il virus, dopo essere stato rilasciato da loro, infetta nuove cellule completamente sane. Le gravi complicanze che questa malattia causa sono considerate linfoadenopatia generalizzata. In casi frequenti, la malattia porta ad un aumento del fegato, milza.

Come riconoscere la malattia?

Nella mononucleosi acuta ci sono sintomi gravi che non possono essere ignorati. Dai primi giorni di infezione, la malattia si manifesta con sintomi simili a una comune malattia respiratoria acuta:

  • lieve disturbo;
  • la debolezza;
  • mal di testa e dolori muscolari;
  • dolori articolari;
  • un leggero aumento della temperatura;
  • cambiamenti minori nei linfonodi.

Dopo un po 'di tempo, questi sintomi sono uniti:

  • febbre;
  • sconfitta della gola;
  • un aumento dei linfonodi e delle tonsille, accompagnato da grave mal di gola;
  • un aumento delle dimensioni del fegato e della milza;
  • cambiamento nei conteggi del sangue.

Dopo un altro momento, il paziente lamenta dolore durante la deglutizione, gli indicatori di temperatura del suo corpo raggiungono i 40 °. Vale la pena notare che una temperatura così elevata non sempre regge.

Entro 21 giorni, è possibile osservare salti da alti a normali. Manifestazioni di tonsillite nel paziente sono osservate quasi dopo l'infezione o dopo un paio di giorni.

Il gonfiore delle tonsille è lieve e ci sono anche manifestazioni gravi.

Se la mononucleosi non viene trattata in tali fasi, si sviluppano complicanze più gravi:

  • respirare è difficile;
  • ci sono molte secrezioni mucose che portano allo sviluppo di rinofaringite;
  • le tonsille hanno fiorito sfumature bianche e gialle della cagliata;
  • i linfonodi del gruppo cervicale sono significativamente ingranditi, il loro diametro può arrivare fino a 3 cm;
  • a causa di problemi con il flusso linfatico, causato dall'infezione, un processo infiammatorio appare nell'intestino, che porta a macchie di pigmento, papule, che scompaiono senza lasciare traccia dopo 3-5 giorni e non appaiono più;
  • l'urina del paziente si scurisce e la sclera e la pelle sono itteriche.

I sintomi acuti durano per circa 3 settimane, dopodiché il quadro clinico si riduce gradualmente.

Ci sono casi in cui la mononucleosi si verifica con una leggera manifestazione di malessere e problemi nel tratto respiratorio superiore. A volte un aumento della temperatura non viene osservato affatto. E i sintomi principali sono i linfonodi ingrossati nel collo.

Con l'aiuto della palpazione, il medico nota la loro densità, elasticità. Sono praticamente indolori e non sono interconnessi con la fibra.

La pelle sopra questi linfonodi non ha cambiamenti visibili.

Le dimensioni dei linfonodi ingranditi sono molto diverse, a volte possono essere con un uovo di gallina.

Nei linfonodi con mononucleosi, non c'è suppurazione.

Un sintomo evidente e chiaramente espresso di questa malattia è la sconfitta della cavità orale nella gola sotto forma di gonfiore e tenerezza delle tonsille.

Quando si ascolta un ritmo cardiaco, viene rilevata la sua tachicardia. Con l'inizio della ripresa, tutti i sintomi sopra elencati scompaiono gradualmente.

Conseguenze negli adulti e nei bambini

Le complicazioni dopo la mononucleosi possono non essere sempre osservate. È importante sospettare l'infezione nel tempo e svolgere il suo trattamento efficace.

A volte la mononucleosi viene confusa con il comune raffreddore e viene selezionata la terapia sbagliata.

Ciò può portare a gravi complicazioni, la più grave delle quali è la morte, che è più spesso causata dalla rottura della milza del paziente.

Ci sono casi in cui, dopo l'infezione trasferita, il paziente presenta le seguenti complicazioni:

  • tachicardia;
  • forme gravi di epatite;
  • processi infiammatori nei reni;
  • psicosi;
  • paralisi delle rughe mimiche;
  • la polmonite;
  • restringimento della laringe, che può essere corretto solo chirurgicamente;
  • meningoencefalite;
  • trombocitopenia.

A questo punto, la mononucleosi non è completamente compresa, quindi i medici non possono prevedere nulla durante la diagnosi di una malattia. È molto importante riconoscere la malattia nella sua fase iniziale, contribuirà ad evitare il pericolo di molte complicazioni.

Il più grave colpo di mononucleosi cade sul sistema immunitario del corpo, che successivamente porta al suo indebolimento. Un corpo indebolito è aperto ad altre malattie.

Raramente, ma succede dopo aver sofferto di insufficienza epatica.

Il sistema nervoso centrale del paziente può essere gravemente colpito. Affinché ciò non accada, è importante sottoporsi a un esame regolare dopo una malattia.

Un trattamento inadeguato e iniquo può portare all'anemia gomalitica e alla miocardite.

Tutte le complicazioni di cui sopra possono più spesso perseguire gli adulti che hanno avuto la mononucleosi. Nei bambini con diagnosi tempestiva e trattamento adeguato, le complicazioni sono estremamente rare. Tutto dipende dalla gravità dell'infezione.

Dopo la malattia: cosa è importante sapere?

Dopo il completo recupero, il virus si deposita nel corpo, senza mostrare nulla. Tutto è sotto controllo.

Ma come risultato di una diminuzione del lavoro del sistema immunitario, spesso si forma una mononucleosi cronica, caratterizzata da una temperatura corporea elevata e costante e dalla frequente comparsa di infezioni fungine, batteriche e virali o di recidive della malattia.

Sulla base di ricerche moderne, gli scienziati hanno trovato un legame diretto con Epstein-Barr e il cancro.

Pertanto, la presenza di carcinoma nasofaringeo e linfoma è associata a questa malattia.

Sebbene la mononucleosi possa talvolta verificarsi senza complicazioni, non è necessario trattarla in modo dispregiativo. È importante diagnosticare in tempo e procedere al trattamento corretto prescritto da un medico qualificato.

La consultazione dei medici è necessaria non solo durante il trattamento della malattia e durante l'intero processo di recupero.

Per quanto riguarda la prognosi della guarigione, è più favorevole. Ma ci sono alcune raccomandazioni dei medici a cui dovresti ascoltare:

  1. È necessario donare regolarmente sangue per l'analisi per escludere la leucemia.
  2. È importante monitorare le condizioni del paziente fino al suo completo recupero.

Questo disturbo non è stato completamente compreso, ma dalla ricerca i medici hanno tratto le seguenti conclusioni:

  1. Gli indicatori di temperatura normali dopo l'insorgenza della malattia sono considerati 37.2-37.5⁰, e questa temperatura può mantenersi per diverse settimane.
  2. Ci sono segni di mal di gola e mal di gola con mononucleosi per circa 14 giorni.
  3. I linfonodi ingrossati tornano alla normalità un mese dopo la malattia.
  4. Una persona che ha subito la mononucleosi soffre di sonnolenza, debolezza e aumento della fatica da diversi mesi a sei mesi.

Consiglio medico

La maggior parte delle complicanze dopo questa malattia possono non apparire del tutto se si sottopongono a un trattamento efficace e si cerca di evitare il raffreddore.

La mononucleosi spostata è una seria ragione per cui una persona pensa allo stato della sua salute. È importante evitare le malattie causate da stafilococchi e streptococchi. Un'attenzione speciale richiede la routine quotidiana di una persona, la sua dieta.

È molto importante andare in ospedale con i minimi sintomi di infezione e passare attraverso tutti gli esami necessari, e se viene rilevata una malattia, iniziare il trattamento in tempo. L'intero periodo di recupero del paziente deve essere fornito di pace, corretta alimentazione, sonno e vitamine.

Dopo aver sofferto la mononucleosi, è molto importante limitare il paziente a forti sforzi fisici. In presenza di operazioni pianificate o vaccinazioni, è meglio rimandarle per un periodo di tempo indefinito finché il corpo non è più forte dopo la malattia.

Breve conclusione

Per prevenire la mononucleosi, non ci sono misure preventive speciali. Non sono molto diversi dalle semplici regole igieniche che devono essere seguite per evitare l'infezione con altre malattie respiratorie.

Non è necessario disinfettare gli oggetti toccati da una persona infetta. È importante prestare maggiore attenzione allo stato del sistema immunitario e rafforzare il corpo.

Inoltre, un'attenzione particolare dovrebbe essere rivolta al sangue donato. Il suo monitoraggio preverrà l'infezione durante la trasfusione.

Raccomandiamo altri articoli correlati.

Che malattia della mononucleosi - i sintomi e il trattamento di farmaci e rimedi popolari

La mononucleosi è un'infezione acuta che colpisce il sistema linfatico del corpo. La malattia si verifica con febbre acuta, a volte aumentando la milza e il fegato. Porta alla comparsa di angina, ridotta immunità.

È ormai noto con precisione che il virus Epstein Barr causa quasi sempre la mononucleosi infettiva. I medici lo riferiscono al gruppo di herpes.

La fonte della diffusione della malattia è una persona malata e l'infezione si verifica per contatto diretto, attraverso oggetti domestici contaminati o goccioline trasportate dall'aria.

Cause della mononucleosi

I meccanismi di trasmissione della mononucleosi sono semplici: attraverso la saliva, il muco, le lacrime. La malattia viene trasmessa attraverso i baci, quindi l'infezione è stata chiamata: "malattia dei baci".

Il virus, una volta sistemato nel corpo, rimane lì per sempre, e anche se non è attivo, è facilmente trasmesso ad altre persone.

Le principali cause della mononucleosi nell'uomo sono:

  • debole immunità;
  • grave sforzo fisico o mentale;
  • trasferimento dello stress;
  • scarsa igiene;
  • biancheria condivisa, piatti, asciugamani

Un'infezione della mononucleosi in un paziente è caratterizzata dai seguenti sintomi della malattia:

  1. Febbre. La temperatura aumenta, il che significa lo sviluppo dell'attività dei microbi o dei loro veleni nel corpo umano. Brividi, aumento della sudorazione
  2. Angina. C'è un mal di gola durante la deglutizione, un processo infiammatorio sulle mucose e una tonsilla ingrossata.
  3. Linfonodi I linfonodi e i tessuti intorno a loro sono di solito ingrossati sotto la mascella, che indica la diffusione della fonte di infezione.
  4. Danni alla milza e al fegato. Ciò provoca il verificarsi di dolore nell'addome di vari gradi. Entro il decimo giorno della malattia, si può osservare il giallo della pelle.
  5. Eruzione cutanea sulla pelle. Scompare dopo l'attenuazione dei sintomi acuti della mononucleosi.
  6. Cambia l'immagine del sangue. Diagnosticato da un medico dopo aver verificato la presenza di cellule mononucleate nel sangue, nonché un aumento di linfociti e monociti.
  7. Patologia dei muscoli del cuore, pancreas. Si manifesta in forme gravi di mononucleosi infettiva in bambini con ridotta immunità.

Metodi di trattamento della malattia della mononucleosi

La mononucleosi virale si riferisce a infezioni auto-limitanti, quindi, anche senza trattamento, la malattia può gradualmente andare via da sola.

Ma affinché l'infezione passi più velocemente, senza diventare troppo cresciuta nella forma cronica, e il rischio di sviluppare complicanze fosse minimo, le persone malate sono consigliate di eseguire determinati trattamenti prescritti da un medico.

La mononucleosi è facilmente curabile a casa, mentre sono prescritti riposo a letto e dieta, ma i medici non hanno ancora sviluppato un trattamento speciale per questa malattia.

  1. "Aciclovir". Poiché la mononucleosi è un'infezione virale, i medici raccomandano l'assunzione di farmaci antivirali che riducono la secrezione del virus Epstein-Barr. I pazienti adulti "Aciclovir" hanno prescritto 200 mg 5 volte al giorno. Il periodo di trattamento del farmaco della malattia - 5 giorni. Una dose pediatrica fino a 2 anni è la metà degli adulti, ma richiede un costante monitoraggio da parte del medico. In gravidanza, l'uso del farmaco è possibile solo in casi eccezionali.
  2. "Viferon". Si applica non solo a farmaci antivirali, ma anche a farmaci immunomodulatori. Il farmaco aumenta l'immunità aiutando il corpo a combattere la malattia. Assegni un unguento o gel "Viferon" nelle prime o ricorrenti infezioni delle mucose per uso esterno. Ha un effetto sulla mucosa nella lesione, che viene applicato con uno strato sottile 3 volte al giorno per una settimana.
  3. "Paracetamolo". Rimuove le sindromi dolorose con mononucleosi di varia origine (febbre, mal di testa). Metodo di applicazione: 1-2 compresse 4 volte al giorno per 3-4 giorni.
  4. "Faringosept". Un farmaco analgesico che aiuta ad alleviare i sintomi dell'angina atipica. Assegna a 4 tabl./giorno, che dovrebbe essere assorbito per dissolversi. Il corso del trattamento dura 3-4 giorni.

Rimedi popolari contro il virus

I sintomi della mononucleosi virale rendono più facile con le seguenti ricette popolari:

  1. Decotto di cavolo La presenza di grandi quantità di vitamina C consente di alleviare rapidamente i sintomi della febbre. Per fare questo, lavare le foglie di cavolo, coprirle con acqua e cuocere a fuoco basso per 5 minuti. Quindi lasciare che il brodo infondi per raffreddare e portarlo a 100 ml ogni ora fino a che la temperatura corporea non diminuisce.
  2. Per ridurre il dolore alla gola è necessario risciacquarlo con un decotto di camomilla e cinorrodi. Per prepararlo, prendi 150 g di fiori secchi di camomilla, 1 cucchiaio. l. farmacia rosa canina, infornare in un thermos, lasciare fermentare per 2 ore. Dopodiché, fai dei gargarismi ogni 1-1,5 ore finché non viene completamente ripristinato.
  3. Per ridurre l'intossicazione del corpo e aumentare l'immunità nella malattia virale, è necessario preparare un decotto di fiori di calendula, salvia di camomilla. Per fare questo, prendere le erbe fresche o secche in proporzioni uguali, versare acqua bollente e mettere a bagnomaria per 15 minuti. Dopo che il decotto si è raffreddato, bere 150 ml 3 volte al giorno fino al completo recupero.

Possibili complicazioni e conseguenze

La malattia è pericolosa per le sue complicanze. Il virus ha attività oncogenica, motivo per cui dopo la mononucleosi è impossibile rimanere al sole per 3-4 mesi.

Sebbene l'infezione da mononucleosi si concluda molto raramente con la morte, è possibile dopo lo sviluppo della malattia lo sviluppo di un'infiammazione del cervello, lesioni bilaterali dei polmoni con grave carenza di ossigeno. Raramente, ma con un decorso grave della malattia è possibile la rottura della milza.

Nei bambini con un sistema immunitario indebolito, la mononucleosi infettiva può portare all'epatite, il cui principale sintomo è l'ittero.

Previsione e prevenzione della malattia

Nel 90% dei casi di rilevamento della mononucleosi da malattia infettiva, la prognosi è favorevole. Tuttavia, dopo un'infezione, il corpo rimane debole.

Un'immunità ridotta sullo sfondo della malattia può durare fino a 6 mesi, quindi viene mostrato un generale rafforzamento del corpo: lavaggio regolare della gola e del naso con decotti di erbe, indurimento, assunzione di complessi vitaminici, corretta alimentazione, frequente presenza all'aria aperta.

Quale medico contattare per diagnosticare la malattia

La mononucleosi è curata da un medico infetto. Questo specialista è facile da trovare in qualsiasi ospedale per malattie infettive su scala municipale o regionale. Il medico è responsabile per la diagnosi e il trattamento della mononucleosi e di altre malattie virali.

Studia le cause della malattia e il meccanismo dell'infezione in ogni singolo caso, determinando il quadro clinico con l'aiuto di backpoints, esami del sangue e delle urine, studi biochimici, ultrasuoni, raggi X, elettrocardiografia, irrigoscopia.

: come si trasmette la mononucleosi e come curarla

La mononucleosi dei bambini si sviluppa spesso dopo i 10 anni di età, e i bambini al di sotto di 1 anno di età non soffrono praticamente di questa malattia infettiva. Ciò è dovuto al fatto che i bambini di questa età non comunicano con i loro coetanei e con un gran numero di adulti contagiosi.

La malattia virale entra nel corpo del bambino, di norma, attraverso la membrana mucosa del tratto respiratorio superiore, da dove inizia il suo viaggio attraverso il corpo.

Vediamo nel video l'opinione del famoso medico pediatra Komarovsky sul modo migliore di trattare la mononucleosi infettiva:

Recensioni

Anastasia, 21 anni, Kemerovo:

Ho sempre pensato che qualsiasi febbre e arrossamento della gola dovesse essere immediatamente trattato con antibiotici. Ma la mononucleosi mi è tornata una volta all'anno.

Un farmacista in una farmacia mi consigliò di comprare l'antivirale "Aciclovir", di rifiutare gli antibiotici e spesso fare i gargarismi con la soda e il sale. La malattia è già passata il 3 ° giorno.

Vladlen, 32 anni, Tula:

Il figlio di 5 anni ha aumentato le tonsille e la membrana mucosa della gola coperta da una patina bianca. Analgin non ha aiutato, la temperatura è stata mantenuta a 38 per 2 giorni.

Il pediatra ha diagnosticato la mononucleosi e ha prescritto il "Decatilen" per la gola e il risciacquo del naso 1 volta all'ora con soluzione salina calda.

La sera successiva, la temperatura diminuì, e una settimana dopo il figlio si riprese dalla mononucleosi.

Nina, 54, Mosca:

Non ho mai riconosciuto medicinali, e quando mi sono ammalato con la mononucleosi virale, non li ho comprati.

Prese il consiglio della medicina tradizionale e abbassò la temperatura, strofinando il corpo con un tovagliolo di carta immerso nell'acido acetico, la gola risciacquata con infuso di camomilla ogni ora, bevve il tè al lampone. Dopo 2 giorni ero sano e andai a lavorare

Le informazioni presentate nell'articolo sono solo a scopo informativo. I materiali dell'articolo non richiedono auto-trattamento. Solo un medico qualificato può diagnosticare e consigliare il trattamento in base alle caratteristiche individuali di un particolare paziente.

Cos'è la mononucleosi infettiva, i suoi sintomi e i metodi di trattamento

La mononucleosi è una malattia virale infettiva, colpisce le tonsille e l'ugola, il nasofaringe, i linfonodi, il fegato, la milza e influenza la composizione del sangue.

Oltre alla mononucleosi infettiva, questa malattia è chiamata "febbre ghiandolare" e "angina monocitica". Di seguito apprenderete come viene trasmessa questa malattia, i metodi di diagnosi e trattamento. Parleremo anche delle modalità di trasmissione e dei sintomi della malattia.

Ma prima, diamo un'occhiata più da vicino a ciò che è la mononucleosi infettiva e quali sono le sue cause.

Cause e patogeno

L'agente eziologico della mononucleosi infettiva è un gruppo di virus dell'herpes ed è un virus dell'herpes di tipo 4 chiamato virus Epstein-Barr. Oltre alla mononucleosi infettiva, Epstein-Barr provoca una serie di malattie che vanno dalla sindrome da stanchezza cronica all'epatite.

Esistono cinque principali metodi di infezione dell'infezione, vediamo come viene trasmessa la mononucleosi:

  1. Contatto diretto e trasmissione domestica. Quando viene trasmessa la forma di contatto del virus, spesso attraverso la saliva. Quando la saliva di una persona infetta sale su oggetti domestici, quando entra in contatto con essa, è il soggetto di un nuovo danno dell'organismo.
  2. Goccioline trasportate dall'aria. Il virus stesso non è resistente a un ambiente aperto, per cui il contatto ravvicinato con una persona infetta è necessario perché il virus entri nell'organismo nuovo attraverso l'aria.
  3. Dalla madre al feto. In gravidanza, nel caso di una forma acuta della malattia o dell'infezione primaria, è probabile che l'infezione penetri nella placenta fino al feto.
  4. Attraverso le relazioni dei donatori. La capacità di contrarre l'infezione è attraverso la trasfusione di sangue infetto o il trapianto di organi donatori.
  5. Attraverso il bacio. I baci sono stati specificatamente evidenziati in un paragrafo separato, nonostante il fatto che quanto sopra sia già stato scritto sulla possibile infezione attraverso la saliva di una persona infetta. La mononucleosi è chiamata "malattia del bacio" perché è uno dei metodi più comuni per la diffusione della mononucleosi e le ragioni della sua ampia scoperta negli adolescenti.

Il periodo di incubazione della mononucleosi può durare fino a tre settimane, ma il più delle volte è una settimana. La malattia stessa dura circa due mesi.

La peculiarità dell'agente causale della mononucleosi è la distribuzione attiva tra gli adolescenti e le grandi concentrazioni di persone, quindi le persone sono spesso infettate in gruppi, mentre negli ostelli, nelle scuole o negli asili.

La mononucleosi virale spesso causa una forma acuta della malattia nei bambini e negli adolescenti. Ciò è dovuto all'infezione primaria, che è soggetta ai bambini. Anche la mononucleosi negli adulti avviene, ma principalmente nella ricorrenza di una malattia cronica.

sintomi

I sintomi della mononucleosi non possono sempre essere precisi, così molti medici diagnosticano l'infiammazione normale alla mononucleosi infettiva e commettono errori, e più tardi, dopo la comparsa di sintomi evidenti di mononucleosi, capiscono di aver preso la decisione sbagliata.

Sintomi comuni

Considera i sintomi comuni della malattia:

  • un aumento dei linfonodi;
  • lieve malessere;
  • mal di testa;
  • dolori muscolari;
  • le articolazioni iniziano a ferire;
  • all'inizio della malattia la temperatura aumenta leggermente;
  • più tardi la temperatura sale a 39 - 40 gradi;
  • deglutizione dolorosa;
  • circa un giorno la temperatura corporea può scendere e salire irregolarmente;
  • appare la tonsillite;
  • mal di stomaco, possibile diarrea o vomito;
  • milza ingrossata e fegato.

Sintomi locali

Sintomi della mononucleosi infettiva associata alla gola. Nella mononucleosi angina, come viene anche chiamata "angina mononucleare", vi è un aumento di ispessimento del muco nel rinofaringe, che scorre notevolmente nella parte posteriore della gola.

La gola inizia a far male, le ghiandole si infiammano, è difficile respirare a causa dei problemi associati alla secrezione di muco dal nasofaringe. Inizia la tonsillite, che può manifestarsi con un forte gonfiore delle tonsille, a volte il gonfiore è debole, indicando una tonsillite catarrale.

Le tonsille sono ricoperte di fiori.

Segni di mononucleosi associati ai linfonodi. Quando si osserva mononucleosi infiammazione delle aree cervicali linfatiche nei linfonodi posteriori e sottomandibolari.

L'aumento di nodi in queste zone può raggiungere i tre centimetri. Oltre ai sistemi linfatici sottomandibolari e cervicali, i linfonodi nelle aree inguinale e ascellare possono a volte essere colpiti.

La foto sotto il numero 1 e 2 mostra i linfonodi ingranditi nella mononucleosi infettiva.

In alcuni casi, può verificarsi un'eruzione cutanea. L'eruzione cutanea appare circa cinque giorni dopo l'inizio della malattia e dura tre giorni.

L'eruzione cutanea può essere pigmentata sotto forma di macchie. La foto numero 3 mostra come l'eruzione della mononucleosi compare negli adulti.

E nella foto sotto il numero 4 puoi vedere come si versa la mononucleosi nei bambini.

Oltre alle manifestazioni tipiche, nella mononucleosi infettiva, i sintomi possono essere completamente assenti, indicando una forma atipica del decorso della malattia.

Mononucleosi infettiva cronica

La mononucleosi cronica è il corso di un'infezione già accertata nel corpo di persone portatrici.

In determinate circostanze, che sono associate all'inibizione del sistema immunitario, si manifesta una ricaduta della malattia.

Tuttavia, una diminuzione dell'immunità può essere dovuta a molti fattori, tra cui la depressione e il mantenimento di uno stile di vita non sano. Inoltre, la forma cronica può verificarsi a causa di malattia.

Durante l'esacerbazione, la mononucleosi cronica è espressa dai seguenti sintomi:

  • tutte le stesse emicranie e dolori muscolari;
  • debolezza generale del corpo;
  • in alcuni casi, la milza è ingrandita, leggermente più piccola rispetto all'infezione iniziale;
  • i linfonodi sono ingranditi nelle stesse aree della forma acuta;
  • nello stesso momento la temperatura del corpo, il più spesso, normale;
  • a volte si osserva nausea e dolore addominale.

A causa della natura della forma cronica di mononucleosi infettiva, la malattia si osserva negli adulti.

In questo caso, c'è un'attivazione di collegamento del virus Epstein-Barr con frequenti recidive di freddo sulle labbra e herpes genitale.

Cioè, le persone che manifestano manifestazioni persistenti di herpes labiale di herpes 1 e 2 tipi sono più spesso suscettibili di malattia secondaria con mononucleosi.

diagnostica

La diagnosi di mononucleosi infettiva è necessaria a causa della difficile individuazione della malattia dovuta a sintomi tipici, poiché i sintomi esterni ricordano molte malattie, tra cui l'angina e la SARS.

Considerare i principali metodi di diagnosi di laboratorio della mononucleosi infettiva:

  1. Analisi del sangue generale Nel sistema circolatorio periferico di una persona infetta compaiono cellule mononucleate, si tratta di linfociti in cui si verificano determinati cambiamenti sotto l'influenza del virus Epstein-Barr. Le persone sane non hanno queste cellule.
  2. PCR (reazione a catena della polimerasi). Questo tipo di diagnosi viene utilizzato per rilevare il virus Epstein-Barr nel corpo. La PCR rileva il DNA del virus di Epstein-Barr e consente di specificare lo stadio della malattia.
  3. Faringoscopia in Laura. La diagnosi di mononucleosi con la faringoscopia è necessaria per distinguere il mal di gola monocitico da un altro tipo di mal di gola, per questo si dovrebbe assolutamente visitare un otorinolaringoiatra.

È possibile differenziare la mononucleosi da SARS e tonsillite con congestione nasale e respiro russare.

In caso di mal di gola o ARVI, c'è un raffreddore comune che non dà sintomi sotto forma di respiro complesso.

Se durante l'infezione iniziale è tardi diagnosticare la mononucleosi infettiva e il trattamento non inizia in tempo, può diventare cronico e ridurre l'immunità.

trattamento

Il trattamento della mononucleosi infettiva è principalmente rivolto alla lotta contro i sintomi.

Come trattare la mononucleosi sotto forma di uno schema specifico, non troverete da nessuna parte, perché il piano di trattamento non esiste.

Ma è possibile identificare alcuni aspetti che mirano a combattere gli organi colpiti e ad innalzare i meccanismi protettivi del corpo.

Vale la pena notare che quando le complicazioni, l'alta temperatura e l'intossicazione generale del paziente vengono ospedalizzati. Ma il più delle volte il trattamento della mononucleosi è ambulatoriale.

Considerare come trattare la mononucleosi infettiva, evidenziando diverse aree e farmaci:

  • La terapia vitaminica - è necessaria per aiutare il sistema immunitario, che combatte l'infezione.
  • Antipiretici - per combattere le alte temperature.
  • Antibiotici - in alcuni casi, il metronidazolo viene prescritto per combattere l'infiammazione in gola.
  • La splenectomia (rimozione della milza) - viene eseguita se la milza è colpita durante una malattia, se non ci sono medici vicino alla rottura di un organo, è possibile un esito letale.
  • Tracheotomia (foro nella trachea) - viene eseguita in caso di gravi complicazioni con la respirazione, richiede anche l'intervento dei medici.
  • Farmaci coleretici - in caso di danno epatico.
  • Corretta alimentazione: una dieta con mononucleosi è necessaria per regolare il metabolismo, che è disturbato a causa di malattia. In questo caso è vietato - pane fresco e pasticcini, tutti grassi e fritti, caviale, frutta e verdura acida, gelato e cioccolato.

Come si può vedere dall'elenco sopra, il trattamento è mirato alla patologia degli organi che sono stati colpiti dalla mononucleosi. E anche per mantenere il sistema immunitario.

Inoltre, è necessario un riposo costante fino a quando i sintomi associati all'infiammazione della gola e alla temperatura corporea sono passati. Lo stadio acuto della malattia di solito passa entro due settimane.

Ma la condizione generale del corpo può essere indebolita per qualche altro mese.

Mononucleosi e gravidanza

La peculiarità della mononucleosi infettiva nel portare un bambino risiede nel fatto che tutte le lesioni sopra elencate degli organi interni e le complesse condizioni difficili della futura mamma possono seriamente influenzare il feto. Alcuni scrivono che la mononucleosi durante la gravidanza non è pericolosa per il feto, ma non lo è.

Gli esperti raccomandano di astenersi dal pianificare una gravidanza per sei mesi dopo aver sofferto di mononucleosi. E non importa chi fosse malato, una donna o un uomo.

Se la malattia è peggiorata durante la gravidanza, allora minaccia di abortire, se la mononucleosi si verifica in forma grave.

In caso di malattia grave, i medici spesso insistono sull'interruzione artificiale della gravidanza.

Sintomatologia nelle donne nella stessa posizione degli altri adulti.

Tutti gli stessi problemi con i linfonodi, la gola, il benessere generale del corpo sono in uno stato di depressione, problemi con la respirazione e gli organi interni.

Nella forma lieve di mononucleosi, il trattamento viene effettuato utilizzando gli stessi metodi sopra descritti, i sintomi sono controllati, ma con una preferenza per la gravidanza.

Dalle raccomandazioni per le future mamme, è possibile consigliare urgentemente di sottoporsi a una diagnosi da parte del ginecologo generale per confermare la diagnosi, poiché, come già detto, la mononucleosi è facilmente confusa con l'angina o la SARS. E tutte le altre raccomandazioni su farmaci e metodi di trattamento dovrebbero essere ricevute solo da un medico per non aggravare la situazione e non danneggiare il feto.

Cos'è la mononucleosi pericolosa

Nella mononucleosi infettiva, le complicanze sono estremamente rare, ma se questo accade, passano in una forma molto grave e in alcuni casi portano alla morte del paziente. Alcuni degli effetti della mononucleosi sono dati nei metodi di trattamento, ma consideriamo tutte le possibili complicanze di questa malattia:

  • rottura della milza - spesso porta alla morte, se non si ha il tempo di fare l'operazione da rimuovere;
  • anemia emolitica autoimmune;
  • dal campo della neurologia - in questo caso, possono verificarsi encefalite, danni al nervo facciale e ai nervi della regione cranica, meningoencefalite, polineurite;
  • problemi al fegato, compresa l'epatite;
  • Linfoma di Burkitt - una complicazione si presenta sotto forma di granulomi ed è associata al virus di Epstein-Barr.

Quando le complicanze della mononucleosi producono spesso danni al fegato, una piccola diminuzione del numero di piastrine, che porta al blocco del sangue. Così come una forma grave di granulocitopenia, che si presenta sotto forma di granulociti abbassati nel sangue, che aumenta la possibilità di un esito letale.

Con il danno al fegato, le complicazioni sono solo la formazione di epatite, che forma la forma itterica della mononucleosi.

Un forte aumento dei linfonodi che passano vicino alla trachea può portare a gravi complicanze del tratto respiratorio.

Di solito, la morte si verifica solo quando la milza si rompe e le complicanze come l'encefalite.

prevenzione

La prevenzione della mononucleosi è mirata solo a mantenere il sistema immunitario in uno stato stabile e a comprendere le modalità di trasmissione dell'infezione.

Per mantenere l'immunità, è necessario mantenere uno stile di vita sano.

E capendo la trasmissione della mononucleosi infettiva, devi seguire le regole che non consentono a una persona infetta di trasmetterti la malattia.

In caso di mononucleosi infettiva, non vi è alcuna profilassi diretta direttamente contro il virus. È necessario ricordare cos'è la mononucleosi e cosa la causa.

È vero, questa malattia è causata dal virus Epstein-Barr e non ci sono vaccini o farmaci antivirali contro questo specifico scopo di combattere questo ceppo del virus.

Pertanto, è necessario seguire le regole generali di prevenzione associate alla difesa immunitaria del corpo.

Quindi, riassumendo, vale la pena ricordare che nel trattamento di questa malattia c'è una lotta diretta con i sintomi che sono comparsi durante la febbre ghiandolare.

Oltre al trattamento degli organi colpiti dall'infezione.

Non dimenticare la trasmissione di infezioni ed evitare le persone che hanno una forma acuta della malattia, se sono i tuoi cari, devi indossare una maschera e selezionare un piatto separato per il paziente.

La mononucleosi può essere curata

Le fonti del patogeno sono una persona infetta da mononucleosi infettiva e un vettore di virus. L'infezione avviene attraverso goccioline trasportate dall'aria, per contatto diretto (ad esempio quando si bacia), attraverso oggetti domestici contaminati dalla saliva.

Nella saliva, il virus viene rilevato alla fine del periodo di incubazione della malattia, durante il suo picco e talvolta dopo 6 mesi o più dopo il recupero.

L'escrezione di virus è nota nel 10-20% delle persone che in passato hanno avuto una mononucleosi infettiva.

I virus Epstein-Barr in forma latente possono persistere nei linfociti B e nell'epitelio della mucosa dell'orofaringe.

La mononucleosi infettiva si verifica ovunque, le persone di tutte le età sono malate.

Nei paesi sviluppati, la malattia è registrata principalmente tra adolescenti e giovani, il picco di incidenza è di 14-16 anni nelle ragazze e di 16-18 anni nei ragazzi.

Nei paesi in via di sviluppo, i bambini di gruppi più giovani sono più spesso malati. Molto raramente, la mononucleosi infettiva si verifica negli adulti sopra i 40 anni, poiché la maggior parte delle persone a questa età è immune a questa infezione.

Nei bambini di età inferiore a 2 anni, la malattia di solito non viene diagnosticata a causa del decorso latente. La mononucleosi infettiva è poco contagiosa: si osservano principalmente casi sporadici, occasionalmente piccoli focolai epidemici.

Il trattamento per la malattia lieve e la possibilità di isolamento del paziente possono essere eseguiti a casa. In una condizione grave del paziente, l'insorgenza di complicanze richiede l'ospedalizzazione nel reparto di malattie infettive. Assegnare riposo a letto, terapia sintomatica.

Gli antibiotici sono usati solo in caso di complicanze batteriche. Va tenuto presente che l'ampicillina e l'oxacillina per i pazienti con mononucleosi infettiva sono strettamente controindicate.

Nella malattia grave, è consigliabile un breve ciclo di terapia con glucocorticoidi.

Mononucleosi infettiva cronica

Una delle più comuni malattie virali, l'agente causale di cui fa parte il gruppo dell'herpes, è la mononucleosi cronica.

La malattia ha la sigla VEB o il virus Epstein-Barr ed è pericolosa per la distruzione degli organi interni e lo sviluppo di molte patologie. Il percorso dell'infezione diventa la saliva di una persona malata, oggetti domestici, contatti sessuali.

Con una lunga permanenza nel corpo dell'infezione, può svilupparsi una forma cronica della malattia.

Mononucleosi cronica

La malattia, l'agente causale di cui è il virus Epstein-Barr, è chiamata mononucleosi cronica.

Tra i suoi sintomi caratteristici sono febbre, fegato ingrossato, linfoadenopatia generalizzata, polmonite e altre manifestazioni pericolose. La diagnosi può essere determinata dopo una serie di test di laboratorio.

Molto spesso, la malattia diventa cronica. Il virus appartiene al gruppo dell'herpes e più spesso colpisce i bambini di età inferiore ai 10 anni.

L'agente causale della malattia non può essere nel corpo per un mese e non causa danni a una persona, ma in presenza di determinati fattori il virus viene attivato e porta a un decorso cronico con molte complicazioni di salute. Si moltiplica molto rapidamente e si diffonde in tutto il corpo. La malattia è rara negli adulti a causa dell'immunità stabilita, ma se l'infezione si è verificata, allora ogni sintomo della malattia è lo stesso dei bambini.

Segni di malattia

La durata del periodo di incubazione in media è di circa una settimana. La malattia è caratterizzata da esordio acuto, i primi sintomi compaiono entro 2-4 giorni. Ogni persona ha diverse manifestazioni della malattia e dipende dal decorso della malattia e dalle caratteristiche individuali dell'organismo.

I sintomi comuni nei primi giorni sono i seguenti stati:

  • febbre alta;
  • debolezza e stanchezza;
  • violazione del tratto gastrointestinale;
  • dolore nei muscoli e nelle articolazioni;
  • tonsillite.

Nei pazienti con linfonodi ingrossati e mal di gola compaiono alcuni giorni dopo l'aumento della temperatura. La quarta parte di tutti i pazienti soffre di esantema - lesioni sul corpo sotto forma di piccoli brufoli rossi, che scompaiono in 2-3 giorni.

Inoltre, con la forma cronica di mononucleosi, una eruzione erpetica appare intorno alla bocca, sui genitali. Ci sono casi in cui la mononucleosi cronica procede senza sintomi. Se il sistema immunitario è debole, la malattia può avere diverse forme croniche.

  1. La prima forma cancellata della malattia è caratterizzata da un improvviso aumento della temperatura a tassi elevati, un aumento dei linfonodi, artralgia.
  2. Durante la forma attiva della malattia compaiono dolori addominali, diarrea, nausea, febbre, angina.
  3. La forma generalizzata è caratterizzata da un danno al sistema nervoso centrale, il fegato.
  4. Per una forma atipica, la reinfiammazione della gola, le infezioni virali respiratorie acute, i disturbi intestinali, che sono difficili da trattare, sono caratteristici.

La situazione è complicata dal fatto che nei test di laboratorio sul sangue è difficile determinare la mononucleosi a causa dell'aumento del numero di leucociti e piastrine. Questo è un sintomo di molte infezioni croniche nel corpo.

La forma acuta della malattia inizia spesso con la polmonite e porta a gravi conseguenze, e senza un trattamento tempestivo può essere fatale. La mononucleosi infettiva colpisce spesso i bambini e la causa più comune della malattia è un sistema immunitario indebolito.

Metodi e criteri diagnostici

La mononucleosi infettiva cronica viene diagnosticata dopo le prime manifestazioni vividi della malattia. Un ruolo importante è svolto dal conteggio ematico biochimico e completo, con il quale è possibile vedere il cambiamento nella formula dei leucociti.

Un numero maggiore di leucociti è un segno di molti processi infettivi nel corpo, perché è difficile diagnosticare la malattia.

Poiché ci sono difficoltà nel fare una diagnosi, ci sono criteri che possono essere usati per determinare la forma cronica della mononucleosi nel corpo.

  1. Se la forma acuta della malattia era 6 mesi fa, allora ci sono indicazioni per la diagnosi di mononucleosi.
  2. Per l'epatite, le lesioni linfonodali, la polmonite e l'ipoplasia del midollo osseo, viene eseguita l'istologia che conferma il danneggiamento degli organi interni.
  3. Il metodo di immunofluorescenza anti-complementare con l'antigene del virus Epstein-Barr aiuta anche nella diagnosi della malattia.

Un risultato più accurato è la titolazione con un aumento degli anticorpi contro il virus Epstein-Barr. Tuttavia, vengono rilevati solo dopo 3-4 settimane di malattia e rimangono nel corpo per tutta la vita.

È necessario escludere patologie come angina, difterite e il processo maligno sotto forma di leucemia acuta.

Un'ulteriore conferma della diagnosi è un'ecografia degli organi interni.

È possibile curare la malattia

I regimi di trattamento e un farmaco specifico contro il virus Epstein-Barr non sono ancora stati inventati, ma di solito il paziente viene posto in condizioni di ricovero ed elimina i sintomi della malattia. Il principale metodo di trattamento delle forme croniche di mononucleosi è il rafforzamento del sistema immunitario.

Il primo passo è disintossicare il corpo, prescrivere antiossidanti. Se una persona ha una temperatura elevata, si sviluppano varie complicazioni della malattia e inizia il processo di intossicazione, il paziente deve essere urgentemente ricoverato in ospedale.

I metodi di trattamento includono i seguenti elementi:

  • farmaci per ridurre la temperatura;
  • antisettici per la gola per mal di gola;
  • agenti che migliorano l'immunità;
  • complessi vitaminici e minerali;
  • l'uso di immunomodulatori contemporaneamente al gruppo antivirale;
  • antibiotici per prevenire le complicazioni della malattia.

La terapia dipende dalle caratteristiche individuali del paziente e dai sintomi della mononucleosi. Se il fegato è interessato, vengono prescritti epatoprotettori e farmaci coleretici. Nei casi più gravi, prescrivere il farmaco prednisone ormonale.

È importante osservare la dieta e il riposo, camminare all'aria aperta, non disturbare il sonno e abbandonare cattive abitudini che indeboliscono il sistema immunitario. Con la forma cancellata della malattia, il trattamento domiciliare è possibile con l'aiuto di interferone e altri farmaci prescritti dal medico.

La questione se sia possibile curare la forma cronica della malattia non può essere risolta in modo univoco, perché molto dipende dallo stato del sistema immunitario umano e dai sintomi della mononucleosi. Completamente sbarazzarsi del virus non può essere, ma per garantire che i segni della malattia non appariranno mai più del tutto possibili.

Se il trattamento viene eseguito in modo tempestivo, è possibile evitare complicazioni e il virus può essere trasferito in uno stato inattivo nell'80% dei casi.

Le persone che hanno un virus Epstein-Barr dovrebbero sottoporsi a un esame medico due volte l'anno e donare il sangue per analisi generali e biochimiche.

Per le persone che hanno subito la mononucleosi in forma cronica, è importante condurre uno stile di vita sano, monitorare la propria salute e sottoporsi a un trattamento di sanatorio-resort.